Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

La storia del pangolino liberato...con riscatto

Operazione coordinata a Ngomeni tra Kws e residenti per salvare il simpatico animale

04-01-2018 di Giovanna Grampa

Un pangolino, animale misterioso dall’aspetto primordiale ma dal carattere docile, ci ha regalato una esperienza unica ed irripetibile.
Molti esperti animalisti lo conoscono solo attraverso le foto pubblicate nei libri di etologia mentre per noi è stata una fortuna insperata poterlo osservare da vicino e vivere nel contempo una storia tipicamente africana in un villaggio dell’entroterra a ridosso delle saline di Ngomeni.
Ci avvisano della presenza di un pangolino catturato il giorno prima, sorpreso a divorare mais in quantità eccessive.
La scelta del povero animale di integrare la propria alimentazione a base di formiche e termiti non è condivisa dagli agricoltori del villaggio che decidono di catturarlo e di metterlo in una gabbia.
E questa è la versione ufficiale a cui dobbiamo credere.  
Scatta l’operazione di recupero con la supervisione del KWS, Kenya Wildlife Service: con noi la responsabile legale del settore Investigation, Mrs. Aisha, e un ranger armato. L’operazione di recupero non dovrebbe presentare rischi. Il pangolino non possiede denti e quindi non è in grado di mordere e quando è impaurito s’arrotola su sé stesso: un paio di guanti basteranno per proteggere le mani dalle scaglie che ricoprono interamente il suo corpo. E con queste certezze incontriamo Mr. Harrison, un dipendente della struttura alberghiera di Che Shale, vicino a Mambrui, che ci accompagna al suo villaggio sperduto nel bushdove siamo certi di trovare l’animale pronto e ingabbiato per la consegna come testimonia del resto una foto ricevuta la sera precedente. Ma così non è: il pangolino è sparito! Durante la notte qualcuno lo ha portato in un villaggio lontano o forse vicino, a Marafa, o forse a Sosoni, non si sa. Ci sentiamo pervadere da un certo sconforto e una semplice operazione di recupero sta diventando una faccenda misteriosa e complicata. Il KWS reclama con toni decisi quello che viene considerato un trofeo molto raro, pena l’arresto di tutti i responsabili sia della cattura che della sparizione dell’animale. Il villaggio è disorientato e si esprime con mugolii di sottofondo. Per stringere i tempi di attesa proponiamo una ricompensa che possa coprire anche i costi del "bajaj", della benzina e tutto quello che occorre per il trasporto del prezioso pangolino.
Alla parola magica “ricompensa” due ragazzi si staccano dal gruppo, corrono verso una capanna e ne escono a cavallo di una moto rosso fiammante, lucidata a specchio. Partono a tutta velocità inoltrandosi nel bush con la promessa di consegnare il pangolino massimo entro un’ora.
Scettici ci sediamo all’ombra di un albero ad aspettare, circondati da un numero imprecisato di bambini curiosi, quasi rassegnati a trascorrere gran parte della giornata in loro compagnia. Fortunatamente dopo nemmeno mezz’ora arriva una processione di moto a scortare il prezioso animaletto avvolto in una zanzariera azzurra tutto arrotolato su sé stesso come una palla.
E’ evidentemente impaurito, disidratato, affamato e viene appoggiato a terra, circondato da tutto il villaggio in festa.
Accenna a distendere le zampe posteriori fornendo così la prova del fatto di essere ancora vivo anche se terrorizzato dall’assembramento che lo circonda.
Finalmente lo carichiamo in macchina e nel frattempo riceviamo l’autorizzazione dalla Senior Warden del Parco Marino, Jane Ghitau, per il suo rilascio nella Arabuko Sokoke Forest dove ci sono le condizioni migliori per la sopravvivenza del pangolino.
Ed è proprio all’interno della foresta che lo liberiamo dopo avergli somministrato circa mezzo litro di acqua che l’animale, stremato dalle troppe ore di cattività,beve avidamente emettendo anche un dolcissimo suono di risucchio come un neonato attaccato al biberon. Idratato inizia a distendersi e finalmente possiamo ammirarlo in tutta la sua lunghezza e bellezza arcaica. Ma solo per pochi secondi perché, appena capisce di essere libero, con piglio deciso, inizia ad addentrarsi nella foresta sparendo alla nostra vista. Nemmeno il tempo per una serie di foto decenti!
Il pangolino, animale metà armadillo e metà formichiere, è ad elevato rischio di estinzione sia per il cambiamento del suo habitat causato dall’uomo ma soprattutto perché è uno dei mammiferi più colpiti dal traffico illegale tanto che si stima che negli ultimi dieci anni più di un milione di pangolini siano stati commercializzati illegalmente.
La sua carne è considerata dai cinesi una prelibatezza mentre le scaglie vengono purtroppo usate nella medicina tradizionale asiatica per curare varie malattie tra cui impotenza, cancro, eczema, reumatismi e quant’altro.
Questa buffa creatura dagli occhi teneri e da un musino così sproporzionato rispetto al corpo dalla forma tozza, vive di notte ed è per questo che è così difficile e raro poterla incontrare durante il giorno quando dorme in profonde tane che scava con le sue zampe dotate di poderosi e lunghi artigli.
Molte persone ignorano addirittura la sua esistenza ma i bracconieri ne conoscono il valore e si rendono complici di uno sterminio insensato che alimenta false credenze terapeutiche dell’animale tramite un commercio illegale verso paesi come la Cina o il Vietnam.
Un doveroso ringraziamento infine a quelle persone che hanno permesso il recupero del pangolino trasmettendo precise informazioni a partire da Justin Aniere di Che Shale , Massimo Vallarin e Adriano Ghirardello ,entrambi Honorary Wardens del KWS.
Un ottimo lavoro di squadra e il pangolino, ignaro di tutto il trambusto creatosi, ringrazia tutti per la ritrovata libertà.

FOTO GALLERY
TAGS: pangolino kenyaamici tsavoche shalengomeni kenya

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

COSTA KENIANA

Mambrui

Spiaggia dorata ed eleganza araba

di redazione

Dodici chilometri a nord di Malindi, passato il ponte sulla foce del fiume Sabaki, dove si possono scorgere ippopotami e la vegetazione è particolarmente rigogliosa, sorge il villaggio di Mambrui.
Nel passato Mambrui fu un importante centro religioso mussulmano, e...

LEGGI TUTTO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Le conferme arrivano al nostro portale da più parti: ieri il parlamentare di Gongoni Kombe ha confermato l'arrivo del Presidente Kenyatta, la prossima settimana, per inaugurare ufficialmente i lavori di asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso dello Tsavo,...

LEGGI TUTTO

Dall'ospitalità e la ristorazione nel paradiso di Che Shale alla prima farm di granchi e moeche in Africa.
Sulla costa keniana non c’è uomo bianco keniota più eclettico e creativo di Justin Aniere, il proprietario del beach retreat che da il...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Qualche mese fa, noi di Malindikenya.net, su spinta di due storici residenti e amici suoi, Eugenio del Curatolo e Roberto Macrì, avevamo organizzato una “colletta” online per poterlo ricoverare e curare. 
Ieri, a 86 anni, i profondi occhi azzurri di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO