Arte e cultura

MOSTRE

Gian Paolo Tomasi porta i "suoi" eroi giriama a Nairobi

"Giriama Warriors", mostra sugli ultimi depositari dei valori del futuro, con un "padrino" d'eccezione: Obama

11-12-2017 di Freddie del Curatolo

S'intitola "Giriama Warriors" la mostra che Gian Paolo Tomasi inaugura venerdì prossimo, 15 dicembre, alle 18 presso la nuova galleria d'arte "Artistaste" di Nairobi, attigua al ristorante italiano "La Salumeria".
La mostra, già presentata in una sua prima versione nella Biennale 2012 di Malindi, illustra nelle parole dell'autore, artista concettuale che usa il fotomontaggio come strumento d'arte e design, "la diversità come strumento del prossimo futuro per unire i popoli. Quei guerrieri inermi, umani, a braccia aperte, che hanno gettati a terra le armi e imbracciato un joystick in realtà siamo tutti noi e l'unica battaglia che vale la pena di combattere, per migliorare la nostra vita e il mondo, è quella per esaltare le differenze. come valore aggiunto della nostra società".
Questa invece la presentazione della mostra, a cura di Freddie del Curatolo.

GIRIAMA WARRIORS: GLI EROI DIFFERENTI

C’è chi li definisce “ultimi”.
E’ una parola che oggi non piace, forse perché si presta a troppe contrastanti interpretazioni.
Forse perché abbiamo dimenticato le parole di Gesù: “Gli ultimi saranno i primi”.
I Giriama sono una delle tribù meno considerate del Kenya, meno ricche e meno potenti.
Eppure dal loro spirito rivoluzionario è nata la prima rivolta del popolo keniano contro l’Impero Britannico, che creò la consapevolezza di poter lottare per l’Indipendenza.
Per poter dare alle 44 tribù di questo territorio eguale dignità. 
La prima “pasionaria” del Kenya era una donna giriama: Mekatilili Wa Menza. 
Comandava un manipolo di ultimi, perlopiù contadini. 
Fu imprigionata due volte nei primi anni del secolo scorso e per due volte riuscì a fuggire dai campi di lavoro di Kisii e a tornare sulla costa.
I “giriama warriors” ritratti e rielaborati da Gian Paolo Tomasi sono eroi, ma non solo perché hanno portato sulle loro spalle il peso di essere ultimi e diversi, ma perché come veggenti, aruspici, antichi saggi, ci insegnano che la diversità sarà il valore aggiunto, predominante della società dei prossimi anni.
Rivoluzionari con un joystick in mano e i loro costumi tradizionali, guerrieri della pace che non scordano le loro origini, come l’Obama pensieroso di questa mostra. 
Simba Wanje è stato l’ultimo Re dei Mijikenda, etnia composta da nove differenti tribù di cui fanno parte anche i giriama.  
Mzee Katana Kalulu e Joseph Karisa Mwarandu hanno ricevuto titolo di Eroi Nazionali dal Presidente Uhuru Kenyatta. 
Kalulu è stato il primo driver giriama sulle Land Rover dei britannici, ha combattuto con i Mau Mau e fino al giorno della morte ha predicato la pace e l’unità nazionale, andando a piedi di villaggio in villaggio a recitare le sue preghiere. 
E’ stato ucciso a 94 anni perché non aveva intenzione di vendere il bene più prezioso che aveva, la terra dov’era nato e dove risiedeva.
Joseph Karisa Mwarandu, avvocato, ha fondato un’associazione che si occupa della salvaguardia e del recupero delle tradizioni della sua gente.  Tradizioni che stanno inesorabilmente scomparendo, sotto i colpi necessari, giusti e benvenuti in Africa, ma spesso ciechi e sommari del progresso.
I Giriama di Tomasi sono eroi e sono guerrieri, perché la vera rivoluzione oggi è mostrare con orgoglio ma senza arroganza la propria diversità e confrontarsi con gli altri, senza sentirsi né ultimi, né migliori.

