Prodotti del territorio

VERDURA

Okra, la verdura locale detox e antidiabete

Diffusissima in Kenya, usata anche in cosmesi e per tisane

12-01-2017 di Leni Frau

Spesso sulle bancarelle dei mercati locali della costa del Kenya trovate una varietà di verdura che potrebbe assomigliare a piccole zucchine, ma se poi la vedete da vicino, con le sue scanalature e la forma leggermente allungata sulla punta, capite che si tratta di qualcosa d’altro.
Il suo nome è “okra” (in italiano anche “gombo”) e quello scientifico Abelmoschus esculentus, è il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle malvacee e originaria del continente africano. Gli inglesi chiamano i suoi frutti “Lady’s fingers”, dita di donna, proprio per la forma leggermente affusolata e per le misure.
Se il sapore può apparire un po’ ostico e amarognolo e soprattutto può dare fastidio la viscosità, in realtà questa verdura, con tutte le parti della pianta, è un vero elisir di salute.
Le sue foglie sono una fonte ricca di minerali e i semi forniscono olio e proteine di altissima qualità; sempre dai semi, tostati e macinati si ottiene un valido sostituto del caffè privo di caffeina.
I suoi frutti, che si presentano come baccelli verdi simili al peperoncino, sono utilizzati in numerose cucine di tutto il mondo dall’indiana alla brasiliana, dalla turca all’est europea passando per quella degli Stati Uniti del sud dove è stata portata dagli schiavi africani.
L’ocra ha degli ottimi valori nutrizionali: contiene poche calorie ( 33 per 100 grammi ), moltissime vitamine, tanto acido folico ( utilissimo in gravidanza ) e altrettanta fibra alimentare.
Tale fibra  è ottima per la salute di tutto il tratto gastrointestinale ed aiuta ad assorbire l’eccesso di colesterolo.
L’abbondante acqua contenuta impedisce la stipsi, elimina il gas e il gonfiore all’addome.
In Turchia, da tempo, i semi arrostiti vengono utilizzati per il trattamento del diabete e ci sono studi che sembrano confermarne l’efficacia.
Un altro modo per ridurre il tasso di zuccheri nel sangue è quello di bere dell’acqua in cui si sono lasciati in infusione per una notte alcuni baccelli, metodo che fa rilasciare alcune sostanze presenti nella buccia e nei semi.
Il frutto dell’ocra contiene vitamina A, flavonoidi antiossidanti come il beta carotene e la luteina. Questi composti sono noti per avere effetti benefici sulla salute degli occhi e della vista.
Anche nella cosmesi il gombo trova un utilizzo importante.
In commercio esistono diversi prodotti a base di ocra indicati per il trattamento di pelle secca e capelli fragili. La vitamina E presente nel frutto ha un effetto emolliente ed idratante, mentre la vitamina C ha un’azione naturale ricostituente.
Soluzione fai da te per preparare una maschera idratante efficace per combattere la secchezza di pelle e capelli.
Spezzettare i frutti metterli in infusione in acqua bollente per 20 minuti. Lasciarlo raffreddare e riporlo in frigo per una notte. A contatto con l’acqua calda si rilascia il contenuto delle mucillagini e una volta raffreddato si rapprende diventando gelatinoso.
Spalmare su viso e capelli e risciacquare dopo 10 minuti.
L’ocra trova un utilizzo anche nell’industria tessile, dal suo fusto infatti si ricava una fibra tessile nota come fibra di gombo.

TAGS: OkraLady's FingersVerdura Kenya

A differenza dell'ODM, nessuna sorpresa in casa Jubilee Party , su chi dovrà rappresentare Malindi alle prossime elezioni nazionali.
Le primarie del partito di Governo Jubilee hanno confermato che sarà Philip Charo a candidarsi come parlamentare per la circoscrizione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un apericena settimanale nel paradiso del benessere malindino.
Il Leopard Point Luxury Beach Resort apre le porte a turisti esterni e residenti ogni venerdì sera, a partire da questa settimana, per condividere insieme la bellezza del luogo, nella baia più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
A partire dalla prima mattina il giardino dello splendido ritrovo in riva all'oceano, sulla spiaggia di Silversand, si...

LEGGI TUTTO

Calano significativamente in Kenya i pazienti affetti dal virus HIV, secondo i dati trasmessi dal Ministero della Salute.
Importantissime soprattutto le percentuali ufficiali riguardanti la trasmissione "naturale" dell'AIDS tra madre e figlio.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mapango e Lily Palm di Watamu hanno organizzato per la serata di ferragosto una cena di gala (se le previsioni daranno pioggia si svolgerà al coperto, altrimenti nella veranda del Mapango e a bordo piscina) con a seguire uno spettacolo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya, che spesso impropriamente è stato definito “la Svizzera dell’Africa”, trae grandi benefici dalla fertilità della sua terra, laddove finisce di patire le asperità desertiche del nord, ai confini con l’Etiopia e ad est, verso la Somalia. 
In questo...

LEGGI TUTTO

Più di trent'anni a Malindi con la stessa compagna, con lo stesso socio in affari, con inalterato amore per il Kenya, il suo clima e la sua natura. 
La storia di Armando Cerato, cuneese arrivato per la prima volta a...

LEGGI TUTTO

La situazione inizia a farsi seria. La siccità e il calo del turismo sulla costa del Kenya hanno creato un mix terribile di raccolti insufficienti e mancati guadagni che ha messo in ginocchio intere famiglie dei villaggi dell'entroterra.
 

LEGGI TUTTO

Ci sarà anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta al vertice del G7 di Taormina che ha luogo oggi e domani. 
La presenza di Kenyatta, come Ambasciatore dell'Africa, sarà limitata ai colloqui bilaterali con ogni singolo partecipante all'importante meeting che vede...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per soggiornare in Kenya non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove è obbligatoria...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Chiunque frequenti Malindi e non sia un turista “mordi e fuggi” dovrebbe recarsi almeno una volta, prima delle nove del mattino, al mercato della frutta e verdura. 
Io ogni tanto lo faccio e fatalmente mi tornano alla mente molti “perché”...

LEGGI TUTTO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che poteva essere considerato sia l'uno...

LEGGI TUTTO

E' sempre più emergenza siccità in tutto il Kenya e anche sulla costa.
Due sporadici acquazzoni dei giorni scorsi tra Malindi e Watamu non hanno migliorato la situazione che sta stringendo d'assedio allevatori ed agricoltori.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fuggire via da qui è fin troppo facile.
Va tutto male, te lo ripetono ogni giorno decine di persone che incontri.
Sono scontenti di tutto e non capiscono che stanno invecchiando insieme al continente che da tempo chiamiamo "vecchio". Allora...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il sole
che fa capolino anche quando non vuole
sorridendo dietro nuvole basse e scure
che fa piovere sognando nuove arsure

 

LEGGI TUTTA LA POESIA

Cosa mi potevo aspettare ancora dalla vita, dopo un matrimonio fallito, dopo aver visto i miei due figli volare via felicemente verso la loro vita, una in Australia a inseguire una carriera da ingegnere edile che in Italia le sarebbe...

LEGGI TUTTO