Solidarietà

SOCIALE

Pedalare in Kenya per fini nobili è di moda

Belle iniziative sulle due ruote si susseguono

10-09-2019 di Freddie del Curatolo

In Kenya le due ruote stanno diventando simbolo di solidarietà e tutela dell’ambiente.
Il boom del ciclismo in Kenya si accompagna felicemente con iniziative benefiche che ultimamente si stanno moltiplicando nel Paese e che raccolgono consensi non solo sui social.
Una delle “imprese” eclatanti arriva da una fondazione keniana, Seas 4 Life, sostenuta tra gli altri dal compianto CEO del gruppo di ristoranti Tamarind, perito tragicamente sul tristemente noto volo Ethiopian Addis Ababa-Nairobi. Quindici ciclisti dilettanti (ma non troppo, uno di loro John Kariuki, ha già vinto una competizione Under 23 in Francia e sogna di partecipare al Giro d’Italia) keniani e occidentali, ha deciso di pedalare dalla Rift Valley a Watamu per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inquinamento da rifiuti che, dalla terra, si riversa in mare distruggendo la vita negli oceani. Sono partiti dal Kajiado, alle porte del Maasai Mara per intenderci, ed hanno attraversato Tsavo Ovest ed Est, battendo le piste che solitamente sono i fuoristrada a percorrere e fermandosi in lodge e campi tendati, per un totale di oltre seicento chilometri coperti in una settimana, in mezzo alla natura e agli animali (piuttosto attoniti, perlopiù). Iniziativa che ha attirato sponsor e donazioni e che si è positivamente conclusa nei giorni scorsi nella cittadina turistica costiera.
Sabato scorso, dopo ben 1103 chilometri percorsi in dieci giorni, sono invece arrivati a Mombasa sei appassionati ragazzi keniani che hanno deciso di inforcare le loro biciclette per raccogliere fondi in favore degli studenti disagiati dello Starehe College. Samuel Kibiko, Fredrick Njoroge, Ian Gichohi, John Odor, Peter Gitu and Samwel Kagiri sono partiti da Busia, ultimo Paese del Kenya al confine con l’Uganda ed hanno attraversato a loro rischio e pericolo strade trafficate e battute da camion e matatu, compresa la cosiddetta autostrada Nairobi-Mombasa. Sono arrivati sani e salvi, accolti dal Vice Governatore di Mombasa William Kingi con un “borsino” di 2 milioni di scellini per l’educazione di tanti giovani concittadini.
Qualche mese fa anche un gruppo di ciclisti amatoriali indiani mussulmani aveva percorso la Nairobi-Mombasa per beneficenza, raccogliendo fondi per una struttura medica della capitale.
Abbinare lo sport alla solidarietà e a settori problematici in Kenya come educazione e sanità (come facciamo noi di malindikenya.net) è una delle migliori “mode” che ci possiamo aspettare.

TAGS: bici kenyaciclismo kenyamountain bike kenyapedalare kenyaambiente kenyasociale kenya

Ho uno shamba boy che si chiama Mungo.
E’ il quinto di undici fratelli.
Circa.
Il numero esatto non lo sa neanche lui.
Porta le ciabatte di gomma di colore diverso, probabilmente trovate in spiaggia dopo l’alta marea e al...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

In Africa accadono delle cose che mai avresti potuto immaginare.
Eppure, in Africa, ricevi lezioni di vita che non dimenticherai mai.
Voi come andavate a scuola? 
Mio figlio aveva una bicicletta per andare a scuola. 

LEGGI TUTTO

"Siamo appassionati d'Africa e di mountain bike, così abbiamo deciso di percorrere buona parte della Tsavo Road, da Malindi a Langobaya, per godercela ancora com'è sempre stata: selvaggia, polverosa e semplice come la gente che vive ai suoi bordi".
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Parco Avventura a venti chilometri da Malindi, su una collina con un panorama incantevole e ai piedi della foresta.
Il tutto ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il Kenya è una delle destinazioni più varie e straordinariamente ricche di occasioni uniche, emozioni per tutti ed attrazioni per ogni tipo di appassionato o esperto di avventura. Se per molti il Paese africano è soprattutto sinonimo di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il mondo cambia e con esso anche il modo di viaggiare e scoprirlo.
Siamo sempre meno turisti e più escursionisti, avventurieri magari molto social ma anche pronti a provare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche quest’anno l’Orchestra del Conservatorio di Nairobi sbarca sulla costa per i tradizionali concerti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Con la nuova strada asfaltata che collega Malindi all'ingresso del Parco Nazionale dello Tsavo (completata...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Il Parco Nazionale del Monte Longonot ed il suo ecosistema si trovano a circa 90 km da Nairobi. 
La riserva si estende su circa cinquanta chilometri quadrati, di cui la maggior parte è occupata dalla montagna stessa, che di fatto...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Avevamo presentato la splendida e originale iniziativa della Onlus "Flipflopi Expedition" (LEGGI QUI IL PRECEDENTE ARTICOLO) che illustrava la costruzione a Lamu di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Anche per la serata di Ferragosto, oltre al sabato sera, la cena al Baby Marrow sarà ingentilita dalla bella voce della cantante keniana Linah, con le sue interpretazioni di classici soft internazionali.
Nel locale di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Watamu in strada per difendere la sua bellezza e la salute pubblica, prima del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la nostra "prima buona intenzione del 2019" lanciata online, con la raccolta quotidiana della plastica sulle spiagge di Malindi (LEGGI QUI L'INIZIATIVA) sono tanti i ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO