Info sanitarie

INFO SANITARIE

Assistenza Sanitaria in Italia per iscritti AIRE

Informazioni utili su come accedere temporaneamente dal Kenya

01-03-2018 di redazione

Per chi vive e lavora in Kenya, viene assunto da dipendente o vi si è stabilito come pensionato, c’è la possibilità di iscriversi all’AIRE (Anagrafe Italiana dei Residenti all’Estero) che offre la possibilità di essere tutelato dall’Ambasciata del Paese che lo ospita, rifare documenti, ricevere informazioni, votare, dirigere la propria pensione con eventuale tassazione del Paese di residenza, in presenza di accordi bilaterali con l’Italia.
Per quanto riguarda l’Assistenza Sanitaria, il cittadino italiano iscritto all’AIRE perde la possibilità di avere il medico di base, la possibilità di accedere a medicinali con il ticket e soprattutto il diritto all’assistenza sanitaria 365 giorni all’anno tramite mutua.
Essendosi trasferito all’estero, si presume che l’italiano non debba acquistare medicinali in Italia e che se abbia bisogno di un ricovero ospedaliero lo farà nel nuovo Paese di residenza.
Se però si rientra temporaneamente in Italia da iscritti AIRE, si può chiedere assistenza sanitaria statale “d’urgenza” per un periodo limitato di tempo, che non supererà i 90 giorni (anche non continuativi) nel corso dell’anno solare.
Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) offre questo servizio a tutti i cittadini AIRE che richiedano domicilio in ogni regione d’Italia, in ogni ospedale pubblico o in strutture convenzionate.
L’assistenza è limitata alle SOLE PRESTAZIONI OSPEDALIERE URGENTI (es. malattia, infortunio e maternità) e deve essere correlata dalla registrazione all’Azienda Sanitaria Locale (ASL) della temporanea dimora.
La condizione unica è che l’espatriato italiano non sia già beneficiario di una copertura assicurativa pubblica e privata stipulata nel Paese di residenza o anche in Italia ma valida all’estero.
Fanno eccezione a queste regole e potranno avere assistenza continua e completa i Dipendenti delle Amministrazioni Statali, i diplomatici, i miliari, i docenti di istituzioni scolastiche o culturali all’Estero, i religiosi, universitari e titolari di borse di studio presso Fondazioni, gli impiegati che hanno un lavoro disciplinato o regolato dalla legge italiana e tutti i loro familiari.
Una volta in Italia, per ottenere l’assistenza temporanea e registrarsi all’ASL locale, è sufficiente un’autocertificazione che sostenga la propria iscrizione all’AIRE.

TAGS: sanità kenyaassistenza sanitaria kenyacittadini AIRE kenya

Di seguito trasmettiamo le informazioni relative all'assistenza sanitaria in Italia per i residenti all'estero iscritti all'AIRE (Associazione Italiana Residenti all'Estero) e le informazioni relative alla mancanza di copertura sanitaria garantita per chi transita o soggiorna in Kenya.
A cura del...

LEGGI LE INFO ALL'INTERO CLICCANDO QUI

Da quest'anno anche chi trascorre buona parte dell'anno in Kenya ma non è residente iscritto all'Associazione Italiana Residenti all'Estero (AIRE) può votare al prossimo Referendum costituzionale italiano dal suo luogo di villeggiatura, purché stia trascorrendo un periodo di soggiorno superiore ai...

LEGGI TUTTO

E' ufficiale: Malindi ha un nuovo Console Onorario Italiano. 
E' Ivan Del Prete, 43 anni, connazionale residente a Malindi dal 1997 e già da tempo attivo volontariamente nel garantire la sicurezza ai nostri connazionali a Malindi, Watamu e Mambrui. 

LEGGI TUTTO

Il prossimo 17 aprile 2016 si terrà il referendum abrogativo della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano "la durata della vita utile del...

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il Kenya è diventato uno dei primi Paesi africani per il turismo del benessere.
Le strutture sanitarie e SPA private hanno portato il Kenya sul podio tra le destinazioni di "turismo medico" nel Continente Nero, come riportato dal rapporto redatto dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Sedici nuovi casi e un morto nelle ultime 24 ore, con 1115 tamponi effettuati in tutto il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Festeggia dieci anni di vita l’ospedale simbolo dell’assistenza agli ultimi degli slum di Nairobi.
Fondato dal medico chirurgo piemontese Gianfranco Morino con la ONG World Friends e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

La solidarietà italiana agli sfollati della valle del Galana è iniziata subito, all'indomani della grave esondazione che ha lasciato centinaia di famiglie senza quel poco che avevano in precedenza.
Dopo gli aiuti per l'emergenza sanitaria, alimentare e di prima assistenza,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Onlus italiana Watoto Kenya, seppure costituisca una piccola realtà, rappresenta il Kenya a livello internazionale nei programmi e nelle conferenze dell'UNICEF con il suo progetto pilota, unico nel genere: la chiusura dell'orfanotrofio e la cura dei bambini all'interno delle famiglie biologiche.
Il modello di Watoto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ruaraka Uhai Neema Hospital, gestito dalla ONG World Friends, e’ stato riconosciuto come...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi sempre più unita per la prevenzione della pandemia mondiale Covid-19, arrivata ormai da ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un improvviso incendio è divampato in serata al Mombasa Hospital, la più antica e importante struttura...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya usa anche la telefonia cellulare per creare consapevolezza di cosa sia il Coronavirus e come...

LEGGI L'ARTICOLO