Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

La magia inalterata dello Tsavo dopo 6 mesi

Ritorno dall'Italia nel paradiso della Natura

12-09-2020 di Giovanna Grampa

Dopo sei lunghi interminabili mesi finalmente di nuovo in Kenya, nella terra dei nostri sogni, delle nostre passioni e delle meraviglie dimenticate. Sono stati giorni difficili, rinchiusi docilmente in casa, imbavagliati con le mascherine anche a quaranta gradi, agli arresti domiciliari forzati, il terrore come sentimento collettivo. Il coronavirus ha cambiato abitudini e libertà mettendo in crisi il nostro modello di vita che credevamo intangibile. Grazie a questo mostro invisibile non solo il corpo è finito in una scatola, ma anche la mente predisponendoci ad un costante atteggiamento rinunciatario, alimentato da una esasperazione mediatica della pandemia ad opera di tuttologi, sempre presenti sui media e sui social network. E’ veramente difficile vivere in questo contesto senza certezze sulle criticità da superare, in un clima di terrorismo sanitario, bombardati da notizie angoscianti. Come un prigioniero aspetti solo il momento di evadere, di rompere quel vetro che ti isola dal mondo per respirare nuovamente l’aria della tua vita. Che bella sensazione risalire su un aereo che corre nel blu di nuvola in nuvola: certificato Aire, tampone negativo e un biglietto aereo mi hanno permesso di coniare il mio personale slogan “io non resto a casa”. Le valigie erano pronte da mesi.
Arrivata a Mombasa avrei voluto inginocchiarmi per baciare la terra: un’aria profumata e tiepida mi ha subito avvolto in un abbraccio virtuale di benvenuto, coccolandomi. Ero lontana da tutto, dall’Italia, dalle sue paure, dalle mie inquietudini. Per chi vuole essere libero non c’è catena che tenga e la lontananza dall’Africa mi aveva inaridita: solo il ritorno in savana mi avrebbe completamente rigenerata.
Un’aria di sospesa aspettativa mi ha pervaso già nel percorrere la Tsavo road, la strada che porta all’entrata del parco: rivedo con occhi nuovi il paesaggio, i grandi orizzonti, il cielo immenso e profondo, facendo il pieno di aria africana. Mi basta il profumo gentile ed inebriante della savana per apprezzare nuovamente la dolcezza del vivere. L’Africa ha su di me un effetto straordinario.
Con l’avanzare della stagione secca iniziano a mutare i colori e con essa l’intera morfologia del paesaggio. Il verde sbiadisce per sfumare in giallo-beige e il paesaggio diventa secco e polveroso con sfumature attenuate, subendo incredibili trasformazioni. Chiudo gli occhi e cerco di rivivere le sensazioni di colori, odori, animali semplicemente come le ho sempre vissute, aspettando che la magia trovi una nuova eco. Il mio desiderio prende forma davanti ad un gruppo di elefanti intenti a bere in un laghetto ormai ridotto dalla mancanza di pioggia. Tra le zampe delle femmine più adulte, cuccioli di pochi mesi in attesa che le loro madri finiscano di dissetarsi. Li osservo dal finestrino della macchina, pervasa da un senso di pace. Se ne vanno poi con la loro andatura da sonnambuli, in fila indiana, con i loro movimenti lenti sempre accompagnati dallo sventolio delle orecchie e la loro abitudine di raccogliere del terriccio con la proboscide per farsi delle docce di sporco sulla testa e sui fianchi. I piccoli approfittano per giocare tra loro e mimare lotte titaniche, avvolti da nuvole di terra rossa impalpabile. Quanto mi sono mancati! Ho quasi la sensazione che alcuni di loro mi stiano guardando per darmi il benvenuto dopo tanti mesi di assenza.

Le ore passano, la meraviglia e la felicità per essere qui invece non si attenuano minimamente: le passioni in Africa non scoloriscono.  Giraffe dal fare curioso staccano foglie carnose evitando le spine acuminate mentre branchi di zebre pascolano silenziose e più distanti. Gli animali sono tutti tranquilli, rilassati quasi stupiti nel vedere una macchina che li osserva. Non ci sono turisti, solo qualche auto privata e da mesi vivono la loro vita senza rumori, senza stress, circondati solo dai suoni della savana e dal vento.

Troviamo una famiglia di leoni, pigri e appisolati, che hanno appena finito di banchettare. I musi sono sporchi di sangue coagulato e la rotondità delle loro pance non lascia dubbi. I piccoli leoncini giocano tra loro: sembrano orsacchiotti, maculati come gattini.

