Ultime notizie

LUTTO

Ciao Fazzini, altro storico italiano di Malindi

Il ricordo di "Mimmo" della figlia Barbara e il mio

21-01-2023 di Freddie del Curatolo

Una presenza importante, lo sguardo da ragazzino impenitente con gli occhiali quasi più grandi del suo volto, lo sbuffo di una pipa e un senso dell’umorismo alto, che creava parole sempre argute, pensieri mai scontati.
Così ricordo Mimmo Fazzini, uno degli storici italiani a Malindi degli ultimi cinquant’anni. Di certo uno dei più creativi, brillanti e carismatici. Se n’è andato ieri a 82 anni, di cui la metà passati in terra keniana dove ha lasciato segni evidenti della sua creatività in case, resort e negli arredamenti di mezza cittadina turistica. 

“Quando le persone se ne vanno, gli altri le dipingono come santi, io vorrei che di mio padre rimanesse un’immagine vera, umana” racconta di lui, Giovanni Antonio Ugo Fazzini detto Mimmo, la figlia Barbara, scrittrice che a nove anni, nel 1980, con la madre, lo seguì nell’avventura malindina.

“In lui albergavano, genio e follia, talmente stretti, l'uno all'altra, da fondersi in un unico groviglio, che gli conferiva un paio di occhiali magici, attraverso i quali, osservava la sua e l'altrui esistenza. Occhiali magici che, talvolta, se lui lo desiderava gli permettevano di filtrare gli eventi, edulcorandoli, inasprendoli o plasmandoli a suo piacimento. Un paio di occhiali contro il dolore, contro la responsabilità e la consapevolezza di sé, comodi per lui e scomodi per gli altri. E a volte comodi o scomodi per entrambi” racconta Barbara, e già si capisce come Fazzini, al pari di molti suoi coetanei della prima Malindi italiana, meriterebbe un romanzo più che un articolo di commiato. 

Di famiglia nobile, un passato da studente della Bocconi di Milano, quattro lingue parlate correntemente a cui si aggiunse il swahili imparato in poco tempo, la sua creatività lo portò a lavorare con Armando Tanzini come costruttore, poi con un amico francese di nome Daniel, da cui prese forma uno dei primi pregevoli “workshop” di mobili, chiamato MimDan.
Nel frattempo però, nel centro della Malindi turistica che sorgeva con viaggiatori di alto livello, aveva aperto la boutique “Our Shop”, che vendeva abbigliamento da safari, manufatti locali di particolare pregio e “Our Boutique”, aperto per la moglie, che vendeva pietre preziose e abbigliamento più pregiato e colorato. Ancora oggi in resort e ville di lusso di Malindi si trovano i suoi arredamenti, il suo stile, che fu cercato anche dagli scenografi dei film girati a Malindi, come ad esempio “Nel continente nero” di Marco Risi.

Alla sua inventiva e alla dialettica che lo faceva amare o odiare dalla comunità italiana, spesso per la sua spietata, sarcastica sincerità, alternava alcuni vizi che ne hanno condizionato la parabola keniana, primo tra tutti il gioco d’azzardo ma anche, come ricorda Barbara: “le donne, che hanno avuto un effetto anche peggiore della roulette sulla sua vita. Al nostro arrivo, mia madre si è accorta che mio padre aveva preso ad intessere una relazione con una commessa di Our Shop ed è per questo che lei ed io siamo tornate a vivere in Italia”. Da quella relazione Mimmo Fazzini ha avuto quattro figli, di cui una, Madina, è stata moglie del due volte governatore di Mombasa, Hassan Joho.

“A Malindi lo conoscevano tutti – racconta ancora la figlia Barbara - aveva molti amici ed anche molte inimicizie, ma nonostante qualche tiro mancino che lo aveva messo in difficoltà, lui era sempre riuscito ad uscire vincente da tutte le sfide che la vita gli aveva proposto. Era un uomo fortunato, coraggioso ed intraprendente”.

Era un italiano di Malindi, nel bene e nel male e se io, che per lui a quei tempi ero ancora "Alfredo", ho un appunto da farti, caro “Signor Fazzini” come ti chiamavo, è quello di non avermi mai voluto raccontare a modo tuo questo fazzoletto d’Africa, pur apprezzando la mia scrittura ed aver capito che avevamo un’ironia affine, della Milano dei Carlo Castellaneta, ma anche di Beppe Viola e di Enzo Jannacci. Lo meritavi sì, un romanzo, Mimmo. 

TAGS: italiani kenyaricordoluttostorico

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Come quando abbandoni l’Africa, magari dolorosamente solo perché la vita ti porta altrove, l’Africa...

LEGGI L'ARTICOLO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Uno dei pezzi più importanti della storia degli italiani in Kenya e della seconda guerra mondiale in Africa è stato abbattuto senza preavviso da ...

LEGGI L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Sognavo L'Africa - Kuki Gallman

Mondadori

di Leni Frau

Kuki Gallmann aveva “una storia da raccontare”.
Questo romanzo è la sua storia.
Italiana, di Treviso, si trasferisce nel 1972 in Kenya con il secondo marito Paolo e il figlio Emanuele.
In un grandissimo ranch a Laikipia costruirà la sua nuova...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

E' il Kenya la nazione più colpita dal lutto internazionale dopo lo schianto al suolo del Boeing 737 MAX della...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà officiata da Padre Orazio alla S.Anthony Cathedral di Malindi, oggi 24 febbraio 2017 alle 16, la messa in ricordo di Marco Vancini, l'imprenditore italiano ed ex console onorario di Malindi scomparso due anni fa in un tragico incidente stradale...

Un altro triste lutto coinvolge un connazionale che ha vissuto a Malindi.
La...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella mia ormai non breve esperienza in Kenya, ho conosciuto ben sette Ambasciatori.
Con tutti ho intrattenuto, prima da comunissimo connazionale, poi da giornalista, esperto e storico degli italiani in questo Paese, rapporti cordiali.
Ho visto navigati diplomatici in pre-pensionamento,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Parla con il singhiozzo, il giovane Jordan Gaetano, figlio di Ennio Grasso scomparso...

LEGGI L'ARTICOLO

Metti il più grande poeta della costa keniana, la storia della sua terra e le sue leggende recitate con passione. Aggiungi un cantautore che del cuore e delle storie vere ha fatto uno stile di vita, ancor più che un...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Un grave lutto avvolge la comunità italiana di Malindi, ci ha lasciato uno dei decani della "colonia" italiana.
Il costruttore bresciano Renato Marini. Logorato da una lunga malattia, si è spento nella sua casa dietro il Galana Center, una delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“L’Africa è stata il respiro e la vita della mia infanzia. Essa è ancora...

LEGGI LA CITAZIONE

Per tanti anni è stato una delle penne e delle voci degli italiani in Kenya.
Spesso una...

LEGGI L'ARTICOLO

Fatuma di secondo nome si chiama Freedom, libertà, e quello che sogna è di poter essere ancora un po' libera di decidere della sua vita. Molti italiani a Malindi, specie i residenti storici e chi frequenta questo angolo di Kenya...

LEGGI TUTTO

Il più famoso festival del Romanzo Storico d'Europa si tiene ogni anno a Piove di Sacco, in provincia di Padova.
L'edizione di quest'anno si apre oggi ed...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dall'apericena ad un vero e proprio dinner nello stile Malindina, questo venerdì nello storico locale dove gli eventi sono sempre di classe e in una cornice magica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO