Solidarietà

AIUTO

Raccolta fondi dei malindini per la moglie di Prezioso

Fatuma lotta con un brutto male ma ce la può fare con una mano

11-01-2017 di redazione

Fatuma di secondo nome si chiama Freedom, libertà, e quello che sogna è di poter essere ancora un po' libera di decidere della sua vita. Molti italiani a Malindi, specie i residenti storici e chi frequenta questo angolo di Kenya da tanti anni, hanno conosciuto Fatuma come moglie di un famosissimo italiano, Vincenzo Prezioso. 
La sua boutique di scarpe e pelletteria di fianco al Bar Bar e al Consolato Italiano, con l'insegna che riportava il suo cognome a caratteri cubitali, fa parte delle cartoline tipiche della Malindi italiana. 
Vincenzo Prezioso è mancato sei anni fa (potete leggere qui il ricordo di Freddie del Curatolo) e Fatuma ha lasciato il negozio ed è tornata alla vita semplice di una donna africana. Fino a due anni fa, quando ha scoperto di avere un brutto male. Da allora la trafila dei malati, che qui in Kenya è decente solo finché si hanno i soldi per potersi permettere consulti privati, medici specialisti e cliniche di discreto livello, magari all'estero, in Arabia o in India.
Dopo un'operazione e sedute di chemioterapia, la speranza come tanti di avercela fatta a superare il dramma, senza aver dovuto chiedere niente a nessuno, il male è ritornato a fare capolino. Così Fatuma è stata costretta a chiedere aiuto ad amici, parenti e a chi l'ha conosciuta come moglie di Vincenzo.
Il prossimo 4 febbraio alla scuola Barani Academy ci sarà una raccolta fondi, già iniziata via Mpesa e via banca, per finalizzare il contributo. Servirebbero 2.5 milioni di scellini (circa 23 mila euro) per il viaggio, l'operazione e il trattamento in India, ma con una raccolta minore si potrà decidere per una soluzione più vicina, come ad esempio la Tanzania.
Il Comitato organizzativo della raccolta fondi per questa donna conosciuta per la sua generosità e il carattere mite, ben voluta da tutti a Malindi, ha attivato un conto Pay Bill su Mpesa, N° 858433 e ha aperto un conto corrente intestato a Freedom Fatuma M. Awadh, KCB Malindi A/C 1103175041.
Ogni contributo, anche piccolo, da chi ha conosciuto lei o il mitico Vincenzo Prezioso, sarà ben accetto.

TAGS: Vincenzo PreziosoFatuma Malindi

Fatuma Freedom Prezioso non ce l'ha fatta. 
E' spirata ieri notte a Mombasa, dove si era recata per l'ennesima visita di controllo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pochissimi, tra gli abituali frequentatori di Malindi, non sanno chi è Vincenzo Prezioso.
Mi piace parlare di lui al presente, anche se da poche ore non c'è più.
Perchè Vincenzo è stato una delle anime di Malindi, uno degli italiani...

LEGGI TUTTO IL RICORDO

L'intero staff del Ministero del Turismo keniano, ad eccezione del capo di Gabinetto, Najib Balala, nei giorni scorsi si è recato in visita all'Aeroporto Internazionale di Malindi.
Motivo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ una storia di amicizia, di professionalità, di passione e di quello spirito artigiano che ha fatto grande l’Italia in tutto il mondo nel secolo scorso e che oggi si ritrova solo perlustrando gli angoli più reconditi di mondo. Vincenzo...

LEGGI LA STORIA PER INTERO

Un progetto da parecchi milioni di euro, è quello presentato da due aziende, una svizzera ed una spagnola, per risolvere il problema endemico della mancanza d'acqua a Mombasa e sulla costa del Kenya.
Si tratta di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Romina Pugliese è una bella ragazza di 22 anni che vive a Ginosa, in provincia di Taranto, è mamma da quattro mesi di una splendida bambina ed innamorata del suo compagno che gestisce il frequentatissimo bar nel centro della cittadina.LEGGI TUTTA LA STORIA E GUARDA LE ALTRE FOTO

Il Kenya Wildlife Service dai giorni scorsi ha un nuovo rivelatore per scoprire i bracconieri.
Si tratta di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una bella serata rievocativa a Malindi per festeggiare il cinquantesimo anniversario del primo lancio di un missile dalla base italiana San Marco di Ngomeni.
L'emozione è stata rappresentata dal ritrovare alcuni veterani che hanno lavorato in quegli anni così lontani,...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Si chiama "Canon Story Telling", ed è il primo di dodici workshop di una settimana organizzati dalla nota azienda di accessori foto e video insieme alla produzione italiana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono già due le aziende internazionali che allevano coccodrilli presi lungo il fiume Galana, nell'entroterra di Malindi, per poi ammazzarli e vendere la pelle e in seconda istanza, la carne. 
Nel Paese della protezione degli animali da savana, il coccodrillo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamerà Africa Academy for Tax and Financial Crime Investigation, la partnership creata lo scorso 13 giugno a Berlino tra Germania, Italia e Kenya, con la supervisione dell'Organizzazione Internazionale per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un anniversario che non può passare inosservato, non solo a Malindi e in Kenya, ma in tutta Italia.
Mercoledì prossimo, 26 aprile, cade il cinquantesimo anniversario del primo lancio in orbita di un satellite italiano dalla base spaziale San Marco di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un lungo speciale dedicato al Kenya attuale su Rai Uno.
Andrà in onda domani sera alle 23.50 nell'ambito di "Speciale Tg1", con un servizio dedicato all'ascesa turistica di Watamu e interviste a tre

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un pangolino, animale misterioso dall’aspetto primordiale ma dal carattere docile, ci ha regalato una esperienza unica ed irripetibile.
Molti esperti animalisti lo conoscono solo attraverso le foto pubblicate nei libri di ...

LEGGI TUTTA LA STORIA E GUARDA LE FOTO

In una piccola manyatta del villaggio di Saku, nella Contea di Marsabit, una ragazza di diciassette anni ha salutato le sue caprette, i fratelli e il resto della numerosa famiglia.
Poi ha aperto una piccola...

LEGGI TUTTA LA STORIA