Amici dello Tsavo

SAFARI

E' già boom di turisti nel verdissimo Tsavo Est

Si annuncia una stagione di safari da record

26-11-2019 di Giovanna Grampa

Sarà una stagione da record in termini di presenze per i safari nel parco dello Tsavo?
A giudicare dall’affluenza di fine novembre ci sono tutti i presupposti.
Da qualche giorno, decine di Land Cruiser ogni mattina si accodano all’entrata del Sala Gate riversando il loro carico di turisti che, pieni di entusiasmo ed aspettative, ingannano l’attesa dello svolgimento delle formalità d’ingresso acquistando il classico cappello da safari, oggetti vari di artigianato e guardando coccodrilli voraci sulla riva del fiume, pregustando il contatto con l’Africa selvaggia.
Sono incontenibili e s’aggirano a piedi in ordine sparso per scattare le prime foto di gruppo, per lo più con un cellulare e l’immancabile bastone da selfie,immortalando la scritta "Tsavo East National Park".
Per molti è il viaggio della vita, per altri un sogno che s’avvera: vedere gli animali liberi in natura ma soprattutto il leone, il re della savana sempre pronto a proclamare il suo potere con profondi ruggiti. I lodge nel parco sono tutti prenotati da tempo e in alcuni giorni della settimana è quasi impossibile trovare una camera o una tenda libera. E non parliamo di turismo solo italiano ma anche tedesco, polacco, spagnolo, francese, americano: un turismo multinazionale al quale si aggiunge per il fine settimana un turismo locale di ricchi kenyani che rifuggono dalle città sempre più caotiche e scelgono di rilassarsi con la famiglia in savana.
Certamente la strada che porta al parco, ora interamente asfaltata, ha contribuito e non poco a questo sviluppo non del tutto inaspettato.
In poco più di un’ora da Malindi o Watamu si arriva all’ingresso del parco in qualsiasi condizioni di tempo, senza l’incubo di tratti di strada impietosi per terreni sconnessi o totalmente impraticabili in caso di pioggia.
E di pari passo al completamento della strada asfaltata si è sviluppato un turismo che prevede anche il safari di un solo giorno allo Tsavo. Si entra di mattina presto, si pranza a mezzogiorno in un lodge all’interno del parco e nel tardo pomeriggio si ritorna sulla costa. Un’offerta dedicata a chi, avendo pochi giorni di permanenza in kenya non vuole rinunciare al relax della vita di mare e decide di riservare un solo giorno al safari o a chi vuole spendere una cifra più contenuta. Non sono rari i giorni in cui alcuni lodge in savana devono far fronte anche a 50/60 coperti in più rispetto alle loro prenotazioni. Un turismo oserei dire mordi e fuggi che comunque incrementa le casse del KWS (Kenya Wildlife Service) e contribuisce positivamente ad aumentare il lavoro e i ricavi di tutte le attività correlate, dalla ristorazione alla vendita di souvenir e non ultimo dei vari tour operator della costa.
Il parco poi in questo periodo si è vestito a festa quasi per voler ricevere a braccia aperte i suoi visitatori e stupirli con effetti speciali.
Paesaggi che sanno incantare per via di quei verdi brillanti che riempiono gli occhi mentre la savana è incorniciata di bruni rossastri come il manto di un impala. Infinite e morbide tonalità di colori la rendono rigogliosa come un giardino coltivato che profuma di terra fertile, il tipico odore acre dell’Africa.
La pioggia che cade da circa due mesi, con una frequenza quasi giornaliera, ha dato inizio ad una incredibile metamorfosi nel momento del massimo bisogno, restituendo la vita ad una terra assetata. Non dobbiamo dimenticare che a fine settembre tutto era così tristemente desertificato e gli animali vivevano condizioni estreme di sopravvivenza.
Ora la vegetazione è talmente rigogliosa che è quasi impossibile vedere cosa c’è sotto agli alberi e i felini che riposano pigramente durante il giorno a volte sono difficili da trovare. In safari ora gli animali vanno proprio “cercati”: la natura esplode e richiama attenzione.
L’erba nuova attira interi branchi di impala, gazzelle e zebre. Gli elefanti si nutrono a sazietà riempiendosi la bocca con generose manciate di erba saporita, si ingozzano famelici e tutti gli animali sono finalmente rinati a nuova vita.
Ovunque c’è acqua: piccoli laghetti, fiumiciattoli, intere pianure allagate e anche il Galana River ora è tornato a ruggire con i suoi vortici generosi e rossastricon la dignità di un fiume che si rispetti.
Il cielo di novembre spesso è minaccioso e piove anche durante il giorno: le piste rosse in poche ore diventano imprevedibili, in alcuni tratti scivolose come l’olio e dal fondo sconosciuto. Ma il turismo non si ferma. Poco importa se la Land Cruiser scivola in questi tratti e sgroppa ondeggiando con il rischio di impantanarsi: per i turisti è un’esperienza che emoziona, è come vivere l’avventura nell’avventura, assaporando l’Africa vera come terra di conquista, desiderosi di evadere dalla bambagia delle loro esistenze urbane.
Osservare la fauna selvatica è una delle attività più emozionanti e la maggior parte dei turisti rimane talmente affascinata dalla savana da rimanerne vittima. L’Africa la senti dentro in modo viscerale, oppure ti sfiora solo marginalmente.
Ci auguriamo che il safari per ognuno di loro sia un’esperienza unica vissuta come un mosaico di emozioni intense e che lasci un segno indelebile come un tatuaggio a testimonianza di quei contrasti affascinanti che solo la vita in savana sa regalare.

TAGS: safari tsavosavana kenyaturisti kenya

Una stagione fantastica per i safari in Kenya, e specialmente per i Parchi Nazionali di Tsavo Est e Ovest e dell'Amboseli.
Il direttore della Kenya Association of Hotelkeepers and Caterers...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Prosegue con successo l'iniziativa di Malindikenya.net e Swara Osteria Camp "Vivi la magica Savana con noi".
(Leggi qui dell'iniziativa e delle condizioni).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La voglia sfrenata di questo Paese di tecnologicizzarsi e allo stesso tempo di limitare il grande cancro della corruzione, rischia spesso di causare contrattempi a chi ci lavora e chi lo promuove.
Oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Lo Shoroa River Camp rinasce sulla sponda del fiume Galana.
In pochi mesi lo storico campo tendato dell’esperto di savana Simone Trentavizi situato alle porte dello Tsavo Est, che per anni ha accolto moltissimi turisti ed è diventato una delle...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Il Safari da Malindi e Watamu da quest’anno è decisamente più “friendly”, nel segno della professionalità e del piacere di vivere un’esperienza che merita di godere dei migliori servizi a prezzi accessibili.
 

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Da oggi il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo, ha un nuovo proprietario. L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo safari. Il...

LEGGI TUTTO

La compagnia italiana di safari Bush Company, con il KWS, sponsorizza il rispetto delle regole nello Tsavo.
La settimana scorsa nello Tsavo la compagnia di safari dell’italiana Camilla Frasca Caccia, unica guida professionale italiana con certificazione “Silver” KPSGA, ha portato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un piacere in più nella meraviglia. Quest'anno per i safari in Kenya è stato il boom di richieste di cene o aperitivi nel mezzo della Savana.
Un modo in più per godersi una situazione indimenticabile, non solo durante i "game...

LEGGI TUTTO

Procedono e neanche tanto "pole pole" i lavori di asfaltatura della strada per lo Tsavo che parte da Malindi e arriva al Sala Gate, ovvero l'ingresso più a sud del grande Parco Nazionale dello Tsavo Est, meta di migliaia di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Che bello il safari in Kenya accompagnato da un gesto di solidarietà. 
A far vivere ai turisti questa doppia emozione Luca Macrì ci ha sempre tenuto particolarmente. 
Certo, devi trovare le persone predisposte, di gran cuore e aperte di mentalità...

LEGGI TUTTO

La strada che da Malindi porta al Parco Nazionale dello Tsavo Est, meglio conosciuta come...

LEGGI L'ARTICOLO