Visti e permessi

VIVERE IN KENYA

Vivere a Malindi e Watamu

Informazioni pratiche per chi vuole trasferirsi in Kenya

15-10-2014 di redazione

Malindi, Watamu e la costa Nord del Kenya sono paradisi ben diversi dal nostro Paese d'origine. 
Alcuni aspetti fanno preferire questi luoghi a quelli che vorremmo lasciare: il clima, l'ospitalità della gente, la natura ancora preponderante sul cemento e sulla civilizzazione, le possibilità di investimento, la pressione fiscale, il costo della manodopera.
Potremmo continuare così, elencando tutti gli aspetti positivi che ben conosciamo, essendo noi di Malindikenya.net in Kenya dal 1989 e lavorando qui nel campo dell'informazione dal 2008.
Invece il nostro compito non è convincere le persone per chi sa quale interesse, ma aprire gli occhi su una scelta di vita o di lavoro che, come ogni evento di quest'importanza, deve essere ponderato e valutato per bene prima di prendere una decisione definitiva. 

Innanzitutto oggi per aprire qualsivoglia attività bisogna disporre di un capitale da trasferire in una banca locale. 
Il capitale deve ammontare a un minimo di € 80.000 e può essere anche utilizzato per l'acquisto di un immobile o un'attività (ad esempio rilevare un bar o un ristorante, ma anche un Bed and Breakfast che fungerà anche da casa privata). 
In questo caso, però, la transazione dovrà avvenire sul conto di una compagnia fondata in Kenya.
I tempi per l'apertura di una compagnia in Kenya non sono brevissimi, specialmente per ottenere il PIN (la partita iva) della società e quello personale, indispensabili per fare ogni operazione, da aprire una bolletta della luce o dell'acqua, ai rogiti e all'acquisto di un'automobile. La compagnia può anche non avere un socio keniota e deve avere due direttori con quote societarie. Non occorre che entrambi i direttori risiedano in Kenya.
Con la compagnia e il capitale, si può ottenere il permesso di lavoro, che è anche permesso di soggiorno e vale due anni. 
Il cosiddetto permesso G da investitore, costa circa 2 mila euro.
Il permesso di lavoro da dipendente, invece, costa 4 mila euro, sempre per due anni. Per ottenerlo, ci vogliono alcuni requisiti, soprattutto la garanzia di insegnare ai locali un mestiere e di non lavorare in prima persona, ma di fungere da "manager" o consulente, coordinatore o insegnante.
Vi sono anche "Special Pass" stagionali. Il loro costo è di 230 euro al mese circa, più una quota fissa supplementare per le pratiche. Solitamente lo special pass non può durare più di 3 mesi.

Dal punto di vista dell'inserimento nella comunità della costa keniota, si sa che Malindi è ormai definita una "colonia" italiana, ma al fine di comprendere meglio la vita, le leggi e i costumi di questa zona, sarebbe importante avere almeno un'infarinatura di lingua inglese.
Molti italiani sono giunti a Malindi e Watamu convinti di poter conferire direttamente in italiano con la gente del posto, se non addirittura in dialetto. Con conseguenti fraintendimenti che a volte possono far sorridere, a volte portare a malintesi che creano problemi.

Altro aspetto da non sottovalutare, il rispetto di chi ci ospita. Nonostante i kenioti siano un popolo generoso, disponibile e ospitale e la base popolare (il cosiddetto "terziario") versi in condizioni economiche al limite della soglia di sopravvivenza, non significa potersene approfittare. Lo stipendio minimo deciso dal Governo per un dipendente a servizio, ad esempio, è di circa 90 euro e sarebbe d'uopo metterlo in regola, per poterlo fare accedere al (sia pur modesto) servizio sanitario locale.
La costa ha un'importante componente islamica, a Malindi e Watamu molto moderata ed abituata a lavorare con il turismo. Tuttavia il rispetto di alcuni costumi locali (come ad esempio per le donne non mostrare il seno in spiaggia e non girare per la città in bikini e per le coppie non lasciarsi andare a vistose effusioni in pubblico) è sicuramente una buona abitudine da osservare.

Le forze dell'ordine da queste parti potrebbero cercare di approfittare di occasioni particolari per chiedere mance o per risolvere contenziosi in maniera "amichevole". 
Si raccomanda, sempre essendo calmi e gentili, di non accettare nessun tentativo di accomodamento. Innanzitutto la legge keniota punisce il corrotto tanto quanto il corruttore, e spesso i vertici delle istituzioni locali sono disponibili a capire la situazione, ove non ci siano palesi contravvenzioni da parte del turista o del residente straniero.

TAGS: Vivere a MalindiVivere a WatamuVivere in KenyaInfo Kenya

PAROLE D'AFRICA

Ernest Hemingway

"Io sarei tornato in Africa"

di redazione

Io sarei tornato in Africa, ma non per guadagnarmi la vita, per questo mi bastavano un paio di matite e poche centinaia di fogli di carta della meno cara.
Ma sarei tornato là, dove mi piaceva vivere, vivere veramente, non...

Fin da bambino sognavo un luogo in cui la mia fantasia potesse sfogarsi e correre libera, come un felino della savana.
Per questo quando sono cresciuto guardavo i documentari sull'Africa. Avrei voluto vivere come i miei idoli: il leopardo e...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Ho capito che se vuoi davvero vivere in Africa,
devi essere capace di vederla e dirti:
"è per amore che si prende questa strada, mettitelo bene in testa, finirai qui".

Una vacanza, per caso. L'impossibilità di non farvi ritorno. Un safari indimenticabile.
Come avevo fatto a vivere senza di Lei fino ad ora? E a considerarla una meta di vacanza come le altre?
Africa, mi hai conquistato senza dirmelo, facendoti...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Era la seconda notte che passavo in Africa già qualcosa aveva cominciato a crescere dentro di me,
qualcosa che non potevo arrestare, come se i sogni della mia infanzia avessero trovato finalmente il luogo dove materializzarsi.
Ero arrivata dove ero...

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

Nei suoi occhi blu ci trovi il cielo e il mare di Watamu. La solarità di una donna che ha trovato il suo equilibrio, la serenità che cercava.
Faresti fatica a dire che Marina Mauro arriva dal Nord Italia (friulana...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Vivere in Kenya, per un occidentale, è innanzitutto una scelta.
Significa abbandonare la propria patria, allontanarsi dalle proprie radici, lasciare parenti, amici e abitudini che ci hanno affiancato sin dalla nascita.
Ma vivere in Kenya significa (e deve significare) anche...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO

Entra nel vivo la stagione del Paparemo Beach di Watamu.
Lo splendido locale sull'Oceano Indiano nella baia delle sette isole (detta anche baia dell'amore) abbina alle giornate di mare con i lettini sulla spiaggia, l'elegante ristorante e il chiringuito bar,...

LEGGI TUTTO

L'incredibile storia di Robin Cavendish approda al cinema in questi giorni.
"Breathe" il titolo originale del film, che sarà nelle sale italiane da questa settimana, un colossal che ha per protagonista il giovane

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Matilde Calamai, autrice toscana con il Kenya nell'anima, torna in libreria con un nuovo romanzo, dal titolo "Moran". 
“Molte delle mie opere parlano dell’Africa, il mio posto dell’anima, a Mama Africa ho dedicato poesie e pennellate di sensazioni. Ho scritto un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la voglia di trasferirsi a Malindi.
Arriva la bassa stagione e le caselle mail di malindikenya.net traboccano di richieste di consigli, dritte, spiegazioni....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Premetto che questo è un portale d'informazione a sfondo turistico che racconta un luogo, una comunità e al limite un modo di vivere.
Ma quando vicende internazionali "forti" toccano tutti, certi paragoni con la realtà keniana non possono essere evitati.LEGGI TUTTO

La Malindi al femminile di Sara Cardelli colpisce nel segno e dipinge una realtà molto attuale e sganciata dai soliti luoghi comuni del turismo sessuale ai tropici o dell’avventura esotica.
 

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Immaginate un luogo in cui il cielo non vi sovrasta, vi attraversa; l’aria non si respira, si assapora, il tempo scorre, non corre ed il sistema nervoso si sistema, non s’innervosisce.
Un luogo dove la gente non t’incrocia, ti saluta,...

LEGGI TUTTO