Info sanitarie

MALARIA

Malaria, la lezione del Kenya all'Italia

Cosa aspetta il Belpaese ad introdurre l'Artemisina come cura?

06-09-2017 di Freddie del Curatolo

Uno dei rimedi più semplici e sicuri per la malaria, oggigiorno, è curarsi con medicinali a base di artemisina e utilizzare la combinazione di due farmaci che stroncano la parassitosi una volta insorta.
All’insorgere della febbre alta, a questo punto non solo per chi è stato in Paesi dove la malaria è endemica, ma anche in quelli a rischio come ormai l’Italia, è sufficiente fare il vetrino per assicurarsi che non si tratti di una semplice influenza o di altra infezione, e poi iniziare la cura.
In Kenya l’artemisina, soluzione medicinale di un'antica pianta cinese, è stata introdotta più di dieci anni fa e ha dato ottimi risultati, ma soprattutto ha instillato una nuova percezione nei medici e nei pazienti, quella che la profilassi non sia una cura, e sia un metodo superato, oltre che dannoso e non sicuro.
Così come i kenioti non potrebbero mai prenderla in esame (perché con il rischio malaria continuo, non sarebbe possibile attuare una prevenzione del genere continuamente, semmai si attende il vaccino per bambini e anziani) ora anche in Italia, per l’esatto motivo opposto, ci si dovrebbe pensare.
La malaria, come nel caso recente della sfortunata bimba di Trento, può essere contratta improvvisamente per altre cause, ovvero quando una zanzara non anofele si fa vettore della malattia da un’altra persona infetta, o quando le anofele vengano importate e resistano (complice l’aumento delle temperature estive e dell’umidità).
In Kenya certe cose si sanno ed ogni medico è preparato, il kit combinato per curare facilmente la malaria, che non è una malattia che può fare paura, se presa in tempo (esattamente come le infiammazioni, la polmonite ecc…). 
“Il kit combinato per la malaria – spiega il dottor Mauro Saio, uno dei massimi esperti di malattie un tempo definite “tropicali”che vive e lavora da oltre trent’anni in Kenya – è pratico, sicuro e ha costi ridotti. La profilassi è ormai inutile, oltre che dannosa”.  
Resta da capire se da noi l’antica logica della “cura preventiva”, così superata e provinciale, che non tiene conto del mondo globalizzato, delle migrazioni, del cambiamento climatico e delle distanze ormai azzerate tra continenti, verrà messa da parte da un Ministero della Salute italiano allo sbando come il resto del sistema governativo e dalle multinazionali farmaceutiche che continuano a marciarci sopra, insensibili ai problemi che possono causare alle persone.
Il problema, ovviamente, non riguarda solo il Belpaese, ma quasi tutti i Paesi europei. La lentezza dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che già alla fine del 2015 ha dato virtualmente il via libera al farmaco prodotto dal colosso Novartis in tutto il mondo, va di pari passo con la sperimentazione del vaccino.
Fatto sta che per adesso chi vive in Italia se lo deve portare dai Paesi africani o deve andarlo a recuperare in Svizzera e quel che è peggio che i medici italiani quasi ne ignorano l'esistenza, continuando a suggerire la profilassi.
Il Terzo Mondo (che in alcuni casi non è più tanto "terzo"), abituato da sempre a convivere con queste logiche, ne ha sviluppato prima gli anticorpi e in questo caso può dare una lezione al vecchio (e un po’ rimbambito) Continente.
 

TAGS: Malaria KenyaInfo KenyaSalute KenyaMalattie KenyaProfilassi Kenya

Per molti di coloro che si apprestano a leggere, le informazioni che daremo sulla malaria saranno cose risapute, ma sono tanti i lettori che si approcciano al nostro portale senza una conoscenza approfondita di uno dei problemi del Kenya che...

LEGGI TUTTO

Mesi contati per la profilassi antimalarica. 
Se la svolta storica già annunciata del vaccino contro la parassitosi trasmessa dalla zanzara anofele vedrà la luce tra un anno, c'è un'altra buona notizia per gli africani e chi frequenta il Continente Nero: 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La cura preventiva per la malaria, per i turisti che frequentano il Kenya, è ormai superata.
Le importanti conquiste scientifiche che il Kenya per primo ha sperimentato, più di dieci anni fa, stanno dando i loro frutti con numeri che...

LEGGI L'INDICAZIONE PER INTERO

Il vaccino per la malaria è pronto, testato e dal 2018 sarà immesso sul mercato in Kenya, Ghana e Malawi.
L'accordo è stato raggiunto dalla Glaxo, multinazionale farmaceutica che ha acquistato il vaccino, e gli stati africani che, dopo aver...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli. In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli.
In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO

Per soggiornare in Kenya non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove è obbligatoria...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

I dati del Governo parlano di un calo del 42%, ma sulla costa del Kenya si arriva anche al 60%.
La malaria sta scomparendo velocemente dal Paese e i numeri, mese per mese, lo confermano.
La notizia è di quelle...

LEGGI TUTTO

DAL NOSTRO INVIATO A NAIROBI - «Profilassi farmacologica contro la malaria? No grazie.
Oggi la malaria si cura ai primi sintomi. I farmaci che si usano per la prevenzione costano cari e hanno effetti collaterali. Meglio l' artemisimina, un principio...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una nuova rivoluzionaria scoperta nel campo delle cure contro la malaria è stata sviluppata dei ricercatori del Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health's Malaria Research Institute di Baltimora, negli Stati Uniti.
Si tratta di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Emergenza Dengue Fever nella Contea di Mombasa, giò 159 i casi segnalati tra Likoni e Bombolulu.
La perdurante siccità e le improvvise dilaganti piogge hanno costituito l'allevamento del virus trasmesso dalle zanzare, che in altre zone del mondo è già...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Cena di gala, musica dal vivo e beach party questo venerdì al Diamonds Dream of Africa di Casuarina, Malindi per una serata veramente speciale.
Il 24 novembre, a partire dalle ore

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i portoghesi decisero che poteva essere considerato sia l'uno...

LEGGI TUTTO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO