Solidarietà

SOLIDARIETA'

Due realtà italiane unite per aiutare davvero

da Watoto Kenya e Karibuni NGO una "rete" alimentare nelle scuole dell'entroterra

05-11-2017 di Hilary Mazzon

L'unione fa il bene, proprio come l'alimentazione per i bambini.
Quando due realtà italiane molto note in Kenya per i loro progetti di solidarietà mai fini a sé stessi si mettono insieme e collaborano, nascono ottime prospettive per la popolazione locale.
E' quello che è accaduto tra Gandini e Langobaya, 70 km nell'entroterra di Malindi sulla strada per il Parco Nazionale dello Tsavo.
La Gandini Primary School non poteva essere più fortunata nell’avere un partner come Watoto Kenya Onlus.
Dopo diversi interventi di sviluppo e supporto, come la connessione all’acquedotto che ha consentito alla scuola di avere l’acqua, l’integrazione del personale docente dell’asilo con la presa in organico a carico di WKO di un ulteriore insegnante qualificato, la realizzazione dell’arredo delle classi della scuola con banchi e sedie, il supporto di materiale didattico e per l’insegnamento, quest’anno ci sono state altre bellissime e importanti novità.
Ma bisognava pensare anche all'alimentazione.
I datidimostrano che nelle scuole dove viene distribuito regolarmente un pasto, si registrano il 28% in più di iscrizioni e si combatte l’abbandono scolastico, con un incremento della frequenza del 5% per i ragazzi e del 10 % per le ragazze (anche se per svariati motivi il tasso di abbandono scolastico da parte delle ragazze rimane alto).
Il primo accordo di partenariato fra Wateoto Kenya Onlus e la NGO Karibuni prevede che il pasto caldo agli alunni della Gandini Primary sia fornito da quest'ultima, che con le sue fattorie situate a Langobaya, pochi chilometri da Gandini, produce l’intero menu scolastico ed è il fornitore esclusivo per il feeding program promosso da Watoto Kenya.
I presidenti delle due associazioni, Mariangela Alterini e Gianfranco Ranieri, entrambi manager aziendali, hanno voluto realizzare un modello di aiuto basato sulla collaborazione e la partnership, diversamente dal consueto modo di agiretroppo spesso individualista diffuso fra le associazioni italiane, seppur sempre all’insegna di generosislanci e buoni propositi.
Grazie a Watoto Kenya ora 500 alunni,tra asilo e scuola primaria, usufruiscono adesso di un pasto caldo tutti i giorni, mentre per i 150 più piccoli dell’asilo è prevista anchela colazione della mattina.
Una giusta e regolare alimentazione non è solo indispensabile per la salute dei bambini, ma è soprattutto indispensabile per l’apprendimento. L’aumento della frequenza scolastica ha ovviamente effetti positivi anche sul miglioramento dei risultati scolastici. Il direttore della scuola di Gandini ha affermato che “ nonostante l’area sia stata colpita da una severa siccità, dalla carestia e dalla fame, il programma alimentare ha avuto un impatto visibile per quanto riguarda le assenze degli alunni”, aggiungendo che “le insegnanti hanno riportato un incremento nella concentrazione degli alunni durante le lezioni e una maggiore partecipazione sia alle materie curricolari che non.”
È stato calcolato che a seguito dell'introduzione del programma alimentare c’è stato un incremento delle iscrizioni del 29% e i risultati scolastici sono migliorati del 22%.
Questo è l'esempio di come sarebbe importante "fare rete" e ampliare l’impatto degli interventi, mettendo a fattor comune le peculiarità di ciascuna non profit in progetti comuni che consentano di creare maggior valore complessivo per i beneficiari e che danno al tempo stesso un valore diverso all’agire delle organizzazioni italiane attive nella zona di Malindi. Questa è davvero una significativa novità che è doveroso segnalare.
Tutta la strategia progettuale di Watoto Kenya è oggi basata esclusivamente sulle partnership, con soggetti pubblici e privati, internazionali o locali.
La nuova governance non crede nelle politiche di solo giving.
Chi è parte di un progetto, anche se beneficiario, deve metterci qualcosa, ovviamente secondo le sue possibilità.
Non carità, ma partenariato, come indicano gli obiettivi 2030 dell’ONU.
Per esempio, l’accordo con la scuola pubblica Gandini prevede che WKO provveda al cibo, che però deve essere cucinato a turno dai genitori dei bambini beneficiari, che contribuiscono anche portando la legna per cuocerlo, mentre la scuola provvede all’olio, al sale e all’acqua. Tutta quella comunità viene quindi coinvolta e partecipa attivamente dando qualcosa al progetto, in base ad un accordo formale di cui tutti (la scuola, le famiglie, i fornitori) sono parti e responsabili del buon esito.

TAGS: watoto kenyakaribuni ngolangobayafattoria langobayagandini primary schoolrete onlus kenya

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una bimba giriama che sorride a una piccola compagna di giochi della tribù dei masai, è l'immagine più bella di integrazione razziale in Kenya, all'alba della campagna per le prossime elezioni nazionali.
Siamo a Baolala, nell'estremo entroterra di Malindi. Uno degli ultimi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Karibuni nasce da un viaggio di un gruppo di amici nel 2002 e la conoscenza delle realta’ locali ci ha portato a fare i primi interventi di aiuto e sostegno. Alla fine del 2004 decidiamo di costituire Karibuni onlus (in...

LEGGI TUTTO

Dopo quella donata alcuni mesi fa all'ospedale di Gede, altre due motoambulanze donate dalla NGO italiana Karibuni, grazie al contributo importante di associazioni italiane e privati, per aiutare le strutture sanitarie della costa del Kenya. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ho letto con attenzione l'articolo di Daniela Venturelli sul volontariato spesso poco corretto di alcune associazioni. 
Fa riferimento a progetti a Chakama molto sponsorizzati da una onlus di cui si sono perse le tracce e che ha lasciato molte delusioni...

LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

"Ci vogliono almeno 200 milioni di scellini per rifare l'intera rete stradale di Malindi. Il Governo deve mettere mano al portafogli e disporre i lavori con l'Autorità statale della viabilità". Questo è l'appello del parlamentare malindino Willy Mtengo, eletto lo...

LEGGI TUTTO

Oggi in Kenya iniziano gli esami scolastici per duecentomila ragazzi, tra alunni della primary school che cercano di completare il primo ciclo di studi, quello obbligatorio per poi sperare, se ci saranno le risorse, di passare alla scuola secondaria. Secondary...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nuova pipeline per l'acqua dell'entroterra di Malindi
Sono arrivate le nuove tubature per rifare i condotti per il trasporto dell'acqua dall'entroterra di Malindi, nella zona di Langobaya e Baricho, alla costa.
Grazie a fondi di società cinesi, le stesse che...

LEGGI TUTTO

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Progetto Arcobaleno" e il primo obbiettivo è il rifacimento della Happy Nursery School di Mtangani, uno dei quartieri periferici di Malindi. I lavori sono iniziati martedì scorso e sono finanziati da due Onlus italiane: Mama Afrika, che opera...

LEGGI TUTTO

"Asfalteremo 4000 chilometri di strade nella Contea di Kilifi nei prossimi quattro anni". La dichiarazione è arrivata lo scorso weekend dal Ministro dei Trasporti keniota James Macharia, durante la sua visita a Malindi per controllare lo stato di avanzamento dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La prima mossa economica del nuovo Governo keniota è per la scuola.
Sia quella dell'obbligo, sia quella superiore.
La "Primary School", che sono elementari e medie insieme secondo il sistema inglese 8-4-4, in Kenya è gratuita ma ci sono diverse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO