Amici dello Tsavo

TSAVO

Tsavo: elefante salvato dal laccio di un bracconiere

Amici dello Tsavo avvertono la Sheldrick Foundation: libero!

29-02-2020 di Giovanna Grampa

Gli elefanti sono animali dalle caratteristiche singolari ed ogni giorno ci sorprendono per la loro intelligenza e sensibilità.
Quando si inizia ad osservarli più attentamente ci si accorge che molti loro comportamenti, all’apparenza, non sono per niente irrilevanti ma sono sempre ricchi di significato, in grado anche di chiedere aiuto all’uomo.
Non voglio generare l’impressione di avere qualche legame mistico con questi splendidi pachidermi ma so, per esperienza, che sanno comunicare i loro problemi in casi estremi.
Una matriarca con i suoi barriti nervosi ci ha segnalato un elefantino intrappolato in una pozza d’acqua limacciosa.
Un giovane elefante con una grave infezione ad una zampa anteriore si è fatto fotografare sul ciglio della strada fissandoci con uno sguardo implorante e mettendo ben in evidenza il suo problema.
Un maschio adulto si è staccato dalla sua famiglia che si stava abbeverando ad una pozza, avvicinandosi alla nostra auto per mostrarci la sua zanna rotonda talmente anomala che la punta stava crescendo sotto l’occhio sinistro entrando nella carne, causando profondo dolore.
Animali che non sarebbero sopravvissuti se non fossero stati in grado di comunicare con noi, sicuri che avremmo attivato i soccorsi in loro aiuto.
E’ la passione che mi spinge sempre a non farmi condizionare dal riduzionismo degli etologi: vivere “dentro la natura” ti insegna che un elefante non solo comunica con gli altri membri del gruppo ma è in grado di provare empatia e con l’esperienza sviluppi “l’occhio della savana”, la capacità di intuire se qualcosa non va.
E pochi giorni fa un altro elefante ci ha chiesto aiuto per un problema veramente serio: un laccio al collo, una trappola mortale che lo avrebbe condannato a sofferenze atroci.
Da oltre due settimane lungo il fiume Galana, nel parco dello Tsavo East, numerose famiglie di elefanti vivono in un’ansa dove l’acqua scorre tranquillamente tra le rive ricche di vegetazione verde e rigogliosa: un paradiso elefantino anche per i numerosi cuccioli giocosi ed irrequieti ma è una festa per tutti. I branchi si mescolano tra loro, molti elefanti giocano in acqua fra grandi spruzzi, altri con movimenti lenti raccolgono del terriccio con la proboscide per farsi un bel bagno di polvere, altri ancora scendono da un pendio diretti all’acqua, rapidi con la loro andatura flessuosa e trotterellante scuotendo la testa e facendo vibrare la proboscide rugosa nel pregustare con anticipo l’acqua dolce e fresca del fiume.
Ma tra loro una giovane femmina rimane indietro e distaccata dal branco: si ferma a fissarci con lo sguardo immobile. Non è vicinissima tanto che possiamo osservarla meglio con un binocolo e rimaniamo impietriti nel vedere un grosso filo di ferro pendere dal suo collo per una lunghezza di circa un metro, ingarbugliato nella parte finale e parzialmente nascosto dalla proboscide. L’elefantessa gira lentamente la testa, ci cerca con i suoi piccoli occhi e agita la proboscide per sentire il nostro odore. Si mette di profilo e mentre allarga le grandi orecchie notiamo che il laccio ha provocato più di un solco profondo nella pelle e tutto intorno c’è del sangue raggrumato, segno inequivocabile che il povero animale ha tentato più volte di liberarsi dal filo di ferro che lo stava strangolando. Sono trappole fatte con cavi di acciaio molto resistenti spesso stese tra gli alberi lungo i sentieri di passaggio degli elefanti o vicino alle sorgenti d’acqua. Il metodo è molto semplice e gli animali intrappolati, nel tentativo di liberarsi, si procurano profonde ferite anche mortali per infezione. Purtroppo, ci sono bracconieri che pagano i locali “esperti del ramo” per montare questo tipo di trappole ed uccidere gli elefanti: una strage silenziosa! L’entità delle ferite è orribile e l’agonia sopportata indicibile; è incredibile ciò che l’uomo orribilmente può infliggere ad una creatura così meravigliosa. Gli animali si fanno prendere dal panico quando vengono catturati dal laccio e continuano a tirare verso il filo rendendolo sempre più stretto. Se il laccio è attorno al collo e il filo è abbastanza forte l’animale può morire anche soffocato. 
La nostra giovane femmina è riuscita in parte a rompere la trappola ma non a liberarsi dal filo d’acciaio per cui scattiamo qualche foto, corredata con coordinate GPS, che inviamo immediatamente alla DSWT (David Sheldrick Wildlife Trust), l’unica organizzazione che ha mezzi e uomini pronti ad intervenire in tempi brevi. Da Nairobi autorizzano l’operazione di salvataggio con un elicottero e una unità mobile che, appena un’ora dopo la nostra segnalazione, giungono sul posto. L’elefante viene individuato e separato dal gruppo per essere anestetizzato. In assenza di interventi il povero animale sarebbe morto in breve tempo per setticemia, condannato ad una lunga ed estenuante agonia. Dopo la rimozione del laccio vengono ripulite le ferite, infuse con un disinfettante e spalmate con un antibiotico a lunga durata d’azione.
Il trattamento ha pieno successo e si procede ad iniettare l’antidoto per il risveglio dall’anestesia. Qualche minuto e l’elefantessa inizia a muoversi a fatica cercando di mettersi in piedi. La vediamo alzarsi lentamente e subito dopo incamminarsi un po’ intontita cercando di riunirsi, anche se a fatica, con la sua famiglia. E’ salva e presto, parola del veterinario Dr. Poghon che ha eseguito l’operazione, guarirà perfettamente riprendendo tutte le sue forze.
Questi maestosi mammiferi, mansueti abitatori della savana, sono purtroppo spesso vittime della crudeltà degli uomini che li massacrano per ottenere l’avorio senza comprendere che esseri meravigliosi stiano conducendo verso l’estinzione. La savana ha bisogno di noi, di tutti noi, del nostro supporto e del nostro rispetto perchè senza elefanti non sarebbe più la nostra vera Africa!

FOTO GALLERY
TAGS: elefanti kenyatsavo kenyasheldrick kenyaamici tsavo

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

E' finalmente operativo il Ponte di ferro che collega il Parco Nazionale dello Tsavo Est con la parte nord della fetta di savana più estesa del Kenya.
Un collegamento che non solo fino ad ora non era possibile, ma che...

LEGGI TUTTO

La Kibwezi Forest Reserve, istituita nel 1936, è una delle ultime foreste pluviali del Kenya...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli Amici dello Tsavo tornano nelle scuole italiane per sensibilizzare i ragazzi riguardo alla tutela degli animali delle riserve africane e per promuovere il lato buono del Continente Nero, quello meno pubblicizzato dai media ma quello più comune e autentico,...

LEGGI TUTTO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi ama gli animali e la Natura africana non può che piangere la scomparsa dell’angelo custode degli elefanti in Kenya.
Daphne Sheldrick, fondatrice della David Sheldrick Foundation, creata 41 anni fa in memoria del marito, ranger nello Tsavo, è mancata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Passi avanti per l'asfaltatura della strada che da Malindi porta all'ingresso Sala Gate del Parco Nazionale dello Tsavo Est.
Dopo che il tratto da Malindi al villaggio di Ganda sono stati spianati e si presentano ora in ottime condizioni...

LEGGI TUTTO

Salvato un'altro amico nasuto grazie agli Amici dello Tsavo!
L'avevano segnalata una settimana fa e il nostro portale come sempre aveva trasmesso a tutti l'appello. 
Un'elefantessa all'interno del Parco nazionale dello Tsavo Est, per chi lo conosce tra il punto...

LEGGI TUTTO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Gli Amici dello Tsavo di Malindikenya sono sempre a caccia di emozioni "selvagge" nella savana del Kenya.
Dopo essersi resi protagonisti di salvataggi di elefantini, della pulizia del parco dalle schifezze lasciate da certi turisti poco rispettosi della natura e...

LEGGI TUTTO

Una ricerca condotta tra il Sudafrica, le foreste del Mozambico ed il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest in Kenya, rivela che gli elefanti negli ultimi due decenni stanno sviluppando un sistema per sfuggire alle terribili grinfie del bracconaggio.
L'intelligenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuovi cartelli di avviso in tre lingue per non sporcare la savana del Parco Nazionale keniota dello Tsavo.
Sotto l'egida "Amici dello Tsavo" agiscono i fautori di queste iniziative per la tutela dell'ambiente e della fauna, Adriano e Giovanna Ghirardello,...

LEGGI TUTTO

Non è stato solo un annuncio. I progetti elencati circa un mese fa, durante un incontro con il nuovo Senior Warden dello Tsavo East, stanno diventando realtà con una tempistica quanto meno insolita rispetto ai ritmi del” pole pole” ai...

LEGGI TUTTO

Gli sforzi fatti fino ad ora per garantire acqua agli animali del Parco Nazionale dello Tsavo e al suo ecosistema potrebbero non bastare.
La savana più vicina alla costa del Kenya rischia l’estinzione in 15 anni, se non si provvede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO