Amici dello Tsavo

AMICI DELLO TSAVO

Luca, Gianni e i suoi turisti salvano leoncino

Bella avventura per il safarista e l'esperto fotografo nello Tsavo

14-01-2016 di redazione

Quando il turismo da safari può salvare gli animali. 
I nostri "Amici dello Tsavo" questa volta durante una delle loro escursioni con i clienti appassionati, hanno fatto salvare un cucciolo di leone rimasto impigliato al collo in un cavo d'acciaio teso come trappola dai bracconieri. 
Ad avvistare una famiglia di leoni è stato il fuoristrada Land Cruiser di Luca Macrì con a bordo i clienti del B&B "Nyumba Ya Mbuyu" e il fotografo esperto di fauna Gianni Maitan, che ne è il proprietario.
Così racconta l'episodio lo stesso Maitan: "Eravamo prossimi all'uscita da Sala Gate, ma quando ci hanno segnalato la presenza di un gruppo di leoni abbiamo deviato e ci siamo diretti 
lungo il fiume Galana con la speranza di poterli individuare.
Arrivati a poche decine di metri dai leoni abbiamo forato un pneumatico. 
Con l'aiuto di un'altra auto che ci ha fatto da scudo abbiamo sostituto il pneumatico e ci siamo avvicinati al branco. Erano sei leoni : un maschio senza criniera, 3 femmine e due giovani leoni di 7 mesi circa. I leoni erano sdraiati, ma quando alcuni di loro hanno sollevato la testa ci siamo accorti che uno dei giovani leoni aveva un filo di acciaio al collo. Segno che era caduto in un laccio, in una di queste cruente trappole che i bracconieri usano per catturare gli animali nel parco. Luca ha provveduto subito a segnalare la posizione del branco ai ranger del KWS che si sono messi immediatamente in moto".
La mattina successiva i ranger del KWS, assistiti dalle esperte guide dell'AIEA, sono riusciti a liberare il leoncino, che così è stato salvato dalle grinfie dei bracconieri. 

TAGS: Luca MacrìGianni MaitanNyumba Ya Mbuyu

Ha iniziato acquistando una villa, poi l'ha trasformata in un Luxury Bed & Breakfast (Nyumba Ya Mbuyu) e ora è diventata anche la "scusa" per andare e venire da Malindi. Dopo 30 anni d'Africa, Gianni Maitan, imprenditore veneto e mago...

LEGGI TUTTO

Un sospiro di sollievo per i tanti malindini che credono ancora alle leggende e che non vogliono che i baobab, che rappresentano le anime dei cari defunti, vengano tagliati.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già due le aziende internazionali che allevano coccodrilli presi lungo il fiume Galana, nell'entroterra di Malindi, per poi ammazzarli e vendere la pelle e in seconda istanza, la carne. 
Nel Paese della protezione degli animali da savana, il coccodrillo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non a caso Luca Macrì, figlio d'Africa e dello storico Console Onorario di Malindi Roberto, qualche anno fa è stato nominato Ranger Onorario dal KWS. 
Non solo conosce come le sue tasche ogni fazzoletto della savana, ma è in contatto...

LEGGI TUTTO

Che bello il safari in Kenya accompagnato da un gesto di solidarietà. 
A far vivere ai turisti questa doppia emozione Luca Macrì ci ha sempre tenuto particolarmente. 
Certo, devi trovare le persone predisposte, di gran cuore e aperte di mentalità...

LEGGI TUTTO

Un progetto che abbina aiuti al femminile con la tutela dell'ambiente nell'entroterra di Kilifi e di Malindi.
L'associazione italiana Africa Milele, che può contare su un numero crescente di appassionati volontari e opera principalmente a Chakama, sulla strada per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’autorità dell’Aviazione Civile del Kenya (KCAA) ha concesso l’autorizzazione a venti nuove compagnie charter, di linea o low cost africane ed internazionali per decollare ed atterrare nel Paese.
Questo darà grandi possibilità di nuove rotte anche per la costa, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Bice Ferraresi frequenta Malindi da quasi trent'anni, il suo "mal d'Africa" è evidente non solo negli occhi e nelle sue parole, ma soprattutto nella sua espressione artistica. 
L'artista faentina, che ha recentemente esposto le sue tele a Nairobi, nel prestigioso...

LEGGI TUTTO

Le "matoke" o "matoki" sono banane verdi non eccessivamente dolci che anche in Kenya, come in gran parte dell'Africa, hanno svariati utilizzi. Oltre alla farina e al pane, vengono usate a mo' di patate negli stufati.
ECCO LA RICETTA PIU'...

LEGGI LA RICETTA

Altro che lusinghe della televisione, altro che fiammeggianti gossip in giro per la Penisola. Le emozioni che ti da l'Africa si imprimono nell'anima come un tatuaggio sulla pelle. Lo sta imparando in questi giorni Luca Dorigo, che tatuaggi ne ha...

LEGGI TUTTO

"Samaki wa kupaka ya nazi", ovvero letteralmente "Cubetti di pesce al cocco" è un piatto della tradizione swahili del Kenya, che utilizza varie spezie di antica provenienza indiana per dargli sapore. Una versione molto gustosa prevede il "madras", quella più...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Un altro appuntamento per l'Esilio Volontario di Freddie del Curatolo. Sabato sera sarà la volta di Marina di Carrara, dove risiede una vera "malata d'Africa", Tiziana Nicodemi titolare del Bagno Principe e del Ristorante Calasole, che già l'anno precedente aveva...

LEGGI TUTTO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....


Articolo assurdo, falso e denigratorio su Watamu e il Kenya: da Malindikenya.net la proposta di una denuncia
Un articolo a dir poco infamante e assurdo, carico di imprecisioni e di notizie false e tendenziose, è apparso sulla testata online...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Un altro teatro gremito  in Lombardia per il concerto-spettacolo italo keniota di Freddie del Curatolo con la sua band.
Un'altro gran bel colpo per la solidarietà degli italiani in Kenya e per la promozione turistica. Sono stati raccolti, tramite gli ingressi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' stato presentato recentemente dal Governo del Kenya in collaborazione con quello della Contea di Kilifi, un importante dossier sulla lotta alla radicalizzazione di matrice islamica dei giovani nella Kilifi County. 
Il piano d'azione che sta procedendo e inizia a...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO