Reportage

REPORTAGE

Olchorro, tra rinoceronti e colori indimenticabili

Ultimo giorno al Saruni Mara, il favoloso lodge "italiano"

28-09-2020 di Freddie del Curatolo

“Non venire in Kenya se non ti puoi permettere di vedere un’alba in savana.
E’ come per un turista straniero viaggiare in Italia e non passare da Venezia”.
Me lo disse uno dei primi connazionali che mi parlarono di questo Paese, al mio arrivo trent’anni fa.
Da allora il sole è spuntato innumerevoli volte dall’orizzonte di una riserva naturale, colorando di arancio tenue un’acacia ad ombrello, un baobab o una palma dumdum e dipingendo il cielo ogni volta in maniera sorprendentemente diversa o inargentando con grazia il corso di un fiume.
Ogni volta, come oggi, confondo l’emozione col torpore della fredda mattina con la certezza che bisogna sempre andare incontro alla vita e non farsi imprigionare mai da niente e da nessuno.
Le considerazioni sarebbero tante e molto lente, meglio affidarsi all’orizzonte, anche perché da qui a poco, scendendo dalle colline del Saruni, si incontrano zebre, giraffe, elefanti e gazzelle a profusione.
Facciamo colazione ai piedi di una pozza di proprietà di una famiglia di ippopotami canterini, con le giraffe che ci girano attorno curiose. Non credo sia per pane burro e marmellata.
Sarà una giornata eccezionale, con l’escursione al fiume Mara ed altre scene di caccia e di riposo, di dolore e coinvolgimento, con l’apice raggiunto al santuario dei rinoceronti della Olchorro Conservancy.
La guida maasai Sinya s’inerpica con il Land Rover per una leggera collina da cui si domina gran parte del Mara. Mentre siamo impegnati a godere di cotanto panorama, un ranger a piedi chiede di accostare l’auto e da un cespuglio appare un enorme rinoceronte bianco.
Spettacolo!
“Scendete, prego” dice il ranger.
In trent’anni non ho mai camminato al fianco di un rinoceronte e Leni addirittura non ne ha mai visto uno. Come diceva qualcuno che forse non è un Poeta ma certe cose le sa cantare, “l’emozione non ha voce”. Ci abbiamo provato con un video che potete vedere qui sotto.
Il degno finale di questo safari è al ritorno al Saruni, con un bicchiere di vino rosso davanti al tramonto e l’enorme e tranquilla antilope Eland che si piazza al mio fianco (solo un po’ d’ansia per le lunghe corna, non si sa mai che per sbaglio...) incuriosita dal bicchiere e forse anche dagli stuzzichini dell’aperitivo e sicuramente confortata come noi dal calore del falò.
Restiamo lì a condividere questo momento che gli impoveritori della lingua italiana bollerebbero come “pazzesco”, che come il grigio sta sempre bene su tutto.
Ma in Kenya, come dico sempre, i colori in mezzo al bianco e al nero sono tantissimi e vale la pena di viverli tutti, sempre.
A domani!

TAGS: saruni mararinoceronti kenyaolchorro conservancysavana kenyareportage kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Erano quasi sei anni che alla Lewa Conservancy nella Contea di Laikipia non veniva ucciso un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche in una delle più sicure e protette conservancy del Mara, quella di Ol Chorro a nord della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lei ha un’eleganza naturale ed in più si presenta nelle vesti tradizionali, con bracciali e accessori tribali ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Un paradiso nel Paradiso, nel cuore del Kenya.
Luoghi come la Kalama Conservancy, ai margini della Riserva Samburu, alimentano l’idea che il nostro Pianeta abbia ancora possibilità di salvezza.
La verginità del...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

L'idea era sicuramente lodevole, ma la sua realizzazione si è rivelata un autogol incredibile per il Kenya e per chi opera nel campo della tutela degli animali della savana.
Due settimane fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'è grande ottimismo attorno al possibile afflusso di turisti da tutto il mondo nel prossimo mese di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Lewa Conservancy , 62.000 acri di estensione, popolata da animali tra cui 150 rinoceronti ben protetti.
Situata nel distretto di Laikipia, Conservancy fin dal 1920, è diventata patrimonio dell’UNESCO , merito dell’alta professionalità nella difesa dell’ambiente e degli animali.
Abbiamo...

Gli USA hanno deciso di aiutare il settore turistico del Kenya a risollevarsi da questo prolungato...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ di un fotografo italiano la più bella foto nel Maasai Mara del 2020.
Paolo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Voli diretti da Nairobi al Maasai Mara, anche con un aereo da 37 posti (il Dash 8-300) e soprattutto senza prezzi da...

LEGGI L'ARTICOLO

Una svolta nel look delle banconote del Kenya.
La Central Bank del Paese africano ha annunciato che presto verranno immesse sul mercato le nuove banconote da 1000, 500, 200, 100 e 50 scellini che avranno...
 

CLICCA QUI E GUARDA LE NUOVE BANCONOTE