Speciale turismo

TURISMO

Lettera del Ministro del Turismo keniano Balala

"A emergenza finita, puntare sui turisti africani"

13-04-2020 di Najib Balala

L'anno è iniziato in maniera positiva per il turismo keniota, con 1.444.670 arrivi tra luglio 2019 e febbraio 2020, contro i 1.423.548 dello stesso periodo dell'anno scorso, ed è iniziato con una nota positiva, con 1.444.670 arrivi tra luglio 2019 e febbraio 2020, rispetto ai 1.423.548 dello stesso periodo dell'anno scorso.
L’epidemia di Coronavirus (COVID-19) - un'emergenza che ha quasi bloccato il mondo intero, con settori che contribuiscono alla prosperità delle economie colpite, tra i quali il turismo è una delle industrie più colpite a livello globale.
La malattia, scoppiata per la prima volta a Wuhan, in Cina, nel novembre del 2019, si è ritrovata in tutto il mondo con oltre 1,3 milioni di infezioni a partire dall'ultimo conteggio.
Questo ha portato a un blocco totale in alcuni paesi e, con questo, alla chiusura di aziende e viaggi.
I governi di tutto il mondo hanno anche messo in atto severe restrizioni sociali e di viaggio per frenare la diffusione del virus.
Il governo del Kenya ha a sua volta adottato misure coraggiose, ma necessarie per combattere questo flagello, tra cui l'interruzione delle conferenze e degli eventi, nonché l'interruzione dei voli internazionali in arrivo nel Paese come una serie di precauzioni contro la diffusione della malattia, e di conseguenza l'industria del turismo in Kenya prevede perdite per miliardi di dollari a causa dei disordini causati da COVID-19 a livello globale.
Attualmente, diversi alberghi e strutture ricettive hanno temporaneamente chiuso i battenti, poiché il traffico di persone verso i punti vendita si è ridotto in modo significativo a causa dei limitati spostamenti e delle restrizioni imposte per frenare la diffusione della malattia.
In primo luogo dobbiamo accettare che la guarigione da questa pandemia richiederà del tempo e dobbiamo essere pazienti mentre ci riprendiamo da essa.
In secondo luogo, abbiamo bisogno di un cambiamento di paradigma sulla mentalità che abbiamo se vogliamo una rapida guarigione e un turismo migliore.
Non si tratta più di aspettare l'arrivo di visitatori internazionali per far prosperare il turismo.
Come Paese, dobbiamo cominciare ad apprezzare il mercato interno e offrire loro i prodotti che fanno al caso loro. Pertanto, non dobbiamo dipendere dal turismo estero e iniziare a investire molto sul mercato interno e regionale. Molti dei mercati internazionali si sono stabiliti inizialmente con il proprio mercato interno e regionale, prima di guardare oltre.
Per esempio, la maggior parte degli 82 milioni di turisti che affollano la Spagna sono nazionali o provenienti dai paesi vicini in Europa, e dobbiamo iniziare a pensare a promuovere il turismo inter-africano. L'Africa ha una popolazione di circa 1,2 miliardi di persone, ma riceve solo 62 milioni di turisti, il che è deludente. Come dice l'adagio africano, "se vuoi andare veloce, vai da solo; ma se vuoi andare lontano, vai insieme". Ora è il momento dell'Africa.
Gli Stati africani devono unirsi e formare una federazione per promuovere il turismo nel continente. Se riusciamo ad avere 300-400 milioni di persone che viaggiano all'interno del continente, possiamo sicuramente aumentare i posti di lavoro e generare entrate senza dipendere dai turisti internazionali. In quanto continente, abbiamo una strategia sulla connettività all'interno del continente, la politica del cielo aperto aumenterà i viaggiatori, il commercio e gli investimenti, dovremmo anche pensare allo sviluppo delle infrastrutture all'interno dell'Africa a partire dalla rete stradale, marittima e ferroviaria. Una volta fatto questo, la regione si aprirà e le infrastrutture migliorate aumenteranno l'economia.
La libera circolazione delle persone è un altro aspetto chiave su cui dobbiamo riflettere.
Dobbiamo garantire che le persone possano viaggiare da una Nazione all'altra senza ostacoli di visti e burocrazia di viaggio. In Europa, la maggior parte delle persone può spostarsi in circa 27 paesi senza visti né posti di frontiera.
Questa è la strada da percorrere per l'Africa.
Ci vorrà del tempo per realizzarlo, ma se iniziamo adesso, tra 5 anni saremo in grado di resistere a qualsiasi tipo di shock, anche ai consigli di viaggio imposti dai paesi occidentali.
Il turismo è uno dei principali beneficiari di valuta estera e contribuisce a circa il 10% del PIL del Kenya. Ma l'impatto del turismo va oltre il 20% in quanto interessa altri settori, che vanno dall'industria manifatturiera, all'agricoltura, ai servizi finanziari, all'istruzione e molti altri.
Più ci concentriamo sulla promozione dei viaggi all'interno del continente, più creeremo posti di lavoro e svilupperemo le nostre economie. Quindi, in Kenya, per i prossimi 2 anni, è imperativo per noi guardare alle opportunità nei nostri mercati nazionali e regionali.
Questo può essere raggiunto solo quando ripenseremo la nostra strategia di marketing, riprogetteremo i nostri prodotti e renderemo le destinazioni accessibili e interattive.COVID-19, può essere un'opportunità per agire ora ed espandersi ulteriormente per creare più posti di lavoro ed essere autosufficienti. Questa volta dovremmo anche prenderci cura delle comunità che ci circondano ed essere sensibili all'ambiente.

TAGS: balala kenyaturismo kenya

Il Ministro del Turismo Najib Balala ha annunciato una nuova iniziativa per rilanciare il turismo, particolarmente sulla costa keniana, dove a suo dire molte strutture alberghiere sono ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala ieri a Milano ha incontrato prima i Tour Operator, poi rappresentanze di imprenditori e di associazioni e infine i giornalisti, in una mattinata che lo ha visto dispensare ottimismo e "fare squadra"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

"Presto prenderemo importanti misure per non permettere più che i beach boys...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo ha annunciato il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala: il Governo keniano vuole veder atterrare voli delle compagnie aeree low cost sulla costa, per incrementare il turismo particolarmente delle spiagge e dei safari nei parchi vicini.
La richiesta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

dddUn importante incontro a Nairobi tra il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala e i due governatori delle Contee di Kilifi e Mombasa, Amason Kingi e Hassan Joho. I due politici della costa sono stati convocati per un meeting a...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra le tante opere e infrastrutture che il Ministero del Turismo ha chiesto al Governo di ultimare, per migliorare la ricettività e i servizi delle località della costa keniota, c'è anche la strada asfaltata costiera che collegherebbe Malindi a Watamu.
In...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ferrovia che collegherà Lamu a Malindi e poi Kilifi alla linea già esistente tra Mombasa e Nairobi.
Il progetto, già...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Grandi promesse e intenzioni serie, questo si è visto e ascoltato al primo Meeting keniano degli operatori del turismo, diretto dal riconfermato Ministro Najib Balala.
Balala ha ribadito ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"La priorità per i turisti che frequentano il Kenya è la sicurezza, senza ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dichiarazione shock da parte del Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala, durante la presentazione di un progetto per la salvaguardia del litorale di Malindi. Le principali testate nazionali e i più importanti media hanno riportato le sue dichiarazioni, secondo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un deciso stop alla costruzione di Palm Exotjca, l’ambizioso grattacielo di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo keniano è salito a 4 miliardi e 200 milioni di scellini di finanziamenti per le strade della costa del Kenya.
Annunciando i...

LEGGI L'ARTICOLO

Ieri l'annuncio del Presidente Uhuru Kenyatta: il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala è uno dei pochi segretari di gabinetto confermati nel loro ruolo anche per la seconda legislatura.
Balala ne era già...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala esce allo scoperto, alla vigilia della più importante manifestazione fieristica del settore nel suo Paese e denuncia il calo degli arrivi internazionali nel Paese e l'occupazione delle strutture alberghiere da parte di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO