Arte e cultura

EVENTI

Profumo d'Italia, tra cibo musica ed arte al Sarova Stanley di Nairobi

Inaugurata sabato dall'Ambasciatore Massoni la rassegna "Food and Culture"

14-11-2016 di redazione

La rassegna del Cibo e della Cultura italiana a Nairobi non poteva avere sede migliore dello storico hotel Sarova Stanley nel centro della capitale keniana.
E proprio nel Thorn Tree Café, dove dal 1902 ufficiali britannici e commercianti d'ogni razza e nazione e più avanti anche cittadini della nuova nazione del Kenya, si ritrovavano per bere e per scambiarsi messaggi, anche appuntandoli all'albero che ancora oggi campeggia al centro del bar ristorante aperto 24 ore su 24.
La settimana dedicata alla gastronomia, al lifestyle e alle arti italiane, organizzata dall'Ambasciata d'Italia in Kenya con l'Istituto di Cultura di Nairobi e l'appoggio imprescindibile della famiglia Vohra, titolari del Sarova Group e del General Manager dello Stanley, il napoletano Paolo Marro, è stata inaugurata sabato sera alla presenza dell'Ambasciatore Mauro Massoni e della direttrice dell'IIC, Francesca Chiesa.
A ribadire l'interesse per le buone cose del nostro Paese e per gli eventi che legano diverse discipline, la presenza di almeno quindici diplomatici di altri Paesi, oltre a quella di imprenditori, stampa, professionisti e semplici cultori del gusto provenienti da svariate nazioni del mondo.
Protagonisti assoluti della serata inaugurale, cibi e vini italiani, con la ciliegina sulla torta della presenza di Slow Food International e del suo vicedirettore, il keniota John Kamau. Uno dei presidi Slow Food del Kenya (cioè uno dei prodotti naturali della terra di utilizzo tradizionale) è rappresentato dalle ortiche della Mau Forest. Gli chef del Sarova Stanley hanno pensato di preparare un classico risotto utilizzando le ortiche e di servirlo all'interno di una forma di Parmigiano Reggiano tagliata e scavata appositamente. 
Massoni, nel suo discorso di apertura al quale è seguito il taglio del nastro, accompagnato dalle note di "O' Sole Mio" interpretata con inaspettata verve tenorile dal Maestro Marco "Sbringo" Bigi, ha ricordato quanto cibo, territorio, cultura ed arte in Italia da sempre siano concetti strettamente legati e l'importanza di preservare tradizioni e prodotti della terra, filosofia cara anche a Slow Food Italia e Slow Food International.
Mentre in due video scorrevano immagini della Penisola, con paesaggi, sapori, personaggi e suggestioni, a Freddie del Curatolo è stato dato il compito di raccontare la storia degli italiani in Kenya e in giro per il mondo a portare la loro cultura, l'arte della cucina e dello stare insieme.
Arte che si è espressa a meraviglia quando Freddie e Sbringo hanno intonato classici della canzone italiana come "Azzurro" di Celentano, "Che sarà" di Jimmy Fontana e "Quando quando quando" di Tony Renis. L'apoteosi, con tutti gli Ambasciatori a cantare il ritornello, con la versione in swahili di "Nel blu dipinto di blu" di Modugno, quella "Volare" che è diventata "Kuruka oh oh, kuimba oh oh oh oh". Parlando degli italiani di Malindi, unendo le canzoni ad aneddoti e racconti, Freddie ha coinvolto i presenti. Il resto lo ha fatto la splendida ed evocativa cornice del Sarova Stanley.
La festa ha divertito e convinto anche giovani e neofiti del gusto e del piacere italiano e ha sorpreso molti residenti di Nairobi.
Per tutta la settimana proseguirà l'unione tra sapori, piaceri e musica, con il Maestro Sbringo ogni sera al piano ad offrire la degna colonna sonora dei piaceri all'italiana. In questi giorni, a piano terra dello storico hotel di Nairobi, anche un assaggio delle opere dell'artista italiano Gian Paolo Tomasi, genio del fotoritocco che trascorre molti mesi all'anno in Kenya.
 

TAGS: Sarova Stanley NairobiItalian Food And Culture NairobiItalian Music NairobiPaolo MarroFrancesca ChiesaMauro Massoni

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le potenzialità del Kenya nel campo della ricerca archeologia sono note, anche se soprattutto si tratta di quelle di terra, collegate soprattutto agli importanti ritrovamenti che riguardano nostri proto-antenati nella zona del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un grande bis per il violinista italiano Francesco D'Orazio, che dopo aver incantato i presenti al Museo Nazionale di Malindi martedì scorso, due giorni fa si è esibito al National Theatre di Nairobi, davanti a una platea che da giorni...

LEGGI TUTTO

"Quella di sabato sera è stata la prima di tante nuove iniziative culturali che abbiamo intenzione di organizzare a Malindi.
La presenza di una comunità numerosa di italiani ci spinge a voler portare eventi che valorizzino la nostra lingua, il...

LEGGI TUTTO

Si è insediato ieri a Nairobi il nuovo Ambasciatore d'Italia in Kenya Alberto Pieri, che succede al romano Mauro Massoni.
Pieri, classe 1964 romagnolo di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Aziende italiane in Kenya in promozione al Village Market di Nairobi.
L’evento, volto alla promozione e alla valorizzazione dell’Italia in Kenya, è organizzato dal COMITES sotto l’egida dell’Ambasciata d’Italia in Kenya e vi possono prendere parte tutti operatori economici, associazioni...

LEGGI TUTTO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Da venerdì 8 giugno al Village Market di Nairobi va in scena la seconda edizione di "The Italian Week Expo", la settimana promossa dal Comites Kenya in collaborazione con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Ernest Hemingway "keniano" che si racconta in prima persona, dalla stanza del Nairobi Hospital dove è ricoverato.
Siamo nel 1953 e Freddie del Curatolo inizia così il suo racconto, che prenderà forma con l'intermezzo di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Un workshop di romanzieri storici italiani per far crescere la coscienza storica e narrativa dei giovani scrittori keniani.
"History and stories", questo il titolo delle cinque giornate nairobine, in scena da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nella mia ormai non breve esperienza in Kenya, ho conosciuto ben sette Ambasciatori.
Con tutti ho intrattenuto, prima da comunissimo connazionale, poi da giornalista, esperto e storico degli italiani in questo Paese, rapporti cordiali.
Ho visto navigati diplomatici in pre-pensionamento,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un evento davvero speciale per Malindi e per chi vi ha assistito.
Shala Heart, il nuovo spazio malindino dell'artista Gian Paolo Tomasi e della sua compagna Luce Torreforte, impegnata nel sociale e nel campo del benessere, ha deciso di svelarsi alla...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'evento organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura domani sera a Malindi avrà come ospite d'onore l'Ambasciatore d'Italia a Nairobi Mauro Massoni.
Al Museo Nazionale della cittadina, dietro Uhuru Garden, verrà infatti inaugurata la mostra "Immersions" che mette a confronto l'archeologia marina...

LEGGI TUTTO

Sicuramente ieri pomeriggio il Museo Nazionale ha ospitato il più grande virtuoso di uno strumento musicale mai approdato a Malindi.
L'evento organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, che oltre al concerto gratuito del violinista Francesco D'Orazio ha offerto ai presenti un lauto...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO