Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

Gli italiani allo storico rogo delle zanne di Nairobi

Giorno triste ma pieno di significato per la lotta al bracconaggio

02-05-2016 di Giovanna Grampa

30 aprile 2016. Una data che entrerà nella storia : il Kenya ha scelto di bruciare, davanti agli occhi del mondo intero, le zanne di elefanti e rinoceronti sequestrati al mercato illegale. Una cerimonia mediaticamente spettacolare, il più grande rogo del mondo dopo il 1989 quando il Governo kenyano fece una scelta analoga: un gesto simbolico molto forte contro i bracconieri, voluto da Richard Leakey.
I tre Honorary Warden di Malindi, Massimo Vallarin, Davide Gremmo e Adriano Ghirardello, non potevano mancare. Davide Bomben, che accompagnava Edoardo Stoppa (l’amico degli animali) con gli operatori di Striscia la Notizia, erano presenti all’evento, organizzato nelle vicinanze dell’entrata del Parco Nazionale di Nairobi.
Per chi, come noi, è arrivato di prima mattina, lo spettacolo di undici mucchi di zanne accatastate le une sulle altre ha presentato una visione spettrale, infinitamente triste. Migliaia e migliaia di zanne , una diversa dall’altra. Molte grandi , curve, regolari , ogni curva unica perchè ogni elefante è unico. Zanne madreperlacee, dai colori burrosi; altre ancora macchiate di scuro dai succhi vegetali , sfregiate e consunte dall’età. Interi patrimoni genetici che non verranno mai più tramandati. Con l’uccisione degli animali più vecchi vengono alterati gli schemi di migrazione, le gerarchie e la disciplina nei branchi, perfino le abitudini riproduttive. Migliaia e migliaia di elefanti morti per l’insaziabile avidità per questo oro bianco, vivente.
E in mezzo a queste undici grandi cataste di zanne , una enorme cesta in ferro, vuota , riempita a metà mattinata con corni di rinoceronte : il dodicesimo rogo! Grandi sacchi bianchi , scaricati da un camion del KWS , aperti uno ad uno, hanno mostrato il loro macabro contenuto: corni di varie dimensioni , di un grigio ferreo , plumbeo, riversati nella grande cesta a testimonianza di altri efferati eccidi di animali innocenti. Un carico emotivo insopportabile , al limite delle lacrime.
Emozioni condivise dalle migliaia di persone presenti invitate e tra loro tutti i più famosi etologi, ambientalisti, naturalisti che vivono in Kenya ; da Richard Leakey a Cinthya Moss, Joyce Pool, Douglas Hamilton e sua moglia Oria . Tutti loro hanno trascorso l’intera vita dedicandosi allo studio di questi meravigliosi animali e facendoli conoscere al mondo intero, attraverso la pubblicazione di libri.
Questo evento è stata l’occasione per parlare con ognuno di loro: grandi strette di mano e abbracci per condividere la tristezza del momento con le reciproche promesse di collaborare sempre più a stretto contatto per la protezione di questo patrimonio dell’intera umanità. A metà pomeriggio ad accendere il rogo è stato il Presidente Uhuru Kenyatta.
Ed ecco prendere fuoco un mucchio dopo l’altro : si innalzavano fiamme che rilasciavano una grigia foschia contro il cielo plumbeo. 
Il carico di emotività era davvero insopportabile e , questa volta, non è stato possibile trattenere le lacrime perchè sembrava di udire i lamenti di dolore di tutti gli elefanti e i rinoceronti trucidati.
L’uccisione di questi animali ha rappresentato un delitto contro l’Africa , una offesa agli dei della savana e anche all’anima dell’uomo. Gli elefanti e i rinoceronti stanno morendo e , con loro, sta morendo anche l’Africa e le generazioni future non avranno più la possibilità di ammirare lo loro la bellezza. E proprio in occasione di questa cerimonia, Massimo Vallarin e Davide Bomben, Presidente della AIEA e della Poaching Prevention Accademy, hanno voluto consegnare un riconoscimento a Richard Leakey, fondatore del KWS , colui che ha lottato , fino a quasi rimetterci la vita , contro i bracconieri per difendere gli animali dei parchi.
L’intervista rilasciata da questo grande uomo a Edoardo Stoppa di Striscia la Notizia, farà conoscere anche in Italia l’impegno di connazionali presenti alla consegna che operano attivamente da decenni per proteggere gli animali nei parchi del Kenya.
“Abbiamo partecipato ad un evento tanto memorabile quanto triste” ha commentato Massimo Vallarin alla conclusione della cerimonia mentre, al sopraggiungere del crepuscolo africano , bruciavano ancora le zanne ormai annerite dalle fiamme. Il rogo durerà tre giorni.

TAGS: Rogo zanneMassimo VallarinDavide BombenAdriano GhirardelloDavide Gremmo

Dagli animali c'è sempre da imparare: guardate cosa succede nello Tsavo quando un vecchio elefante cerca di accoppiarsi con un'elefantessa troppo giovane. E' il branco stesso ad impedirglielo, fermandolo e minacciandolo! (grazie a Giovanna e Adriano Ghirardello per il contributo)

Gli amici italiani degli animali salvano un leone alle porte dello Tsavo.
Un’avventura straordinaria è accaduta domenica scorsa nella Conservancy del Galana Ranch al confine con il Parco Nazionale dello Tsavo East. 
Una maledetta trappola, piazzata da bracconieri con lo scopo...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Una Land Rover che riscalda la grigia domenica milanese, colorandola con immagini meravigliose della natura africana e portando per un pomeriggio i milanesi in giro per il Kenya. "Safari in città" si è rivelata un'iniziativa decisamente positiva: il Ministro del...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Dalla sopravvivenza intellettuale nella Torino degli anni di Piombo, a quella sportiva nella savana del Kenya.
La storia di Enzo Maolucci, professore delle medie negli anni Settanta, poi cantautore con all’attivo uno degli album più intensi del cantautorato rock italiano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

Gentile redazione di Malindikenya.net.
Vorrei fare riferimento ad un vostro articolo, pubblicato qualche settimana fa, nel quale si ricordava ai nostri connazionali l’esistenza di leggi ben precise relative a trofei , coralli, conchiglie e quant’altro.
Mi corre l’obbligo, quale Honorary...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Il Kenya portato in una scuola italiana dagli "Amici dello Tsavo". 
E’ stata una lezione di quasi due ore , ascoltata con interesse e passione dai ragazzi della Scuola Media Enrico Fermi di Fagnano Olona, in provincia di Varese.
Accompagnati...

Anche Malindi ha festeggiato la giornata mondiale dei rangers e lo ha fatto confermando lo spirito di collaborazione tra il Kenya Wildlife Service e la comunità straniera della cittadina.
Alla presenza del Senior Warden Jane Gitau, il KWS si è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Ranger Onorario del KWS.
Un riconoscimento ufficiale, arrivato nei giorni scorsi e pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale keniana.
Per Adriano Ghirardello si tratta di un importante riconoscimento arrivato a compendio di tanti anni di attività di assistenza, aiuto e coordinamento con...

LEGGI TUTTO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

Wide Satao, il mitico elefante di oltre quarant'anni, conosciuto dai rangers, dalle guide esperte e dagli appassionati frequentatori dello Tsavo Est per le sue enormi, incredibili zanne, è stato salvato dalle grinfie dei bracconieri e riportato alla vita, dopo che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO