Visti e permessi

AIRE

Residenza in Kenya per cittadini italiani: regole e diritti

Come regolarsi con fisco e sanità in attesa della convenzione Italia-Kenya contro la doppia imposizione

21-11-2017 di redazione

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i sotterfugi utilizzati fino a qualche tempo fa, fidando di risiedere in una delle Nazioni più corrotte dell’Africa, oggi ci sono controlli telematici anche per via dell’antiterrorismo e si rischia direttamente la prigione).
Oppure può scegliere di risiedere in Kenya.
In questo caso, dopo aver ottemperato agli obblighi per diventarlo (vedi nella sezione dei permessi di soggiorno e di lavoro cliccando qui), è obbligatorio iscriversi all’AIRE, l’Associazione Italiana dei Residenti all’Estero, comunicare all’Ambasciata il nuovo recapito ed accedere allo status di “italiano residente all’estero in un Paese senza convenzioni”.
Infatti tra pochi mesi potrebbero cambiare le cose, ma per adesso il Kenya non figura tra i Paesi che hanno stipulato una convenzione bilaterali contro le doppie imposizioni con l’Italia.
In questo caso l’eventuale pensione verrà tassata in Italia e, in caso contribuisca a creare reddito per il lavoro, anche in Kenya.
Residenza Fiscale
per essere considerati residenti all’estero ai fini fiscali è obbligatorio non essere stati iscritti all’anagrafe dei residenti in Italia per oltre 183 giorni all’anno e non avere avuto domicilio né dimora abituale in Italia per oltre metà anno.
L’italiano residente in Kenya inoltre perde il diritto all’assistenza sanitaria nel suo Paese d’origine (fatta eccezione per i lavoratori di diritto italiano in distacco).
Al rientro in Italia si può ottenere comunque un libretto sanitario temporaneo che può durare 90 giorni annui (cumulativi), a regola utilizzabile solamente per prestazioni ospedaliere urgenti.
Tutto questo è ottenibile con una semplice autocertificazione, presentandosi nel Comune in cui si è temporaneamente domiciliati.
In caso di malattia, è possibile anche ottenere un medico di base della mutua ed esenzioni su determinate medicine o cure.
Chi ha reddito in Italia dovrà continuare a pagare le addizionali regionali e comunali IRPEF fino a quando tali imposizioni rimarranno attive e se continua a produrre reddito in entrambi i Paesi, le detrazioni e i crediti d’imposta spettanti possono essere sottratti dai redditi prodotti all’estero che hanno subito la ritenuta d’imposta a titolo definitivo. 

TAGS: fisco kenyaresidenza kenyaaire kenyaassistenza kenyasanità kenyadiritti kenya

Il prossimo 17 aprile 2016 si terrà il referendum abrogativo della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano "la durata della vita utile del...

Di seguito trasmettiamo le informazioni relative all'assistenza sanitaria in Italia per i residenti all'estero iscritti all'AIRE (Associazione Italiana Residenti all'Estero) e le informazioni relative alla mancanza di copertura sanitaria garantita per chi transita o soggiorna in Kenya.
A cura del...

LEGGI LE INFO ALL'INTERO CLICCANDO QUI

Da quest'anno anche chi trascorre buona parte dell'anno in Kenya ma non è residente iscritto all'Associazione Italiana Residenti all'Estero (AIRE) può votare al prossimo Referendum costituzionale italiano dal suo luogo di villeggiatura, purché stia trascorrendo un periodo di soggiorno superiore ai...

LEGGI TUTTO

E' ufficiale: Malindi ha un nuovo Console Onorario Italiano. 
E' Ivan Del Prete, 43 anni, connazionale residente a Malindi dal 1997 e già da tempo attivo volontariamente nel garantire la sicurezza ai nostri connazionali a Malindi, Watamu e Mambrui. 

LEGGI TUTTO

Per il pagamento delle pensioni (oltre 411 mila) agli aventi diritto residenti all’estero (in 131 Paesi), l’INPS si avvale di un istituto di credito aggiudicatario di una gara d’appalto che viene rinnovata con cadenza triennale.
 

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

Qualora il cittadino italiano si trovi in una situazione di emergenza (ad esempio un turista in transito che deve ripartire ed ha smarrito o è stato derubato del proprio passaporto) e non si faccia in tempo ad esperire la necessaria...

LEGGI ATTENTAMENTE LE INDICAZIONI CLICCANDO QUI

Ha ancora molti contorni oscuri, la vicenda che vede protagonista il nostro connazionale Mario Mele, cinquantaseienne di Nuoro, residente a Malindi da ormai sei anni. Dopo il blitz nel suo locale, il Mario's (ex Pata Pata) all'interno del centro commerciale Oasis...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mary's School, costituita a Piove di Sacco (PD) il 25 settembre 2008, è un'associazione Onlus nata dalla volontà di un gruppo di amici che hanno deciso di vivere la loro esperienza africana da un altro punto di vista, al fine...

LEGGI TUTTO

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una sentenza definitiva che può creare uno storico precedente.
La Corte Africana dei Diritti dell'Uomo ha respinto il ricorso dello Stato keniano contro la sentenza in favore dell'etnia degli Ogiek, piccola tribù indigena della foresta di Mau a cui erano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Convegno a Nairobi sul Referendum Costituzionale organizzato in collaborazione con Senza Bavaglio Centro Studi per il Giornalismo.
Parteciperanno il costituzionalista Lorenzo Spadaccini, professore all’università di Brescia, il professore di economia Giovanni La Torre ed il senatore del Movimento Cinque Stelle...

LEGGI TUTTO

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal parlamentare Marco Fedi (PD), eletto dai residenti italiani all'estero nella Circoscrizione Africa, Asia e Oceania le nuove regolamentazioni per i residenti all'estero, utili per poter ottenere detrazioni per carichi di famiglia.

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Fine delle trasmissioni, almeno per ora.
Lo ha confermato il Capo della Narcotici keniota: "Abbiamo consegnato i tre italiani alle autorità che provvederanno all'espatrio", lo hanno ribattuto il quotidiano "The Star" ed altre testate online, ed è arrivata anche la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è diventato uno dei primi Paesi africani per il turismo del benessere.
Le strutture sanitarie e SPA private hanno portato il Kenya sul podio tra le destinazioni di "turismo medico" nel Continente Nero, come riportato dal rapporto redatto dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sei mesi fa Malindikenya.net (leggi qui la notizia) aveva raccolto l'appello degli Honorary Warden di Malindi e Watamu (i residenti italiani e locali che aiutano il Kenya Wildlife Service a proteggere la natura e gli animali, far rispettare...

LEGGI TUTTO