Gli struzzi fuggono disturbati dall’unico motore capace di rompere l’incanto del silenzio e con la loro andatura veloce e scoordinata ce li ritroviamo spesso davanti alla macchina, in mezzo alla strada.

Intorno a noi l’erba è bruciata dal sole africano, il vento è leggero ed avvolgente mentre il silenzio è magico ed emozionante. Il cielo è nuvoloso e sembra minacciare una vaga promessa di pioggia ma l’acqua così tanto attesa non arriva. La luce per fotografare non è certamente delle migliori ma non siamo alla ricerca della foto dell’anno ma solo di bellezza e incanto.

Un numero generoso di erbivori bruca su un tappeto di terra riarsa: sono centinaia tutti mischiati pacificamente tra loro. Impala, gazzelle, eland e kongoni con i loro cuccioli nati da pochi mesi che trottano festosi vicino alle madri. Tra loro colpisce il colore più chiaro del manto di un animale simile al kongoni: un rarissimo hirola, riconoscibile anche per la caratteristica mascherina sul muso a forma di occhiali e dalla coda bianca. E’ un animale in via di estinzione e ne esistono solo pochi esemplari all’interno del parco. Certamente si sente troppo osservato: si fa ammirare per un po’ e poi timidamente si allontana per nascondersi dietro un cespuglio forse consapevole della sua rarità.

Dopo cena ci ritiriamo nella tenda del lodge di Ashnill ad Aruba: il nostro piccolo paradiso privato. La luna splende alta nel cielo e davanti a noi alcuni elefanti bevono nella pozza. Sgomitano tra loro, lanciano sonori barriti di saluto e di sottofondo un costante vibrante brontolio rafforzato dal generoso gorgoglio dell’acqua nelle loro proboscidi. Nell’aria il loro odore acuto e pungente e da lontano il richiamo inconfondibile di una iena. Come è lontana l’Italia con le sue paure: mi sento fortunata e felice di poter registrare quella straordinaria vita intorno a me.

Nasce un nuovo giorno e alle prime luci dell’alba siamo nuovamente alla ricerca di emozioni. La savana sembra aver rallentato i suoi ritmi. Gli animali forse stanno ancora dormendo: non devono nascondersi per stare in pace dall’assillo dei turisti e possono vivere la loro vita senza frenesia, in armonia con la filosofia del polepole africano. La mattinata consacra il trionfo dei cuccioli: ogni famiglia di elefanti sta crescendo minimo tre-quattro piccoli nati da qualche mese e le loro madri mostrano mammelle gonfie di latte. Leoncini ben pasciuti vengono allattati da leonesse in ottimo stato di salute mentre le giraffe, madri meno affettuose, guardano circospette la loro prole. Lungo il fiume anche gli ippopotami hanno il loro bel da fare nel proteggere i piccoli inesperti e indisciplinati, nonostante la loro mole. Il coronavirus, con i suoi divieti e regole da rispettare, ha creato per tutti gli animali condizioni ottimali per far nascere, crescere e accudire un bel numero di neonati, fortunati anche per non aver conosciuto la presenza invasiva della razza umana.

Riavvicinarsi alla natura, desiderarne i profumi e gli spazi è stato per me come riappropriarmi della mia libertà vitale mentre all’interno del parco ogni cosa resta immutata come se il tempo non riuscisse ad intaccare la millenaria bellezza con la sua magia terapeutica.

(foto Adrivanna)

FOTO GALLERY
TAGS: tsavo kenyaamici tsavo

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le conferme arrivano al nostro portale da più parti: ieri il parlamentare di Gongoni Kombe ha confermato l'arrivo del Presidente Kenyatta, la prossima settimana, per inaugurare ufficialmente i lavori di asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso dello Tsavo,...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

Dagli animali c'è sempre da imparare: guardate cosa succede nello Tsavo quando un vecchio elefante cerca di accoppiarsi con un'elefantessa troppo giovane. E' il branco stesso ad impedirglielo, fermandolo e minacciandolo! (grazie a Giovanna e Adriano Ghirardello per il contributo)

Una ricerca condotta tra il Sudafrica, le foreste del Mozambico ed il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest in Kenya, rivela che gli elefanti negli ultimi due decenni stanno sviluppando un sistema per sfuggire alle terribili grinfie del bracconaggio.
L'intelligenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO