Solidarietà

SANITA'

Ru Neema, miglior ospedale di Nairobi

Prima struttura missionaria. Il fondatore Morino: "Diritto alla salute per i più poveri"

27-08-2019 di redazione

Il Ruaraka Uhai Neema Hospital, gestito dalla ONG World Friends, e’ stato riconosciuto come migliore ospedale missionario dal Dipartimento della Sanita’ della Contea di Nairobi, un organo governativo indipendente keniota. Ha ricevuto il primo premio per molte delle prestazioni socio-sanitarie che fornisce alla popolazione locale, in particolare a coloro che vivono nelle baraccopoli dell’area Nord-Est di Nairobi e che non hanno soldi per pagare i costi richiesti dagli ospedali privati che servono la città. In particolare si è distinto per l’offerta di alta qualità di alcuni dei suoi servizi: per il reparto di Maternità e il Parto Sicuro, per il Controllo delle Infezioni Ospedaliere, per l’area del Pronto Soccorso e delle Emergenze, per il servizio di Ambulanza e per il servizio di Camera mortuaria/Obitorio. Dopo essere riuscito a ottenere in 5 anni il Quinto (e più alto) Livello nella Qualità della Salute e delle Cure dal SafeCare System, che certifica il riconoscimento di precisi standard qualitativi degli ospedali in Kenya, il Neema Hospital ha ricevuto un’ennesima conferma del grande lavoro svolto in questi ultimi anni da tutto il suo personale. Questo premio è la riprova del costante impegno nel miglioramento della qualità dei servizi che l’ospedale riesce a offrire per garantire cure a basso costo e di qualità alle fasce più disagiate della popolazione che vivono negli slum.
“Nairobi è la città delle diseguaglianze, ci sono ottimi ospedali privati, dove però si entra soltanto pagando un deposito. Il problema è etico: i più poveri non vengono curati perché non hanno soldi e quindi non hanno il diritto alla salute”, afferma il dottor Gianfranco Morino, medico piemontese di Acqui Terme da 33 anni in Africa e uno dei fondatori dell’ospedale.
L’ospedale è anche un centro di training per i medici kenioti, riconosciuto come Centro di Sviluppo Professionale (CPD) e di Formazione Medica Permanente dal Medical Board del Kenya. Adesso conta più di 140.000 mila pazienti l’anno e fornisce un numero sempre maggiore di servizi medico-sanitari e una qualità delle cure sempre più alta. E’ attualmente formato da più reparti: un ambulatorio generale, ambulatori specialistici, un pronto soccorso, reparti di maternità e pediatria, laboratori, una farmacia, servizi di fisioterapia e di radiologia, chirurgia generale, pediatrica, ortopedico-correttiva e ostetrico-ginecologica e servizi di educazione sanitaria e nutrizionale. Da quest’anno l’ospedale si è ulteriormente ingrandito con un nuovo edificio in cui sono stati recentemente aperti gli ambulatori specialistici di oculistica, otorinolaringoiatria, senologia, dermatologia ed elettroencefalografia. Oltre a tutte le prestazioni mediche messe a disposizione all’interno dell’ospedale, molti dei servizi medici vengono erogati direttamente sul territorio, attraverso Medical Camp nei quali un team medico garantisce visite e cure gratuite ed eventuale riferimento all’ospedale ai pazienti più poveri degli slum.

TAGS: sanità kenyasolidarietà kenyaospedale nairobiospedali kenya

Il numero delle vittime dell'attentato di questo pomeriggio nei pressi e dentro l'hotel Dusit D2 di Nairobi, nel quartiere di Riverside, è aumentato di ora in ora, con l'arrivo negli ospedali cittadini dei feriti.
Secondo...

LEGGI L'ARTICOLO E GLI AGGIORNAMENTI

Una notte di pioggia a Malindi, una madre disperata che forse cerca tardivamente di abortire e che partorisce in uno dei quartieri poveri della cittadina.
Un gesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Festeggia dieci anni di vita l’ospedale simbolo dell’assistenza agli ultimi degli slum di Nairobi.
Fondato dal medico chirurgo piemontese Gianfranco Morino con la ONG World Friends e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il romanzo della giornalista Rai Isabella Schiavone "Lunavulcano", che abbiamo recentemente recensito qui (clicca qui per leggere la recensione) è stato selezionato  per il prestigioso premio Strega 2018.
L'importante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fatuma Freedom Prezioso non ce l'ha fatta. 
E' spirata ieri notte a Mombasa, dove si era recata per l'ennesima visita di controllo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mentre in tutto il Kenya continua a dilagare lo sciopero dei medici che sta mettendo in crisi il già provato apparato sanitario pubblico, a Malindi e dintorni ci sono sempre italiani dal grande cuore che si mettono a disposizione per...

LEGGI TUTTO

Una violenta esplosione accompagnata da una serie di spari ha riguardato intorno alle 15.30 (ora keniana, in Italia le 13.30) un comprensorio al numero 14 di Riverside  nella capitale keniana Nairobi
Quello...

LEGGI QUI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Tra gli italiani di Malindi c'è chi non si limita a costruire, ma si adopera per migliorare la condizione della popolazione locale.
E' il caso di Giulio Giro, milanese di 66 anni, di cui 25 spesi in Kenya dove è...

LEGGI TUTTO

Una giornata di terrore a Nairobi, dove è più la paura di un tragico remake dell'attentato del 2013 al centro commerciale Westgate, che il vero pericolo, nonostante purtroppo il numero dei...

LEGGI L'ARTICOLO E GLI AGGIORNAMENTI

Karibuni nasce da un viaggio di un gruppo di amici nel 2002 e la conoscenza delle realta’ locali ci ha portato a fare i primi interventi di aiuto e sostegno. Alla fine del 2004 decidiamo di costituire Karibuni onlus (in...

LEGGI TUTTO

Il Kenya alla vigilia delle elezioni perde l'uomo della Sicurezza nazionale. 
Il Ministro della Difesa, Joseph Ole Nkaissery, è morto improvvisamente la notte scorsa dopo essere stato portato per accertamenti in ospedale a Nairobi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un terribile incidente occorso ad un bus sulla tratta Nairobi-Kisumu, all'altezza di Fort Ternan nel distretto di Kericho, fa salire i morti per incidenti stradali in Kenya, dall'inizio dell'anno a 2350. 
Solo questa...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Tre mesi di sciopero. I medici keniani non mollano ma anche il Governo non cede di un millimetro, e ovviamente chi ci rimette sono i pazienti kenioti che non hanno la possibilità di affidarsi alla sanità privata. Il governo non ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Finalmente dopo cinque mesi di agitazioni sindacali, è terminato lo sciopero nazionale degli infermieri e infermiere in Kenya.
Complice lo stallo politico delle elezioni e la sua ben nota...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Medical Camp per i malindini, venerdì 31 marzo e sabato 1 aprile allo Star Hospital, con visite specialistiche di cardiologia, oncologia e ortopedia (spina dorsale e ossa). E' un'iniziativa della clinica cittadina in collaborazione con l'Ospedale superspecialistico di Nuova...

Eleonora Tundo è una ragazza dall’aspetto timido, gentile e dallo sguardo dolce amichevole ma con...

LEGGI L'ARTICOLO