Solidarietà

SOCIALE

Watoto Kenya: dalla casa famiglia alla scuola modello college

La onlus italiana prosegue l'ottimizzazione dei suoi interventi a Langobaya

24-01-2018 di Hilary Mazzon

La "Casa Famiglia" di Watoto Onlus a Langobaya diventerà una "boarding" school con dormitorio per gli alunni dell'ultimo anno di scuola, per permettere loro di studiare meglio e migliorare le loro performance.
L'associazione italiana Watoto Kenya Onlus è da più di dieci anni impegnata nel campo dell’assistenza sociale e dello sviluppo in un’area tra le più povere del Kenya, precisamente nella zona di Langobaya, 80 chilometri nell’entroterra di Malindi in direzione Tsavo Est, nel corso degli anni tra le altre cose ha anche finanziato la costruzione di una casa famiglia e aiutato circa 90 bambini.
Nel 2016, gli esecutivi dell’associazione hanno cercato di stimare costi e benefici delle loro azioni nel sociale, stimando l’impatto a lungo termine del loro operato. È risultato evidente che il loro impegno non aveva un impatto direttamente proporzionale alle energie e alle risorse impiegate nella gestione della casa famiglia.
Di conseguenza, è stato studiato un nuovo intervento. 
Così la casa famiglia, da quest'anno in partnership con la scuola primaria Gandini e il Board di Makobeni Trust Company, sarà riconvertita in una Boarding per le "class 8" della scuola primaria limitrofa per permettere agli studenti dell’ultimo anno di migliorare i loro risultati e le loro performances.
Nel corso dell’anno 2017 sono stati avviati gli interventi per reintrodurre i bambini all’interno dei loro nuclei famigliari, cercando di sostenere le famiglie nel processo di accoglienzae dotandole degli strumenti per migliorare le loro condizioni economiche affinché possano prendersi cura dei bambini.
Il compito degli assistenti sociali di Watoto Kenya Onlus, è adesso quello di monitoraree aiutare le famiglie a prendersi cura dei loro figli.
Watoto Kenya Onlus supporta i bambini e le famiglie sia con interventi direttie personalizzati per ogni famiglia, sia con il sostegno degli studi primari dei bambini reinseriti. Nei 12 anni in cui i bambini ospiti si sono alternati nella casa, sono stati sempre messe in atto azioni di supporto nei confronti delle famiglie di origine.
Spesso le persone che supportano le case famiglia non sanno che quelle dovrebbero essere situazioni temporanee e non permanenti, non sanno nemmeno che per legge la durata massima della permanenza nelle case famiglia non dovrebbe essere più di tre anni, mentre la durata minima è di tre mesi.
Watoto Kenya Onlus si è spinta oltre a questa legge, eliminando il concetto di casa famiglia e adottando una strategia dove ci si concentra sulla famiglia autoctonacercando di eliminare o per lo meno aggiustare il problema all’origine, e non mitigandone gli effetti per qualche tempo.
L’obiettivo che la direzione di Watoto Kenya Onluscerca di perseguire si basa su un concetto base, quello della sostenibilità del progetto e non di dipendenza dello stesso.
Ogni volta che si vuole aiutare qualcuno, bisogna pensare al dopo, a cosa succede dopo che l’ho aiutato, quali sono gli effetti che ho creato con il mio gesto, e nel caso in cui il mio aiuto abbia dato vita a una soluzione permanente e a lungo termine, allora il mio aiuto è stato utile; mentre nel caso in cui la mia azione abbia solo creato la dipendenza da quella azione, senza la quale la situazione che ho trovato non è migliorata, ma è anzi peggiorata, allora il mio aiuto ha avuto un effetto a lungo termine negativo.

FOTO GALLERY
TAGS: watoto kenya onlusgandini primary schoolmakobenilangobaya kenya

L'unione fa il bene, proprio come l'alimentazione per i bambini.
Quando due realtà italiane molto note in Kenya per i loro progetti di solidarietà mai fini a sé stessi si mettono insieme e collaborano, nascono ottime prospettive per la popolazione...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Agosto 2004: un gruppo di amici di Roma visitano Makobeni, villaggio a una quarantina di chilometri da Malindi, sulla strada per lo Tsavo.
Si rendono conto dei gravi problemi di siccità e di una situazione problematica per i bambini.
C'è...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Kit Dignità" ed è un'iniziativa di Watoto Kenya Onlus per le ragazze delle scuole dell'entroterra malindino.
Si tratta di assorbenti lavabili che permetteranno alle studentesse di non restare a casa da scuola nel periodo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Gli sforzi e la generosità della comunità italiana, del nostro portale e di molti imprenditori del settore turistico di Malindi e Watamu sta per concretizzarsi con la prima importante donazione per le famiglie degli sfollati dell'entroterra malindino.
Nei prossimi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi in Kenya iniziano gli esami scolastici per duecentomila ragazzi, tra alunni della primary school che cercano di completare il primo ciclo di studi, quello obbligatorio per poi sperare, se ci saranno le risorse, di passare alla scuola secondaria. Secondary...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Progetto Arcobaleno" e il primo obbiettivo è il rifacimento della Happy Nursery School di Mtangani, uno dei quartieri periferici di Malindi. I lavori sono iniziati martedì scorso e sono finanziati da due Onlus italiane: Mama Afrika, che opera...

LEGGI TUTTO

La prima mossa economica del nuovo Governo keniota è per la scuola.
Sia quella dell'obbligo, sia quella superiore.
La "Primary School", che sono elementari e medie insieme secondo il sistema inglese 8-4-4, in Kenya è gratuita ma ci sono diverse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A distanza di poco tempo dalla costruzione del pozzo per la Happy Children Nursery School di Mtangani, gli amici italiani di Donatella "Donamasai" Crispino hanno raccolto altri fondi e con la loro generosità hanno rifornito di acqua buona un’altra scuola,...

LEGGI TUTTO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

La storia di Susan Gaita, una ragazza quindicenne di etnia pokomo, è una storia comune purtroppo a tante giovani del distretto di Malindi, ma lei ha una marcia in più: è bravissima a scuola e questo potrebbe salvarla.
Orfana di...

LEGGI TUTTO

Riaprono le scuole primarie e secondarie in tutto il Kenya.
Come è noto, qui l'anno scolastico incomincia in corrispondenza con quello solare ed è strutturato con vacanze di circa un mese ogni tre di studio.
 

LEGGI TUTTO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Karibuni nasce da un viaggio di un gruppo di amici nel 2002 e la conoscenza delle realta’ locali ci ha portato a fare i primi interventi di aiuto e sostegno. Alla fine del 2004 decidiamo di costituire Karibuni onlus (in...

LEGGI TUTTO

Una bimba giriama che sorride a una piccola compagna di giochi della tribù dei masai, è l'immagine più bella di integrazione razziale in Kenya, all'alba della campagna per le prossime elezioni nazionali.
Siamo a Baolala, nell'estremo entroterra di Malindi. Uno degli ultimi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO