Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

I ranger italiani salvano un leone nello Tsavo

Coordinamento e azione: rimosso un laccio mortale

20-08-2016 di Giovanna Grampa

Gli amici italiani degli animali salvano un leone alle porte dello Tsavo.
Un’avventura straordinaria è accaduta domenica scorsa nella Conservancy del Galana Ranch al confine con il Parco Nazionale dello Tsavo East. 
Una maledetta trappola, piazzata da bracconieri con lo scopo di uccidere animali della savana, per poi rivenderne la carne, ha incuriosito forse una settimana prima, un giovane leone maschio che ne è rimasto a sua volta vittima.
Il laccio metallico si chiude d’improvviso attorno al bacino, si stringe sempre più penetrando sotto alla pelle ed inizia la dolorosa infezione che potrebbe condannarlo a morte certa.
Ma il coordinamento del team di Honorary Warden di Malindi lo salverà.
La storia ha dell’incredibile perchè frutto di una serie di fortunate coincidenze. A cominciare da Simone Trentavizi, titolare dello Shoroa Camp, che avvista il leone ferito ed immediatamente invia posizione e foto al veterinario del KWS, Dr. Poghom che, per fortuna, si trova proprio nello Tsavo East, a due ore di strada dal punto di avvistamento.
Le stesse informazioni vengono inviate a Massimo Vallarin che però è a Nairobi ma fa pervenire la segnalazione ,corredata di foto, al collega Davide Gremmo il quale, il giorno prima, decide casualmente di rientrare da Lualenyi Camp a Malindi passando proprio attraverso lo Tsavo East. Nel frattempo il leone, accompagnato da due leonesse, di cui una probabilmente è la madre, si sposta facendo perdere le sue tracce.
Deve essere per forza ritrovato : l’unità mobile del veterinario sta per giungere sul posto.
Nel frattempo Gremmo raggiunge la postazione dell’ultimo avvistamento ed inizia ad avventurarsi nella fitta vegetazione secca di un paesaggio desertico, riarso dal sole, alla ricerca del leone ferito e delle due leonesse. Sobbalzando tra sentieri sconnessi coperti di polvere e tra cespugli spinosi , individua i leoni all’ombra , perfettamente mimetizzati nel loro nuovo nascondiglio, nel folto di una vegetazione impenetrabile.
Davide rimane a sorvegliare la nuova postazione dei felini fino all’arrivo del veterinario. Il giovane leone viene poi addormentato: si adagia su un fianco e lì rimane sdraiato con le sue grosse zampe segnate dalla tipica maculatura dei cuccioli e con il ventre esposto che mostra tutta la gravità della ferita.
Le leonesse vengono allontanate con grida e battiti di mani. Balzano sulle zampe , arricciano le labbra in un brontolio di minaccia e si allontanano furtivamente nell’erba , scongiurando il pericolo di un eventuale attacco a sorpresa.
Ora il leone può essere spostato: sollevato di peso viene portato in una zone aperta per essere operato.
Dopo un’ora di intervento, terminato con larghi punti di sutura e appropriate medicazioni farmacologiche, al fortunato leone viene iniettato un antidoto che lo risveglia dalla narcosi, lasciandolo assopito ancora per qualche ora, con la grazia di un gatto addormentato, fino al suo totale risveglio.
E’ un giovane maschio e presto guarirà perfettamente , crescendo forte e sano, grazie al tempestivo e coordinato intervento degli Honorary Warden italiani di Malindi, sempre più impegnati nella protezioni degli animali, figli degli dei della savana , dove ogni giorno può succedere qualcosa di particolare e di speciale. Complimenti a tutti, ottimo lavoro di squadra ! 

TAGS: Leone salvatoAdriano GhirardelloSimone TrentaviziDavide GremmoMassimo VallarinHonorary Warden Kenya

30 aprile 2016.
Una data che entrerà nella storia : il Kenya ha scelto di bruciare, davanti agli occhi del mondo intero, le zanne di elefanti e rinoceronti sequestrati al mercato illegale.
Una cerimonia mediaticamente spettacolare, il più grande rogo...

LEGGI TUTTO

Gentile redazione di Malindikenya.net.
Vorrei fare riferimento ad un vostro articolo, pubblicato qualche settimana fa, nel quale si ricordava ai nostri connazionali l’esistenza di leggi ben precise relative a trofei , coralli, conchiglie e quant’altro.
Mi corre l’obbligo, quale Honorary...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Una bella notizia di vita in questo agosto un po' triste per eventi che ci hanno privato di amici e connazionali della comunità italiana sulla costa del Kenya.
Ieri notte a Mombasa è nato Francesco, il figlio primogenito di Simone...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sei mesi fa Malindikenya.net (leggi qui la notizia) aveva raccolto l'appello degli Honorary Warden di Malindi e Watamu (i residenti italiani e locali che aiutano il Kenya Wildlife Service a proteggere la natura e gli animali, far rispettare...

LEGGI TUTTO

Dagli animali c'è sempre da imparare: guardate cosa succede nello Tsavo quando un vecchio elefante cerca di accoppiarsi con un'elefantessa troppo giovane. E' il branco stesso ad impedirglielo, fermandolo e minacciandolo! (grazie a Giovanna e Adriano Ghirardello per il contributo)

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Purtroppo questa volta non ce l’abbiamo fatta a salvare uno dei tanti meravigliosi animali che popolano la savana intorno a Malindi.
Dopo il salvataggio di elefantini caduti nelle pozze e di leoni liberati dai lacci piazzati come trappole dai bracconieri,...

LEGGI TUTTO

Conchiglie nelle abitazioni keniote: basta una ricevuta del negoziante, o della bancarella (con timbro o dati certi del venditore) e non ci saranno problemi.
Un altro passo avanti per la corretta detenzione di conchiglie nelle case di Malindi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Malindi ha festeggiato la giornata mondiale dei rangers e lo ha fatto confermando lo spirito di collaborazione tra il Kenya Wildlife Service e la comunità straniera della cittadina.
Alla presenza del Senior Warden Jane Gitau, il KWS si è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per chi trascorre le vacanze a Malindi e dintorni, la magia del safari è a portata di mano.
L'ingresso del Parco Nazionale dello Tsavo è a soli 100 chilometri e bastano due soli giorni per qualcosa di indimenticabile.
Ma pochi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Sono arrivato a Malindi 25 anni fa e non ho mai smesso di essere innamorato di questo posto”. 
Tra safari e bed&breakfast al parco marino, Simone Trentavizi festeggia le nozze d’argento con il Kenya. 
Con i fratelli Alessandro e Giancarlo,...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

Lo Shoroa River Camp rinasce sulla sponda del fiume Galana.
In pochi mesi lo storico campo tendato dell’esperto di savana Simone Trentavizi situato alle porte dello Tsavo Est, che per anni ha accolto moltissimi turisti ed è diventato una delle...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

Dalla sopravvivenza intellettuale nella Torino degli anni di Piombo, a quella sportiva nella savana del Kenya.
La storia di Enzo Maolucci, professore delle medie negli anni Settanta, poi cantautore con all’attivo uno degli album più intensi del cantautorato rock italiano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO