Solidarietà

AIUTI GALANA

Prosegue l'assistenza alimentare italiana al villaggio di Mkondoni

Da questo mese "Mondo Solidale" si aggiunge ai donatori. I numeri della raccolta.

07-08-2018 di redazione

Gli italiani non abbandonano gli sfollati della valle del Galana.
Dopo i due mesi di aiuti continui da parte degli italiani che hanno contribuito alla ripresa dei senzatetto dei campi della Croce Rossa e dopo che da luglio ci si è concentrati soprattutto sul villaggio più remoto, quello di Mkondoni, sulle rive del fiume all'altezza di Langobaya, questo mese sarà l'associazione "Mondo Solidale" che ha come referente in Kenya Rita Valentini a garantire l'approvvigionamento alimentare e non solo, in accordo con Karibuni Onlus che per prima ha gettato una scialuppa di salvataggio per la gente di quella zona.
Nei prossimi giorni ci sarà la consegna ufficiale, di cui malindikenya.net vi riferirà come è stato fatto per le varie consegne da parte di voi lettori.
Ricordiamo che per la raccolta dell'emergenza Galana sono stati raccolti Kshs. 1.500.000, di cui 1.100.000 sono stati spesi per la consegna di 300 materassi, uno ad ogni famiglia di sfollati nei quattro campi allestiti dalla Croce Rossa Keniana. Kshs. 50.000 invece sono stati destinati all'acquisto di semi per ripiantare il granoturco nei campi risistemati dopo le inondazioni causate dal fiume, ed altri 50.000 in altri generi di prima necessità. Altri Kshs. 56.000 mila sono stati spesi per i vari trasporti ai villaggi e per quelli da e per Nairobi della logistica. 
Durante le visite alle varie comunità negli ultimi due mesi sono stati acquistati anche prodotti alimentari per un totale di Kshs. 42.000.
Abbiamo anche destinato kshs. 60.000 per l'acquisto di carrozzelle per i disabili tra gli sfollati: la prima verrà distribuita la prossima settimana a Mkondoni, ed altri Kshs. 50.000 per aiutare famiglie in difficoltà. 
Grazie alla generosità degli italiani abbiamo in cassa ancora poco meno di Kshs. 100.000 per altre emergenze, e contiamo sempre sulla vostra generosità. 
Continueremo ad illustrare i benefici e i progressi dell'opera di Karibuni Onlus, delle associazioni che a lei si affiancano e di malindikenya.net che conta sempre sull'aiuto dei suoi fantastici lettori.
Grazie ancora a tutti!   

TAGS: emergenza kenyaaiuti malindimondo solidalekaribuni onlusaiuti italiani kenya

Si chiude dopo cinque mesi il grande cerchio della solidarietà italiana per le vittime dell'inondazione della vallata del fiume Galana, nell'entroterra di Malindi. Le migliaia di cittadini keniani della costa rimasti senza capanna e terreni coltivabili, sono stati aiutati parzialmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La solidarietà italiana agli sfollati della valle del Galana è iniziata subito, all'indomani della grave esondazione che ha lasciato centinaia di famiglie senza quel poco che avevano in precedenza.
Dopo gli aiuti per l'emergenza sanitaria, alimentare e di prima assistenza,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ha annunciato ieri il nostro portale, che come sempre in queste occasioni si fa portavoce e organizzatore della solidarietà della comunità italiana nei confronti dei keniani, da oggi parte ufficialmente la colletta degli italiani...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quando abbiamo messo in piedi la raccolta di fondi per aiutare le popolazioni dell'entroterra malindino vittime dell'alluvione e della conseguente esondazione del fiume Galana, ci eravamo posti l'obbiettivo di raggiungere entro il 20 maggio la cifra di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ci siamo.
La colletta organizzata tramite il nostro portale dalla comunità italiana di Malindi e Watamu e da molti (non ancora tutti, purtroppo) operatori del turismo, ha raggiunto quota...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Da una Onlus di amici comaschi e i progetti di Mida con il primo Vescovo di Malindi, Francis Baldacchino, alle tante iniziative scolastiche, di sanità (la maternità di Marafa e l'ospedale di Gede soprattutto), al microcredito e infine all'autosostentamento agricolo, con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli sforzi e la generosità della comunità italiana, del nostro portale e di molti imprenditori del settore turistico di Malindi e Watamu sta per concretizzarsi con la prima importante donazione per le famiglie degli sfollati dell'entroterra malindino.
Nei prossimi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna "pole pole" la fornitura d'acqua a Malindi e in tutta la Kilifi County.
Una buona notizia tra le tante negative che in questo periodo riguardano la disastrata zona dell'entroterra di Malindi e di Magarini.
Gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la distribuzione dei 300 materassi per ogni capofamiglia dei quattro campi di sfollati dall'alluvione ed esondazione del fiume Galana, la solidarietà della comunità italiana organizzata da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La solidarietà italiana per l’isola “solitaria” del Mida Creek non si ferma.
Dopo la splendida scuola creata Marafiki Onlus oggi ha anche un piccolo ospedale, grazie all’associazione “Pediatria per l’emergenza”.

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Riaprono le scuole primarie e secondarie in tutto il Kenya.
Come è noto, qui l'anno scolastico incomincia in corrispondenza con quello solare ed è strutturato con vacanze di circa un mese ogni tre di studio.
 

LEGGI TUTTO

"Dal 1961 non si vedeva un allagamento simile".
Gli anziani Mijikenda di Kakoneni c'erano, e si ricordano quando le loro famiglie persero tutto.
Il Kenya era

LEGGI TUTTA LA STORIA E GUARDA LE FOTO

Torna prepotente la fame nel distretto di Magarini, entroterra di Mambrui. 
Sono molti i villaggi in cui sono finite le scorte di grano dei campi di proprietà delle comunità locali e non ci sono soldi per acquistare quello confezionato.
La...

LEGGI TUTTO