TAGS: Gian Paolo TomasiTomasi KenyaGiriama WarriorsSimba WanjeKatana KaluluJoseph MwaranduArtistaste NairobiLa Salumeria Nairobi

Metti il più grande poeta della costa keniana, la storia della sua terra e le sue leggende recitate con passione. Aggiungi un cantautore che del cuore e delle storie vere ha fatto uno stile di vita, ancor più che un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Una mostra di fiori al Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Si inaugura domani sera, mercoledì 20 dicembre alle 19 "Portraits of flowers", la nuova personale dell'artista italiano Gian Paolo Tomasi, che già espone da tempo nel locale di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il Baby Marrow abbina alle sue proposte gastronomiche sempre qualcosa di nuovo.
Nel locale di Vasco Da Gama Road, in un ambiente unico dove si respira arte e piacere di incontrarsi, nel...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Ernest Hemingway "keniano" che si racconta in prima persona, dalla stanza del Nairobi Hospital dove è ricoverato.
Siamo nel 1953 e Freddie del Curatolo inizia così il suo racconto, che prenderà forma con l'intermezzo di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"I saw african woman" è il titolo della nuova produzione artistica di Gian Paolo Tomasi, che sarà in mostra da questo giovedì, 2 agosto, al Baby Marrow Art & Food di Malindi.
Le donne africane iperreali di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE OPERE

Al Baby Marrow si celebra l'otto marzo, festa della donna, con il ritorno in scena del pianista e cantante Marco "Sbringo" Bigi.
Dal suo repertorio di brani e standard italiani ed internazionali, il musicista che per tutta la stagione si è...

Anche per la serata di Ferragosto, oltre al sabato sera, la cena al Baby Marrow sarà ingentilita dalla bella voce della cantante keniana Linah, con le sue interpretazioni di classici soft internazionali.
Nel locale di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un evento unico che unisce la cultura della costa keniota, quella dell'etnia Mijikenda, all'arte e alle culture di tutto il mondo, attraverso i veicoli imprescindibili della musica, delle parole e dell'arte visiva. Tutto insieme in una serata dal titolo "La...

LEGGI TUTTO

Proseguono i giovedì in musica del Baby Marrow che abbinano la bravura, la classe e l'esperienza del Maestro italiano Marco "Sbringo" Bigi, polistrumentista con l'eccellenza sui tasti bianchi e neri, con talenti locali.

LEGGI TUTTO

Un altro giovedì all'insegna dello stare insieme con la classe e l'eleganza del musicista Marco "Sbringo" Bigi, che ben s'intona con le opere d'arte di Gian Paolo Tomasi alle pareti del Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cene del sabato sera con il talento locale al Baby Marrow Art & Food Restaurant raddoppiano, con il bis alla domenica.
Sotto la supervisione di Gian Paolo Tomasi, durante la cena vengono presentati creativi, artisti e artigiani locali che con...

LEGGI TUTTO

E' arrivata la serata finale del ciclo di incontri musicali tra Italia e Kenya al Baby Marrow.
L'iniziativa ideata da Gian Paolo Tomasi e messa in pratica dal Maestro Marco "Sbringo" Bigi, che ogni settimana si è avvalso della partecipazione...

LEGGI TUTTO

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' raro vedere tanti sguardi tristi tutti assieme, se sono quelli di un popolo che è abituato ad aspettare i segni funesti del destino come eventi naturali che regolano da sempre la vita degli esseri umani, come quella delle piante...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Una lunga malattia che non dava speranza, ma un animo indomito che fino alla fine ha pensato all'arte e alla sua amata Africa.
Isaia Mabellini, universalmente conosciuto come Sarenco, è stato molto più di un mecenate, più di un eclettico...

LEGGI TUTTO IL RICORDO E GUARDA LE FOTO

Dopo il successo dello scorso agosto, tornano le serate del Baby Marrow all'insegna dell'arte, della cultura e della scoperta di talenti keniani che hanno molto da dire e da mostrare. Per l'alta stagione le serate raddoppiano, non soltanto artigiani e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO