Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

La storia di Ngulia, la zebra che non voleva crescere

Orfana, accudita dall'uomo e svezzata a biberon, oggi...

10-01-2019 di Giovanna Grampa

Molti hanno potuto avvicinarla con molta cautela per accarezzarla, sotto gli occhi vigili dei collaboratori del centro David Sheldrick di Tsavo.
Qualche anno fa aveva fatto il suo ingresso nella struttura di Voi piccola e indifesa, orfana di madre, spaventata e terrorizzata.
E’ la storia di Ngulia, una cucciola di zebra che è cresciuta a contatto con l’uomo, con piccoli elefanti, bufali ed eland orfani, ma decisa a farsi rispettare fin dai primi giorni mostrando i suoi bianchi denti squadrati e pronti a dare dei bei morsi a quanti si fossero avvicinati troppo a lei.
Col tempo la piccola Ngulia si è però affezionata a poche persone, per lei ritenute fidate, che l’hanno nutrita con biberon di latte molto energetico, l’hanno ritirata ogni tardo pomeriggio in una stalla a lei riservata, per portarla poi ogni mattina in savana, accompagnata sempre dal suo tutore, a brucare erba fresca.
Una vita decisamente comoda, ben protetta dall’uomo e dalle insidie dei predatori. Ngulia è cresciuta negli anni, ritirandosi ogni sera dopo il suo biberon, dormendo tranquilla e ascoltando il ruggito dei leoni in lontananza senza alcun tipo di preoccupazione.
E tutto questo per più di quattro anni.
L’idea di correre libera nelle vaste pianure dello Tsavo non la sfiorava minimamente tanto che si pensava che soffrisse della classica sindrome di Peter Pan, ammesso che possa essere definita così anche per gli animali. Ngulia, la zebra che non voleva diventare adulta, l’eterna coccolona che non voleva andarsene per correre felice nelle distese della savana.
Purtroppo per lei, poco tempo fa nella sede centrale di Nairobi è stata presa la decisione finale di inserire Ngulia tra i suoi simili, una scelta difficile ma doverosa. Ogni animale soccorso dal centro Sheldrick deve essere integrato in savana e non può diventare un animale domestico.
E mai decisione fu più sofferta anche se ormai Ngulia è decisamente un animale adulto, considerando che una zebra già all’età di circa due anni è fertile e in grado di procreare. 
E per renderla riconoscibile, il veterinario del KWS taglia, in modo indolore, un piccolo triangolo di pelle all’orecchio sinistro della povera zebra per identificarla con facilità durante il successivo monitoraggio.
Con una certa dose di tristezza e di apprensione Ngulia viene portata in savana, vicino ad un branco di zebre e rilasciata.
Dapprima è timorosa, muove i suoi primi passi verso la nuova vita quasi a stento.
Si gira per ritornare dagli uomini che l’hanno accudita, ma non può più rientrare al centro.
Deve raggiungere i suoi simili e imparare da loro come vivere in savana tra mille pericoli e insidie.
Finalmente raggiunge il branco che subito la circonda, la studia e l’accoglie festoso come un figliol prodigo.
Poi Ngulia sparisce insieme alla sua nuova famiglia.
Per ben due settimane si rende irreperibile con l’ansia crescente di chi l’aveva sempre accudita.
Ogni volta che vengono segnalati leoni che stanno divorando una preda, il cuore si ferma solo al pensiero che possa essere lei la vittima.
Finalmente dopo tanto cercare eccola, nell’area di Aruba, con il suo orecchio mozzato, in mezzo al branco, mentre bruca serena.
Sentendosi chiamare, alza la testa rivolgendo un cenno di saluto ai suoi amici umani. Sembra felice, forse già circondata dalle attenzioni di molti pretendenti e tra questi dello stallone che la renderà madre.
Lunga vita a Ngulia e alla sua futura prole.
E se qualcuno, visitando il parco dello Tsavo East, dovesse vedere una zebra con l’orecchio sinistro mozzato a triangolo avrà la certezza di osservare Ngulia e forse chiamandola lei alzerà la testa per salutare, magari mostrando anche i suoi bei dentoni bianchi e quadrati come era solita fare al centro Sheldrick di Voi.

FOTO GALLERY
TAGS: amici tsavozebra kenya

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Le conferme arrivano al nostro portale da più parti: ieri il parlamentare di Gongoni Kombe ha confermato l'arrivo del Presidente Kenyatta, la prossima settimana, per inaugurare ufficialmente i lavori di asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso dello Tsavo,...

LEGGI TUTTO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grandi novità per il Parco Nazionale dello Tsavo East, a partire dalla strada che collega Malindi al Sala Gate. I lavori di asfaltatura non sono ancora iniziati ma ora è in ottime condizioni: ben compattata, punti critici livellati e allargata...

LEGGI TUTTO IL SERVIZIO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta tra il Sudafrica, le foreste del Mozambico ed il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest in Kenya, rivela che gli elefanti negli ultimi due decenni stanno sviluppando un sistema per sfuggire alle terribili grinfie del bracconaggio.
L'intelligenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una bella notizia di vita in questo agosto un po' triste per eventi che ci hanno privato di amici e connazionali della comunità italiana sulla costa del Kenya.
Ieri notte a Mombasa è nato Francesco, il figlio primogenito di Simone...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per chi ama veramente l'Africa questo è il periodo più bello dell'anno, ma pochi lo vivono.
Due giorni allo Tsavo East e si sono aperte le porte del Paradiso terrestre.
A parte gli sconti praticati dai vari lodges in bassa...

LEGGI TUTTO