Prodotti del territorio

FRUTTA

Jackfruit

Il frutto buono per la crescita dei figli

01-10-2011 di redazione

In Kenya sono molti i frutti che chi vive in Europa ha avuto modo di vedere, e ancor meno di assaggiare.
Accanto ai più conosciuti, come mango ed ananas, ci sono anche strani frutti che non crederemmo nemmeno commestibili e invece hanno proprietà importanti.
E’ il caso dell’Artocarpus heterophyllus, meglio conosciuto da queste parti come Jackfruit, che secondo gli esperti di ecosistema e cambiamenti climatici potrebbe "salvare il pianeta".
L’artocarpus è una pianta tropicale della famiglia delle Moracee. 
È coltivata per il suo frutto, il più grande esistente in natura tra quelli che crescono dagli alberi; in italiano viene chiamato giaca o catala.
Il frutto, delle dimensioni di un anguria si presenta con una buccia ruvida e spinosa, si trova appeso come se fosse una mela. 
Ne esistono due tipi: quello morbido e quello compatto. 
Il primo all'interno ha la consistenza del caco e viene usato per fare dolci mentre il secondo, una volta aperto, presenta una parte fibrosa all’interno della quale sono “immersi” tanti piccoli similfrutti dalla buccia gialla, che a loro volta ospitano un singolo nocciolo.
La polpa del jackfruit è lattiginosa e bianca, l’odore molto penetrante, che ricorda una cipolla molto matura all’apertura del frutto o la banana per le parti commestibili al suo interno. 
Il frutto è una buona fonte di vitamina B1, vitamina B2 e potassio. 
Le popolazioni della costa usano la polpa cremosa come pappa per i bambini, perché ricce di fibre e anche di calcio, fosforo e ferro.
Calcio e Fosforo hanno la principale funzione di partecipare alla formazione delle ossa e dei denti, della crescita normale e della trasmissione degli impulsi nervosi. ha inoltre proprietà lassative, specialmente se ingerito in grande quantità.
Cento grammi di jackfruit fresco (98 Kcal) contengono: 1,9 g di proteine; 0,3 g di grassi; 25 g di carboidrati; Quando il jackfruit non è maturo si può cucinare come un tubero di patata, bollito. La parte commestibile sono i piccoli cuori gialli contenuti nel frutto, che spesso si ritrovano in vendita separatamente. Una volta maturo, è ottimo per farne macedonie, torte o in abbinamento con il gelato.
Anche i numerosi grossi semi vengono utilizzati per essere cucinati in modo simile alle castagne.
Proprio per questo gli esperti stimano che, per la grandezza dei frutti e la sua resistenza ad ogni temperatura, in futuro in molti paesi potrebbe sostituire il grano e le altre farine e diventare un'importante fonte di sostentamento primario. 

TAGS: Jackfruit kenyaFrutta Kenya

E' inutile negarlo, la frutta del Kenya rappresenta uno dei grandi piaceri di questa terra.
Non è facile infatti trovare in natura delizie del palato che siano anche benefiche per il nostro corpo e per l'organismo.
Ovviamente come tutte le...

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il sole
che fa capolino anche quando non vuole
sorridendo dietro nuvole basse e scure
che fa piovere sognando nuove arsure

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il mare
il grande oceano che...

LEGGI TUTTA LA POESIA

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
A partire dalla prima mattina il giardino dello splendido ritrovo in riva all'oceano, sulla spiaggia di Silversand, si...

LEGGI TUTTO

Pasqua tra relax e piacere a Mayungu. Il Malaika Beach Villas per la sera di sabato 15 aprile organizza una serata speciale con spettacolo di danza giriama con cena a buffet gratuito per gli ospiti del resort e a pagamento per...

LEGGI TUTTO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

Nuova pipeline per l'acqua dell'entroterra di Malindi
Sono arrivate le nuove tubature per rifare i condotti per il trasporto dell'acqua dall'entroterra di Malindi, nella zona di Langobaya e Baricho, alla costa.
Grazie a fondi di società cinesi, le stesse che...

LEGGI TUTTO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

Ci sarà anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta al vertice del G7 di Taormina che ha luogo oggi e domani. 
La presenza di Kenyatta, come Ambasciatore dell'Africa, sarà limitata ai colloqui bilaterali con ogni singolo partecipante all'importante meeting che vede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per soggiornare in Kenya non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove è obbligatoria...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che poteva essere considerato sia l'uno...

LEGGI TUTTO

Se c'è una cosa che è sempre mancata sulla costa keniota dove le specialità italiane hanno creato un marchio inconfondibile, è il pane buono come nel Belpaese. Quello con la crosta croccante e la mollica gustosa e lievitata il giusto.LEGGI TUTTO

Il mango ( nome scientifico Mangifera indica ) è una pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae.
Originaria dell’India venne diffusa anche in Africa e in America latina grazie ai portoghesi.
Gli alberi di mango sono longevi e di grosse dimensioni, possono...

LEGGI TUTTO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli.
In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO

Il Kenya, che spesso impropriamente è stato definito “la Svizzera dell’Africa”, trae grandi benefici dalla fertilità della sua terra, laddove finisce di patire le asperità desertiche del nord, ai confini con l’Etiopia e ad est, verso la Somalia. 
In questo...

LEGGI TUTTO

Chiunque frequenti Malindi e non sia un turista “mordi e fuggi” dovrebbe recarsi almeno una volta, prima delle nove del mattino, al mercato della frutta e verdura. 
Io ogni tanto lo faccio e fatalmente mi tornano alla mente molti “perché”...

LEGGI TUTTO

Cronaca di una giornata speciale, di quelle che nascono dalla spontaneità di gente di cuore e che hanno un valore che va al di là del semplice gesto. 
In Kenya, poi, dove la minaccia degli estremismi è sempre presente, data...

LEGGI TUTTA LA STORIA