Amici dello Tsavo

AMICI TSAVO

La storia di Punda, asino tra le zebre

Un racconto di libertà e convivenza in savana

04-05-2019 di Giovanna Grampa

Mi chiamo Punda e da qualche mese sono l’asino più felice del Kenya perché vivo nel parco dello Tsavo e più precisamente nella piana di Ndara al confine con la strada Mombasa-Nairobi.
Ogni giorno mangio erbe appetitose e bevo in un laghetto, alimentato da una pala eolica, acqua fresca e non stagnante.
E in questo periodo di siccità, credetemi, è un vero lusso.
Trovate strano vedere un asino nel parco in mezzo ad un branco di zebre?
Sono d'accordo!
E’ davvero singolare ma questa nuova vita me la sono proprio scelta.
Fino a poco tempo fa avevo un padrone, un uomo malvagio, che mi faceva lavorare duramente tutto il giorno.
Ho portato carichi pesanti sul mio groppone: bidoni di acqua, legname, mattoni e persone.
Ho trascinato carretti così pesanti da piegare le mie zampe per lo sforzo.
Per non parlare delle frustate.
Quale animale lavorerebbe in condizioni disastrose, facendosi maltrattare senza reagire?
Poi un giorno sulla strada Mombasa-Nairobi ho visto delle zebre brucare l’erba sul ciglio dello sterrato, serene e per niente stressate. §
Mi sono detto “Però, furbi questi miei simili, devono essersi dipinti in bianco e nero per sfuggire allo sfruttamento umano e, libero dai miei pesi, ho preso il coraggio a quattro zampe e, incuriosito, ho seguito quegli asini a strisce che beati si incamminavano verso la savana.
Che paradiso ho trovato! Gli animali nel parco sono liberi, decidono della loro vita, si incontrano, si spostano senza che nessuno gli dica niente.
Non pensavo proprio che ci fosse così tanta civiltà in savana: alle pozze gli erbivori si abbeverano tutti in fila, mangiano in compagnia, si difendono tra loro.
Le mie amiche zebre, con le quali mi sono integrato alla perfezione, mi hanno insegnato i trucchi del mestiere per evitare i carnivori, sempre affamati e voraci e insieme abbiamo deciso i turni di sorveglianza di giorno e di notte.
Bisogna stare sempre allerta, ma che meraviglia!
Forse voi non sapete che la vita degli asini in Kenya ultimamente è a rischio ancora una volta per colpa dei cinesi.
Si sono inventati che bollendo la pelle d’asino si ottiene un elisir molto costoso usato nella medicina tradizionale come farmaco anti-invecchiamento e per aumentare la libido sessuale. Dopo l’avorio e i corni di rinoceronte ora, è il caso di dirlo, fanno soldi sulla nostra pelle.
Ci chiamano addirittura l’avorio del terzo millennio.
Per non parlare dei Maasai che vendono gli asini per pagare le tasse scolastiche dei loro figli anziché vendere le mucche o le capre.
Ho perso tanti amici in questa strage degli innocenti e di questo passo la nostra razza, in pochi decenni si estinguerà.
Purtroppo in Kenya la commercializzazione della pelle d’asino è legale, mentre in Tanzania o Botswana da tempo è proibita.
E pensare che noi asini siamo considerati nell’immaginario collettivo animali stupidi, ignoranti ma voi uomini siete così intelligenti da credere ancora che un gel o un corno polverizzato possano essere farmaci miracolosi che risolvano i vostri problemi?
Io di sicuro non voglio fare questa fine e finire in un vasetto di gel per cinesi: preferisco giocarmela alla pari semmai con un bel leone.
E poi, come dite voi umani:” Meglio un giorno da leone che cento da pecora!”
Anzi, vi diro’ di più. Appena mi capita l’occasione mi accoppio con una bella zebra tutta curve e mettiamo al mondo un ibrido che la scienza chiama zedonk con le zampe a strisce e il dorso marrone.
Ne ho già adocchiata qualcuna che mi piace veramente. Il piccolo nascituro sarà così raro che verranno da tutto il mondo per vederlo e lo Tsavo aumenterà il suo prestigio grazie alla mia prole.
Il mio meticcio, secondo le leggi della genetica, sarà sterile, ma per me non sarà difficile trovare altre belle zebre consenzienti per ulteriori nascite, né avrò bisogno di creme “particolari”, tanto per intenderci.
Sono un bel maschio giovane e possente e in perfetta salute.
Ho sentito dire che nella zona del lago di Naivasha delle asine si sono accoppiate con stalloni zebrati e sono nati degli zonkey.
Un esemplare è ospitato anche a Nairobi e si può vedere al Safari Walking…ma sono animali già visti!
Il mio zedonk sarà bello come il sole e felice di essere fotografato dai turisti che visiteranno il parco dello Tsavo.
Anch’io, come avete visto, mi sono fatto fotografare con piacere ma, vi prego, non diffondete al mondo la notizia della mia nuova vita.
Qualcuno potrebbe rapirmi e vendermi e allora finirei veramente come crema da spalmare sulla pelle di qualche cinese credulone.
E se fino adesso ci avete considerati l’emblema della stupidità, penso sia giunto il momento di ricredervi.
Via la libertà, viva la savana.

FOTO GALLERY
TAGS: asini kenyaasino savanaamici tsavotsavo est kenya

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

La voglia sfrenata di questo Paese di tecnologicizzarsi e allo stesso tempo di limitare il grande cancro della corruzione, rischia spesso di causare contrattempi a chi ci lavora e chi lo promuove.
Oggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

Le conferme arrivano al nostro portale da più parti: ieri il parlamentare di Gongoni Kombe ha confermato l'arrivo del Presidente Kenyatta, la prossima settimana, per inaugurare ufficialmente i lavori di asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso dello Tsavo,...

LEGGI TUTTO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non a caso Luca Macrì, figlio d'Africa e dello storico Console Onorario di Malindi Roberto, qualche anno fa è stato nominato Ranger Onorario dal KWS. 
Non solo conosce come le sue tasche ogni fazzoletto della savana, ma è in contatto...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Da oggi il Buffalo Camp, lodge appena fuori dal Parco Nazionale dello Tsavo, ha un nuovo proprietario. L'Osteria Group di Maurizio Corti si è aggiudicato l'asta che assegnava la concessione del Governo per gestire e organizzare il campo safari. Il...

LEGGI TUTTO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

Una stagione fantastica per i safari in Kenya, e specialmente per i Parchi Nazionali di Tsavo Est e Ovest e dell'Amboseli.
Il direttore della Kenya Association of Hotelkeepers and Caterers...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo Shoroa River Camp rinasce sulla sponda del fiume Galana.
In pochi mesi lo storico campo tendato dell’esperto di savana Simone Trentavizi situato alle porte dello Tsavo Est, che per anni ha accolto moltissimi turisti ed è diventato una delle...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO