Watamu e costa Keniana

COSTA KENYA

Le zanne, la storia del simbolo di Mombasa

Sono diventate icona della seconda città del Kenya

10-07-2019 di redazione

Mombasa è sicuramente la città più antica del Kenya e uno dei porti storici dell’Africa Orientale. Gli altri approdi citati già nel decimo secolo dopo Cristo dai primi navigatori, sono oggi rovine di città (come Kilwa in Tanzania o Sofala in Mozambico) oppure sono rimasti insediamenti minori.
Come ogni città che abbia secoli di storia, Mombasa ha i suoi simboli: il più celebre è senza dubbio Fort Jesus, la fortezza eretta dai Portoghesi e più volte assaltata e passata di mano in mano, durante più di cento anni di guerre tra lusitani e arabi.
Il simbolo iconografico di Mombasa, però, non ha radici profonde nella storia della città-isola, ma le sue origini sono relativamente recenti, risalgono infatti al 1952.
Si tratta delle famose zanne di alluminio che sovrastano l’arteria centrale della città: quattro zanne d’elefante dal bianco colore che richiama l’avorio, posizionate ad incrociarsi e a comporre altrettanti archi nelle due corsie di marcia di Moi Avenue (un tempo Kilindini Road).
Le due iconiche zanne (Mapembe ya Ndovu) furono erette in onore della visita nella città della Regina Elisabetta, che soggiornò al Mombasa Yachting Club.
Originariamente le zanne erano di legno e furono erette proprio perché si sapeva che il Sovrano Britannico sarebbe passato da quella strada per recarsi dall’aeroporto di Mombasa alla residenza sul mare. L’idea era di rimuoverle quando la regina avrebbe fatto ritorno in patria, ma data la vicinanza con il parco Uhuru, luogo di ricreazione dei cittadini, le zanne diventarono quasi un’attrazione.
Non solo: molte agenzie di viaggio e commercianti iniziavano ad associare le loro attività alle due zanne, come simbolo di Mombasa, piuttosto che utilizzare Fort Jesus, le porte istoriate swahili, i dhow o qualche palazzo portoghese o indiano della città vecchia.
Fu così che nel 1956 la Municipalità decise di ricostruirle ancora più imponenti, utilizzando l’alluminio che avrebbe più facilmente resistito al caldo e alle piogge.
Tant’è che, con qualche riverniciata stagionale, le zanne sono ancora lì a campeggiare nel cuore della città ed oggi, oltre a cataloghi per viaggiatori, francobolli e immagini digitali, accolgono i selfie di turisti da tutto il mondo e ricordano che il Kenya è il Paese della fauna selvaggia e della savana, che dista poco più di cento chilometri dalla stessa Mombasa.

TAGS: mombasa kenyazanne mombasastoria kenya

Lo chiamano il corridoio. 
Ma non è quello con le mattonelle a rombi di una vecchia casa, nobile o di ringhiera che sia, con la padrona anziana che lo asfalta avanti e indietro con le pattine ai piedi. 
Questo è...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ricerca condotta tra il Sudafrica, le foreste del Mozambico ed il Parco Nazionale dello Tsavo Ovest in Kenya, rivela che gli elefanti negli ultimi due decenni stanno sviluppando un sistema per sfuggire alle terribili grinfie del bracconaggio.
L'intelligenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un treno che trasportava carburante si è ribaltato rovesciando migliaia di litri di benzina super, di cui una parte nell'Oceano Indiano nei pressi dell'isola di Mombasa.
I trasporti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La compagnia aerea Qatar Airways ha annunciato che dal prossimo 11 Dicembre aprirá la rotta.....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

COSTA KENIANA

Mombasa

La seconda città del Kenya

di redazione

La capitale d’un tempo dell’est Africa, uno dei porti più importanti del continente, è in realtà una città-isola, collegata a nordest da un ponte, a sudovest dai ferry di Likoni e nell’entroterra solcata da una decina di canali e insenature...

LEGGI TUTTO SU MOMBASA

Come tutti gli anni, il Kenya a luglio è pronto a ricevere i voli charter che i tour operator sono in grado di riempire, a partire solitamente dall'ultima settimana del mese.
Anche quest'anno le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' un grande giorno per l'archeologia marina keniana.
A Malindi sono arrivati tre esperti di fondali italiani: il sovraintendente del Mare della Regione Sicilia Sebastiano Tusa e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Maxwell e Mystick, due dei ragazzi dell'ormai ex scuola calcio Genoa di Malindi, possono continuare ad usufruire delle migliori condizioni scolastiche grazie anche all'aiuto della società sportiva ligure Volley Genova VGP. 

LEGGI TUTTO

Il Governo keniano è salito a 4 miliardi e 200 milioni di scellini di finanziamenti per le strade della costa del Kenya.
Annunciando i...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà una ditta americana, la Betchel di San Francisco, a costruire l'autostrada veloce multicorsia da Mombasa a Nairobi.
L'accordo, firmato ieri dalla Società Nazionale Keniota Autostrade (KENHA) e dall'azienda che ha vinto l'appalto, grazie ai finanziamenti che arriveranno dagli Stati...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appello degli Amici dello Tsavo questa volta è per un'elefantessa che ha un grosso problema nel basso ventre. 
E' stata avvistata una settimana fa e da allora non è stata più vista.
Chiunque dovesse notare questo particolare amico, che tra...

LEGGI TUTTO

Il servizio meteorologico nazionale del Kenya ha emesso questa mattina il cosiddetto ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una ferrovia che collegherà Lamu a Malindi e poi Kilifi alla linea già esistente tra Mombasa e Nairobi.
Il progetto, già...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le forti piogge che da questa mattina stanno cadendo incessantemente sulla regione di Kilifi hanno causato grossi problemi al ponte di Mbogolo, sulla strada statale Malindi-Mombasa dopo il capoluogo di Contea. 
Il ponte è rimasto sommerso dall'acqua del piccolo fiume che vi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO