Amici dello Tsavo

AMICI TSAVO

A piedi nello Tsavo, per 3 volte riportato a Malindi

La singolare storia di un "matto" che vuol vivere in savana

30-04-2019 di Giovanna Grampa

Ogni safari nel parco dello Tsavo è un’avventura che può riservare sorprese inaspettate.
Si parte con entusiasmo, affetti da una inguaribile curiosità, nella speranza di vedere i big five, ma soprattutto un bel branco di leoni o uno splendido leopardo dagli occhi di giada, rilassato su un ramo di un albero.
Ma non sempre sono gli animali a riservare delle sorprese.
Pochi giorni fa, entrati al Sala Gate, decidiamo di percorrere la strada che costeggia il fiume Galana: ci è giunta la segnalazione della presenza di un branco di sette giovani leoni che ha cacciato un grosso bufalo.
Già di prima mattina il caldo è insopportabile e l’aria, senza vento, è irrespirabile.
In giornata il meteo prevede temperature intorno ai 40 gradi.
Procediamo lentamente alla ricerca del branco, guardando con attenzione ogni zona d’ombra: l’afa opprimente mattutina spinge già a quest’ora gli animali a cercare un riparo dal sole.
A circa 10 km dall’entrata del parco davanti a noi, al centro della strada polverosa e cotta dal sole, ci appare la figura di un uomo che percorre a piedi lo sterrato. Allibiti e increduli lo raggiungiamo.
Sulla spalla porta un sacco di bottiglie di plastica vuote, indossa una maglietta beige un po’ lacera, uno strano pantaloncino scuro con un inserto a righe simil-zebra, un paio di ciabatte consumate e troppo grandi per i suoi piedi callosi.
Ha l’aspetto un po’ svagato, inebetito e vagabondo continua a camminare in un mondo che sembra gli appartenga.
Si ferma per guardarci sorpreso mentre gli diamo una bottiglia d’acqua perché possa almeno idratarsi.
Cerchiamo di parlare con lui per sapere quanto è accaduto ma riceviamo come risposta una sola parola: “Nyumbani” (a casa in kiswahili).
Dove vai? Nyumbani!
Da dove vieni? Nyumbani!
Come ti chiami? Nyumbani!
Impossibile saperne di più.
Mentre lo guardiamo più attentamente ci sembra di averlo già visto vagare a Malindi. Ma certo, è lui! Alcuni in città lo chiamano semplicemente Wazimu, il matto.  Sicuramente ha qualche problema mentale ma come ha fatto arrivare fino a qui da Malindi e a sopravvivere in condizioni così dure?
E quanti giorni ha camminato?
Ma soprattutto cosa ha mangiato e dove ha dormito?
L’aspetto comunque non è sofferente anche se beve avidamente la bottiglietta di acqua fresca che gli abbiamo dato.
Non è nemmeno consapevole dei pericoli che corre e perso nella savana forse diventerebbe vittima di predatori.
Sette leoni si aggirano proprio in quella zona e potrebbero prenderlo di mira e divorarlo.
Non bisogna mai voltare le spalle a un felino: hanno l’istinto degli inseguitori. Attiviamo subito i soccorsi chiamando il KWS di Voi perché invii una macchina per prelevarlo e metterlo in sicurezza. Anche i Rangers restano allibiti dalla nostra comunicazione e la prima risposta è “WHAT?”
Per fortuna la tecnologia ci aiuta in questi casi: una bella foto spedita via Whatsapp e anche i rangers si convincono che c’è proprio un uomo che vaga tutto solo nel Parco. Guardo questo ragazzo, o forse uomo, dall’età indefinita, con un sentimento di tenerezza.
Per me adesso lui è Nyumbani, con il suo sacco di bottigliette di plastica in spalla, con lo sguardo mite, con gli occhi un po’ assenti e mi chiedo come abbia potuto eludere i controlli al Gate. Provo anche un sentimento quasi di invidia perché lui, dopo tutto, ha realizzato quello che è anche un mio sogno: camminare libera nella savana, guardando gli animali così da vicino per assaporare nuove emozioni. 
Per noi visitatori del parco è e resterà per sempre un sogno proibito: nel parco è severamente vietato scendere dalle auto e ci sono cartelli anche all’entrata che lo ricordano. Ma la storia ha un finale a sorpresa: il nostro Nyumbani viene sì soccorso dal KWS ma è un recidivo!
Infatti è la terza volta che viene sorpreso a camminare nel parco e per la terza volta viene riaccompagnato a Malindi dove sembra avere una dimora.
Ed ogni volta lui, con calma si rimette in cammino, percorre la Tsavo road, oggi asfaltata quasi interamente e in prossimità del Sala Gate percorre un sentiero laterale alternativo, per evitare di essere visto dai Rangers e per essere nuovamente libero in mezzo alla “sua” savana.
Forse non è proprio così matto come molti credono!

(foto Adrivanna)

TAGS: tsavo estsavana kenyaamici tsavotsavo piedi

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le conferme arrivano al nostro portale da più parti: ieri il parlamentare di Gongoni Kombe ha confermato l'arrivo del Presidente Kenyatta, la prossima settimana, per inaugurare ufficialmente i lavori di asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso dello Tsavo,...

LEGGI TUTTO

La voglia sfrenata di questo Paese di tecnologicizzarsi e allo stesso tempo di limitare il grande cancro della corruzione, rischia spesso di causare contrattempi a chi ci lavora e chi lo promuove.
Oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Da oggi il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo, ha un nuovo proprietario. L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo safari. Il...

LEGGI TUTTO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

Una stagione fantastica per i safari in Kenya, e specialmente per i Parchi Nazionali di Tsavo Est e Ovest e dell'Amboseli.
Il direttore della Kenya Association of Hotelkeepers and Caterers...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO