Prodotti del territorio

FRUTTA

Le tante qualità proteiche del Jackfruit

In Kenya è considerato il frutto ottimale per la crescita dei figli

23-09-2017 di redazione

In Kenya sono molti i frutti che chi vive in Europa ha avuto modo di vedere, e ancor meno di assaggiare.
Accanto ai più conosciuti, come mango ed ananas, ci sono anche strani frutti che non crederemmo nemmeno commestibili e invece hanno proprietà importanti.
E’ il caso dell’Artocarpus heterophyllus, meglio conosciuto da queste parti come Jackfruit, che secondo gli esperti di ecosistema e cambiamenti climatici potrebbe "salvare il pianeta".
L’artocarpus è una pianta tropicale della famiglia delle Moracee. 
È coltivata per il suo frutto, il più grande esistente in natura tra quelli che crescono dagli alberi; in italiano viene chiamato giaca o catala.
Il frutto, delle dimensioni di un anguria si presenta con una buccia ruvida e spinosa, si trova appeso come se fosse una mela. 
Ne esistono due tipi: quello morbido e quello compatto. 
Il primo all'interno ha la consistenza del caco e viene usato per fare dolci mentre il secondo, una volta aperto, presenta una parte fibrosa all’interno della quale sono “immersi” tanti piccoli similfrutti dalla buccia gialla, che a loro volta ospitano un singolo nocciolo.
La polpa del jackfruit è lattiginosa e bianca, l’odore molto penetrante, che ricorda una cipolla molto matura all’apertura del frutto o la banana per le parti commestibili al suo interno. 
Il frutto è una buona fonte di vitamina B1, vitamina B2 e potassio. 
Le popolazioni della costa usano la polpa cremosa come pappa per i bambini, perché ricce di fibre e anche di calcio, fosforo e ferro.
Calcio e Fosforo hanno la principale funzione di partecipare alla formazione delle ossa e dei denti, della crescita normale e della trasmissione degli impulsi nervosi. ha inoltre proprietà lassative, specialmente se ingerito in grande quantità.
Cento grammi di jackfruit fresco (98 Kcal) contengono: 1,9 g di proteine; 0,3 g di grassi; 25 g di carboidrati; Quando il jackfruit non è maturo si può cucinare come un tubero di patata, bollito. La parte commestibile sono i piccoli cuori gialli contenuti nel frutto, che spesso si ritrovano in vendita separatamente. Una volta maturo, è ottimo per farne macedonie, torte o in abbinamento con il gelato.
Anche i numerosi grossi semi vengono utilizzati per essere cucinati in modo simile alle castagne.
Proprio per questo gli esperti stimano che, per la grandezza dei frutti e la sua resistenza ad ogni temperatura, in futuro in molti paesi potrebbe sostituire il grano e le altre farine e diventare un'importante fonte di sostentamento primario. 

TAGS: Jackfruit kenyaFrutta Kenyakenya alimentikenya cibi

Il chutney è una tipica salsa agrodolce inglese che viene fatta con la frutta o con i pomodori verdi. E' ottima come salsa per insaporire cibi di carne e di pesce.
I britannici la portarono in Kenya durante il colonialismo e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

E' inutile negarlo, la frutta del Kenya rappresenta uno dei grandi piaceri di questa terra.
Non è facile infatti trovare in natura delizie del palato che siano anche benefiche per il nostro corpo e per l'organismo.
Ovviamente come tutte le...

Per soggiornare in Kenya arrivando dall'Italia non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Il buffet settimanale del venerdì sera al Leopard Point Beach Resort & SPA propone ogni volta un'apericena a buffet a tema.
Per il venerdì di questa settimana, la location si trasferisce con la fantasia in centroamerica, per una cena Tex-Mex.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sulle rive africane dell’Oceano Indiano da sempre abbinare il pesce alla frutta non è un azzardo, ma un piacevole contrasto.
D’altronde se la fauna ittica si abbina così bene al limone, perché non osare anche con frutto della passione, mango,...

LEGGI LA RICETTA

Se c'è una cosa che è sempre mancata sulla costa keniota dove le specialità italiane hanno creato un marchio inconfondibile, è il pane buono come nel Belpaese. Quello con la crosta croccante e la mollica gustosa e lievitata il giusto.LEGGI TUTTO

I benefici della Moringa Oleifera spiegati dall'esperta in un incontro oggi pomeriggio al Museo Nazionale di Malindi (dietro "Uhuru Garden", la cosiddetta piazzetta del cambio). 
Oggi alle 16 Vanessa Aniere spiegherà come coltivare, trattare ed utilizzare al meglio questa pianta...

La tradizione del festeggiamento del Santo Natale in Kenya ha, come si può immaginare, origini abbastanza recenti.
Da quando cioè arrivarono i primi missionari, a metà del 1800.
Nei Paesi africani la coesistenza di culture religiose differenti e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ una spezia originaria del sub-continente indiano, presente sulle coste africane dell’oceano indiano già nel 1300 e portata in Europa dagli inglesi nei secoli scorsi. Il suo nome è turmeric (in sanscrito “terra interessante”), ma è più conosciuta come curcuma.LEGGI TUTTO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare assaporando il dolce far niente?
Tramite sondaggi ed esperienze "sul campo", noi di malindikenya.net abbiamo provato a stilare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il cardamomo è una spezia conosciuta fin dai tempi dei greci e dei romani, che lo utilizzavano per produrre profumi, ed è attualmente nota come la terza spezia più cara al mondo dopo zafferano e vaniglia.
Quello trovabile sulla costa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare della Zucca di Lare?
E dell'ortica della foresta di Mau?
Del pollo e del capretto di Molo, del sale rosso del fiume Nzoia, il miele di Ogiek e lo yogurt del West Pokot fatto con la...

LEGGI TUTTO

Un apericena settimanale nel paradiso del benessere malindino.
Il Leopard Point Luxury Beach Resort apre le porte a turisti esterni e residenti ogni venerdì sera, a partire da questa settimana, per condividere insieme la bellezza del luogo, nella baia più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Che Pasqua italiana è senza colomba?
Ci pensa l'Olimpia Club di Silversand a Malindi, che come sempre abbina le specialità nazionali di importazione a cibi locali e al...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO