Solidarietà

VOLONTARIATO

Carolina, la gioia di aiutare i keniani ad aiutarsi

Un mese di volontariato a Langobaya per la NGO Karibuni: "Cose che migliorano la loro vita e il tuo mondo"

04-12-2017 di Leni Frau

Quando il primo approccio della vita con l’Africa è un tuffo nella quotidianità della sua gente, nella condivisione e nello scambio culturale, non può che rimanere dentro.
Quasi sempre costituirà la base di un legame profondo con questa realtà così diversa da quella in cui siamo nati e cresciuti, ma così piena di speranza e positività, nonostante l’ancestrale povertà, i problemi e le contraddizioni.  
E’ quello che si legge nell’espressione di Carolina Guercio, ventinovenne torinese che ha deciso di trascorrere un mese da volontaria nella fattoria della NGO italiana Karibuni a Langobaya, nell’entroterra di Malindi.
Alla bontà dei progetti Karibuni concediamo sempre ampio spazio sul portale, soprattutto per la capacità di far crescere la popolazione della costa keniana, aiutandoli ad aiutarsi.
Ma l’aspetto che chiude il cerchio è rappresentato dal momento di crescita che un mzungu può sperimentare vivendo a contatto con la realtà di Langobaya.
“Sto vivendo un’esperienza straordinaria – conferma Carolina, che in Italia lavora in qualità di buyer in un’azienda alimentare dell’astigiano – dall’iniziale periodo di adattamento e dall’aspetto pratico del “dare una mano” sono passata alla pura condivisione e al confronto quotidiano, rendendomi conto che mentre portiamo la nostra esperienza e il nostro “know-how” ai keniani, da loro possiamo imparare moltissimo: dalla semplicità, dalla filosofia di vita, dalla loro positività e dalla capacità spontanea di essere felici. Un’esperienza come questa può sembrare una piccola cosa, ma sicuramente può cambiare le prospettive del nostro mondo e migliorarci”.
Carolina vive nella casetta dei volontari di Karibuni, a stretto contatto con le attività della farm e con il personale. Si sveglia all’alba, partecipa al naturale evolversi della giornata tra produzione, distribuzione, programmi, inevitabili emergenze e novità.
“Una cosa splendida che mi accade da quando sono qui – racconta la ragazza – è che ogni mattina mi alzo con la gioia di cominciare la giornata e vedo riflesso questa mia predisposizione nel sorriso delle persone che incontro. Una sensazione completamente opposta a quella di tante mattine italiane, dove c’è sempre qualcosa che ti mette ansia e l’umore della gente quasi mai ti aiuta ad annullarle”.  
Carolina è una ragazza preparata e sensibile, in Italia ha già avuto approcci col volontariato, aiutando un’associazione che si occupa di disabilità, ma nella fattoria di Langobaya non c’è solamente solidarietà.
“L’aspetto più importante di questo progetto è portare la comunità locale all’autosostentamento – spiega Carolina – dal lavoro nei campi viene creato tutto l’indotto, attraverso una rete che in gran parte si occupa dei “food program” per le scuole della zona, e vende il 20 per cento dei prodotti agricoli sul mercato, anche in hotel e ristoranti di Malindi, per pagare le spese e i dipendenti della fattoria. Ma la cosa più bella è vedere le persone che vengono a lavorare qui e alla fine della giornata preferiscono essere pagate in frutti della loro fatica, piuttosto che con il denaro”.
L’esperienza alla farm di Karibuni è anche un ritorno all’origine, avviando un processo etico che oltre ad essere l’unica maniera per migliorare consapevolmente le condizioni dei keniani, riporta noi occidentali all’importanza di valutare le esigenze primarie e ripartire dalla serenità data dalle cose semplici e da quelle più importanti: acqua, cibo, dignità del lavoro e rapporti veri con le persone. Se l’Africa può essere tutto questo, è veramente un luogo meraviglioso.

 

FOTO GALLERY
TAGS: carolina guerciongo karibunifattoria langobayaprogetti karibuni kenyavolontariato kenyavolontariato malindi

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Una bimba giriama che sorride a una piccola compagna di giochi della tribù dei masai, è l'immagine più bella di integrazione razziale in Kenya, all'alba della campagna per le prossime elezioni nazionali.
Siamo a Baolala, nell'estremo entroterra di Malindi. Uno degli ultimi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La solidarietà della comunità italiana di Malindi e Watamu, dei loro operatori turistici e dei tanti turisti che frequentano il Kenya non si ferma con la prima donazione di materassi, che avverrà a giorni.
Malindikenya.net di concerto con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Karibuni nasce da un viaggio di un gruppo di amici nel 2002 e la conoscenza delle realta’ locali ci ha portato a fare i primi interventi di aiuto e sostegno. Alla fine del 2004 decidiamo di costituire Karibuni onlus (in...

LEGGI TUTTO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Ho letto con attenzione l'articolo di Daniela Venturelli sul volontariato spesso poco corretto di alcune associazioni. 
Fa riferimento a progetti a Chakama molto sponsorizzati da una onlus di cui si sono perse le tracce e che ha lasciato molte delusioni...

LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

Dopo la distribuzione dei 300 materassi per ogni capofamiglia dei quattro campi di sfollati dall'alluvione ed esondazione del fiume Galana, la solidarietà della comunità italiana organizzata da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo quella donata alcuni mesi fa all'ospedale di Gede, altre due motoambulanze donate dalla NGO italiana Karibuni, grazie al contributo importante di associazioni italiane e privati, per aiutare le strutture sanitarie della costa del Kenya. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con un evento di Show Cooking di un noto Chef locale, Natale Giunta del ristorante Castello a Mare, il Rotary Club Palermo Est ha organizzato per questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In cinque giorni abbiamo raccolto già 3000 euro, e siamo a più di un terzo dell'obbiettivo che ci siamo prefissi, 1 milione di scellini.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli sforzi e la generosità della comunità italiana, del nostro portale e di molti imprenditori del settore turistico di Malindi e Watamu sta per concretizzarsi con la prima importante donazione per le famiglie degli sfollati dell'entroterra malindino.
Nei prossimi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ha annunciato ieri il nostro portale, che come sempre in queste occasioni si fa portavoce e organizzatore della solidarietà della comunità italiana nei confronti dei keniani, da oggi parte ufficialmente la colletta degli italiani...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO