Solidarietà

SOCIALE

Le Onlus italiane in Kenya si riuniscono in un Coordinamento

Iniziativa sostenuta dall'Ambasciata d'Italia e dall'Agenzia per Cooperazione e Sviluppo

22-10-2018 di redazione

Un "ombrello" comune per le più rilevanti onlus italiane che sostengono progetti e attività in Kenya.
L'idea sostenuta dall'Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (AICS) e dall'Ambasciata d'Italia in Kenya e organizzata da Marco De Milato, cooperante italiano a Nairobi, si è trasformata in realtà grazie all'adesione di trenta Onlus o ONG registrate in Italia e operanti sul territorio keniano.
Una realtà che si chiama COIKE (Coordinamento delle Organizzazioni non governative Italiane in Kenya) e che ha dato alle stampe una pubblicazione dal titolo "Nia Moja" (una meta).
Una pubblicazione eloquente, dalla quale si evince che dai progetti italiani in Kenya di cui sopra hanno tratto beneficio tre milioni e settecento mila keniani, che hanno visto o vedono impegnate 90 persone di staff più centinaia di volontari, 269 partner locali, e circa 1600 dipendenti keniani.
Importanti i numeri degli investimenti compiuti dal 2012 al 2017: oltre 125 milioni di Euro, il 40% dei quali arrivano da donazioni private e altre quote significative dalla stessa AICS, da altre istituzioni governative o religiose o da fondi della Comunità Europea.
I settori in cui le Organizzazioni senza scopo di lucro italiane intervengono solo per il 18% la protezione e l'inserimento dei minori nella società, per il 14% la salute e l'alimentazione, e per un altro 14% l'educazione, ma anche nel campo del sostentamento agricolo, delle risorse idriche e delle iniziative destinate alla microeconomia e all'autosostentamento, le associazioni italiane si spendono parecchio.
"Negli ultimi due anni, è avvenuta un'importante riforma della cooperazione italiana per lo sviluppo che favorisce una nuova struttura istituzionale e
un quadro strategico volto ad aumentare il livello di efficacia e impatto delle nostre azioni - spiega Teresa Savanella, massimo dirigente dell'AICS in Kenya - In questo modo, l'Italia ha rafforzato la sua attenzione allo sviluppo inteso come crescita dell'uomo, con gli obiettivi prioritari di sradicamento della povertà, riduzione della disuguaglianza, promozione dei diritti umani e di genere, sostegno alla democrazia e all'instaurazione dello stato di diritto".
Prossimamente allegheremo le schede delle trenta organizzazioni che hanno aderito al Coike. 
Ogni associazione che sia legalmente riconosciuta in Italia ed operi sul suolo keniano può iscriversi al COIKE, e secondo noi se condivide i principi di cui sopra, dovrebbe farlo.
Per informazioni scrivere a info.coike@gmail.com

TAGS: onlus kenyaorganizzazioni kenyavolontariato kenyasolidarietà kenyacooperazione kenya

Ho letto con attenzione l'articolo di Daniela Venturelli sul volontariato spesso poco corretto di alcune associazioni. 
Fa riferimento a progetti a Chakama molto sponsorizzati da una onlus di cui si sono perse le tracce e che ha lasciato molte delusioni...

LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

Di solito sono ragazzi poco oltre la ventina, freschi freschi di laurea; solitamente una laurea umanistica come Psicologia.
Arrivano da famiglie benestanti, non hanno mai avuto difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena.
A volte sono idealisti, con...

LEGGI TUTTO

Spesso quando in Kenya si vive in una casa privata, specie se in una zona poco frequentata e un po' lontana dal viavai delle zone turistiche, bisognerebbe aumentare la sicurezza. Le statistiche parlano chiaro: le (ancora poche, per fortuna, ma...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Gli sforzi e la generosità della comunità italiana, del nostro portale e di molti imprenditori del settore turistico di Malindi e Watamu sta per concretizzarsi con la prima importante donazione per le famiglie degli sfollati dell'entroterra malindino.
Nei prossimi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riaprono le scuole primarie e secondarie in tutto il Kenya.
Come è noto, qui l'anno scolastico incomincia in corrispondenza con quello solare ed è strutturato con vacanze di circa un mese ogni tre di studio.
 

LEGGI TUTTO

Un giro di vite nei locali notturni della costa keniana.
Lo ha deciso nei giorni scorsi il Capo della Polizia della regione costiera Nelson Marwa, che per prima cosa ha ordinato la chiusura di tutti gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamerà Africa Academy for Tax and Financial Crime Investigation, la partnership creata lo scorso 13 giugno a Berlino tra Germania, Italia e Kenya, con la supervisione dell'Organizzazione Internazionale per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il romanzo della giornalista Rai Isabella Schiavone "Lunavulcano", che abbiamo recentemente recensito qui (clicca qui per leggere la recensione) è stato selezionato  per il prestigioso premio Strega 2018.
L'importante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fatuma Freedom Prezioso non ce l'ha fatta. 
E' spirata ieri notte a Mombasa, dove si era recata per l'ennesima visita di controllo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è sul podio della generosità mondiale.
I cittadini keniani sono solidali tra di loro, dedicano molto tempo ad assistere le persone in difficoltà e in generale sono predisposti ad aiutare.
Lo afferma il World Giving Index 2017, il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il suo corpo è stato trovato ormai senza vita dalla moglie, nella loro accogliente casa di Langata a Nairobi.
Esmond Bradley-Martin, settantacinque anni, era...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ stata donata da una Onlus italiana, la prima clinica mobile di Malindi, che ora appartiene alla Croce Rossa Keniana. 
Totalife Onlus ha presentato ufficialmente la clinica mobile lo scorso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Questo "muretto" è dedicato a tutte le persone che hanno avuto a che fare con il Kenya, in vacanza, per lavoro, ospiti di un amico, per volontariato o altra scelta volontaria e involontaria, e hanno conosciuto la magia di questo...

inviate una mail a info@malindikenya.net

Le grandi soddisfazioni sono spesso inaspettate.
E quanto più sono inattese tanto più sono stupefacenti. 
Sono un po’ come le stelle cadenti.

LEGGI TUTTO

Il mio mal d'Africa risale a tanto tempo fa.
Dicembre 1971,avevo 17 anni e ricordo perfettamente (perchè la rivivo ogni volta che torno)la sensazione di essere arrivata,di essere a casa.
 

LEGGI TUTTO