Ultime notizie

AMBIENTE

Bixa, dalla natura un business per il Kenya

Con l'estratto dei semi si fanno moltissime cose

15-09-2021 di Leni Frau

Viene chiamata semplicemente "mrangi", pittura colorata.
La pianta di Bixa Orellana, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Bixacee, non autoctono in Africa ma ormai diffusissimo specialmente in Kenya tanto che l'estratto ricavato dai suoi semi, chiamato "annatto" o achiote, viene esportato in tutto il mondo e fa del paese africano il secondo mercato per importanza, dietro solo al Perù e avanti a tutti gli altri stati sudamericani in cui la Bixa c'è da sempre.
Originario appunto dal continente americano, questo piccolo albero fu trasportato dagli spagnoli a partire dal XVII secolo arrivando prima nel sud est asiatico e poi in Africa.
Questo arbusto sempreverde può raggiungere qui in Kenya un’altezza massima intorno ai 3 metri, i suoi  fiori sono di colore bianco o rosa, o una combinazione dei due colori.
Ma perché è così importante la bixa, specialmente per l'estratto dei semi?
I frutti sono delle capsule ovoidali ricoperti da spine lisce e morbide ed hanno dimensioni di circa 4 cm, di colore variabile dal rosso scarlatto al rosso intenso; al loro interno sono contenuti numerosi semi carnosi, circa una cinquantina, a forma di cono, ricoperti da una polpa rossa.
Quando è completamente maturo, il baccello si indurisce e si apre.
Soprattutto nei tempi antichi, uno dei principali usi di questo estratto era la pittura del corpo, del viso e dei capelli, che venivano praticati tra le varie tribù a scopo decorativo o per allontanare gli spiriti malvagi e le malattie.
Questo pigmento ricopre un ruolo economico di rilievo a livello mondiale in quanto è uno dei coloranti naturali più utilizzati per colorare alimenti, come ad esempio formaggi, burro o bibite, cosmetici e prodotti farmaceutici. È comunemente usato negli alimenti perché la colorazione non altera il sapore e non è, soprattutto, tossica.
Tra i prodotti cosmetici troviamo: rossetti, tinte per capelli, smalti per unghie, saponi, lacche e vernici.
La tintura di annatto, di colore rosso-arancio, è ricca di pigmenti carotenoidi, l’80% è costituito da bixina (il pigmento rosso) e norbixina o orellina (il pigmento giallo). 
La coltivazione della Bixa è stata introdotta nelle regioni costiere del Kenya, in particolare nelle Contee di Kwale e Lamu , intorno agli anni Settanta e negli ultimi tempi sta dando buoni risultati agli agricoltori che hanno deciso di investire in questa coltura. Il Kenya esporta ogni anno circa 1.500 tonnellate di semi ed estratti di annatto. Essendo la Bixa  una pianta molto resistente alla siccità, cresce facilmente in climi subtropicali o tropicali con una buona esposizione al sole e umiditá tutto l’anno.

TAGS: piante kenyasemi kenyacolorante kenyabusiness kenyaesportazione kenyanatura kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Kenya è per la gran parte della sua estensione una terra fertile e ricca, dove cresce più o meno di...

LEGGI L'ARTICOLO

Tommaso Menini, trentasettenne milanese, è l’ennesimo “cervello in fuga” dall’Italia che ha scelto il Kenya per il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Il riso saltato al mango e anacardi è una specialità che gli indiani emigrati in Kenya nel secolo scorso hanno portato nella cucina della costa.
Abitudine favorita...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Sulla costa del Kenya è in atto un silenzioso, quotidiano crimine che non riguarda il genere umano e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Uno dei frutti tropicali più caratteristici, utilizzato per il vero più come condimento e pietanza di contorno, rischia di scomparire e il Kenya prende provvedimenti per non rimanere senza e ridurre il suo prezzo che nel giro di un anno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mondo inizia a scoprire le incredibili proprietà dell'albero africano per eccellenza, il baobab.
La pianta dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il cardamomo è una spezia conosciuta fin dai tempi dei greci e dei romani, che lo utilizzavano per produrre profumi, ed è attualmente nota come la terza spezia più cara al mondo dopo zafferano e vaniglia.
Quello trovabile sulla costa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche l’Italia, come altri mercati Europei, possono risentire della querelle sull’esportazione delle ...

LEGGI L'ARTICOLO

Gamberi masala al cocco.
Ecco una classica ricetta che dal sud dell’India è arrivata alla costa swahili più di cento anni fa ed è oggi un piatto consumato anche dalla popolazione locale, e spesso nei chioschi del lungomare di Malindi...

LEGGI LA RICETTA

Uno dei piatti tradizionali dell’Africa Subsahariana per Natale è la zuppa d’okra.
Si chiamano...

LEGGI LA RICETTA

Siamo certi che anche i baobab e i neem del Kenya hanno pianto la scomparsa di Maurice Méssegué, il “papà delle piante” come veniva universalmente appellato.
Il grande naturalista, scrittore e fitoterapista francese si è spento a 95 anni nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il cuore dell’Africa, dove ogni anfratto è metafora dell’eternità selvaggia e favolosa del continente: sorgenti,...

LEGGI L'ARTICOLO

Da un'inchiesta del World Bank Group, organismo di ricerca della Banca Mondiale, pubblicata sul sito doingbusiness.org, la Contea di Kilifi viene segnalata come una delle mete future più appetibili per il cosiddetto "Tourism Business", 

LEGGI TUTTO

Abdul, venditore di spezie del mercato vecchio, lo mastica fin dal mattino e ne offre volentieri un paio.
Mzee...

LEGGI L'ARTICOLO

Le rose rosse di San Valentino sono sempre più keniote.
Proprio in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il chapati è un pane tradizionale portato in Kenya dalla tradizione indiana, ma poi evolutosi in tutto il Paese ed oggi preparato in strada, nei locali poveri come in quelli di alto livello come accompagnamento per le pietanze.
La sua...

LEGGI QUI LA RICETTA