Prodotti del territorio

FRUTTA

Le proprietà tonificanti del tamarindo

La bibita è rinfrescante, il frutto cura i reumatismi

18-02-2017 di redazione

Il Kenya è sempre più l'ambiente ideale del tamarindo, presente nella costa swahili da quando fu portato e piantato dall'India, mille anni fa.
Il Tamarindus Indica è un sempreverde maestoso, di lunga vita, appartenente alla famiglia delle leguminose.
La pianta del tamarindo e le sue proprietà erano già note nell’antichità dove se ne trovano traccia presso le popolazioni arabe che lo chiamarono Tamara Hindi (dattero indiano). L'albero produce come frutta-legumi marroni, che contengono polpa e semi duri. 
I legumi sono lunghi generalmente 10–15 cm, leggermente incurvati, e contengono fino a una dozzina di semi.
La polpa dei frutti acerbi è molto aspra ed è quindi adatta a piatti di portata, mentre i frutti maturi sono più dolci e possono essere usati come dessert o per preparare bevande.
La polpa è usata anche come spezia tanto nella cucina asiatica quanto in quella africana, ed è un importante ingrediente della salsa Worchester
Polpa, foglie e corteccia hanno applicazioni mediche.
Per esempio, nel Sudan le foglie sono state tradizionalmente usate per tisane utili a contrastare le febbri malariche.
In India è usato nella medicina Ayurvedica per problemi gastrici o digestivi e contro il mal di denti. 
Una volta acquistato il tamarindo si consiglia di spezzarne la scorza ed estrarre così con le mani i semi che sono ricoperti di polpa appiccicosa.
Non è molto comodo pulire estrarre la polpa proprio perché all'interno di ogni baccello la polpa è poca e il lavoro è spesso fastidioso. 
Per praticità si possono anche far bollire i baccelli per liberarne la polpa.
Il tamarindo vanta notevoli proprietà. La polpa si compone per il 31% di acqua, 57% di zuccheri, 5% da fibre alimentari, ceneri, proteine e grassi. I costituenti principali sono pectine e zuccheri semplici. 
Tra i vari minerali presenti nel tamarindo c'è in elevate quantità il potassio, poi fosforo, magnesio, sodio, calcio e selenio, mentre è fonte di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, K, e J.
L’assunzione del tamarindo si rivela molto utile in caso di problemi a livello gastrico o di digestione; ha buone proprietà lassative ed è un ottimo regolatore intestinale grazie alla presenza di acidi organici all’interno della sua polpa, particolarmente l'acido tartarico. 
A questo scopo si utilizza la marmellata che può essere somministrata anche ai bambini in quanto non provoca dolori al colon.
Il tamarindo si utilizza per contrastare le febbri reumatiche; in India viene anche utilizzato per curare il mal di denti.
Il tamarindo è anche considerato un ottimo rinfrescante e si rivela particolarmente utile in estate per reintegrare la perdita dei sali minerali dovuta alla sudorazione. .

TAGS: Tamarindo KenyaTamarindo proprietàFrutta Kenya

Devo ammettere che mi riconosco sempre più nella canzone di Giorgio Gaber "Io non mi sento italiano", soprattutto quando dice "...ma per fortuna o purtroppo lo sono". All'estero e in un Paese "al di sopra di ogni sospetto" come il...

E' inutile negarlo, la frutta del Kenya rappresenta uno dei grandi piaceri di questa terra.
Non è facile infatti trovare in natura delizie del palato che siano anche benefiche per il nostro corpo e per l'organismo.
Ovviamente come tutte le...

La giornata è a dir poco epocale, qui a Kakoneni. Precisiamo: non che la Natura stia soffrendo più di tanto il cambiamento climatico, l’effetto serra, le marmitte catalitiche e le altre simpatiche novità introdotte dall’ingordigia umana.
Il grande baobab ha...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il sole
che fa capolino anche quando non vuole
sorridendo dietro nuvole basse e scure
che fa piovere sognando nuove arsure

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il mare
il grande oceano che...

LEGGI TUTTA LA POESIA

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
A partire dalla prima mattina il giardino dello splendido ritrovo in riva all'oceano, sulla spiaggia di Silversand, si...

LEGGI TUTTO

Pasqua tra relax e piacere a Mayungu. Il Malaika Beach Villas per la sera di sabato 15 aprile organizza una serata speciale con spettacolo di danza giriama con cena a buffet gratuito per gli ospiti del resort e a pagamento per...

LEGGI TUTTO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

Nuova pipeline per l'acqua dell'entroterra di Malindi
Sono arrivate le nuove tubature per rifare i condotti per il trasporto dell'acqua dall'entroterra di Malindi, nella zona di Langobaya e Baricho, alla costa.
Grazie a fondi di società cinesi, le stesse che...

LEGGI TUTTO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

Ci sarà anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta al vertice del G7 di Taormina che ha luogo oggi e domani. 
La presenza di Kenyatta, come Ambasciatore dell'Africa, sarà limitata ai colloqui bilaterali con ogni singolo partecipante all'importante meeting che vede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per soggiornare in Kenya non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove è obbligatoria...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Peppino Onassis da una settimana vive nel popoloso quartiere di Majengo.
Gli è andata bene che il proprietario dell’Upeponi Café lo ha preso in simpatia e in cambio di tre camicie italiane e un paio di scarpe con la suola...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che poteva essere considerato sia l'uno...

LEGGI TUTTO

Se c'è una cosa che è sempre mancata sulla costa keniota dove le specialità italiane hanno creato un marchio inconfondibile, è il pane buono come nel Belpaese. Quello con la crosta croccante e la mollica gustosa e lievitata il giusto.LEGGI TUTTO

Il mango ( nome scientifico Mangifera indica ) è una pianta tropicale appartenente alla famiglia delle Anacardiaceae.
Originaria dell’India venne diffusa anche in Africa e in America latina grazie ai portoghesi.
Gli alberi di mango sono longevi e di grosse dimensioni, possono...

LEGGI TUTTO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli.
In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO