Ultime notizie

TURISMO

Watamu, la destinazione dalla A alla Z

Breviario per chi viene in vacanza

17-07-2022 di redazione

Si apre la stagione e Watamu, grazie anche al ritorno dei charter della compagnia Neos e alla ripresa delle operazioni di tante agenzie italiane, è pronta a fare la parte del leone sulla costa keniana. Abbiamo complilato un alfabeto elementare per chi si appresta a venire in questa meravigliosa località di vacanza in Kenya.
 

ARABUKO SOKOKE FOREST: Watamu ha la fortuna, non solo turistica, di avere una delle più antiche foreste pluviali dell’Est Africa a pochi passi. Ciò garantisce alla destinazione turistica un microclima particolarmente accogliente. La foresta si può visitare e al suo interno, oltre a scimmie e specie rare di uccelli, vivono anche famiglie di elefanti.

BEACH BOYS: Croce e delizia di una vacanza a Watamu, gli “operatori di spiaggia” possono rivelarsi simpatiche guide durante le escursioni marine ma anche insistenti invasori della privacy.
Diffidate comunque di quelli che non hanno tessere di riconoscimento o che non siano conosciuti dalla comunità. Non basta, insomma, che qualcuno vi apostrofi in italiano per potersi fidare.

CRAB SHACK: Un luogo da visitare all’interno dell’ecosistema di mangrovie a Dabaso. Il locale, gestito da una cooperativa che salvaguarda l’ambiente e alleva granchi, è anche un pregevole quanto semplice ristorante locale, costruito su palafitte, dove assaggiare oltre al granchio stesso altre specialità di mare e godersi lo spettacolo del tramonto sull’insenatura di Mida.

DELFINI: La parte di oceano indiano di Watamu è conosciuta per essere una linea di passaggio di molte specie di pesci a seconda delle stagioni. Qui ad esempio arrivano appassionati da tutto il mondo per ammirare la migrazione delle balene. I delfini sono una grande attrazione che invece può apparire in qualsiasi momento dell’anno, durante un’escursione tra il parco marino di Watamu e Malindi e l’imbocco del Mida Creek.


ELETTRICITA’: Anche il paradiso ha le sue spine. Quello della corrente elettrica è uno dei problemi che da sempre affliggono Watamu. La luce va e viene e ormai quasi tutti i locali di un certo livello si sono organizzati con generatori e inverter per garantire servizi adeguati alla loro clientela.

FISHING: Watamu è una delle destinazioni africane sull’Oceano Indiano rinomate per la pesca d’altura. Basti pensare che nel secolo scorso già appassionati come Ernest Hemingway adoravano pescare nel mare cristallino di Watamu, quando ancora la località non aveva strade né strutture turistiche. Oggi è molto facile organizzare una giornata di pesca d’altura e molte strutture di Watamu la propongono tra le loro “experience”.

GARODA: Una delle spiagge più conosciute di Watamu, nota per i suoi banchi di sabbia bianchissima che affiorano durante la bassa marea, dipingendo scenari maldiviani e permettendo ai turisti di fare passeggiate con l’acqua alle ginocchia e alternare tuffi nell’acqua a relax sdraiati sugli isolotti.

HOTEL: Negli anni Watamu si è dotata di bellissimi e confortevoli hotel, aumentando il livello dei suoi servizi. L’hospitality è sempre il settore che fa vivere la località e su cui si continua a puntare per attirare i turisti da tutto il mondo.

KITE SURF: Watamu è ormai diventata anche una destinazione per gli sportivi che praticano il kitesurf. Grazie alle sue baie che improvvisamente si aprono sul mare aperto e al vento che soffia forte sia nella zona di Safina Beach che davanti a Garoda Beach.

JACARANDA BAY: Qualche chilometro a nord dal centro di Watamu, la baia che prende il nome dallo storico resort italiano sulla spiaggia più celebrata, è rinomata per la bellezza e la verginità del suo paesaggio marino. Con la bassa marea si può camminare fino alla barriera corallina e lungo il bagnasciuga vi sono altri hotel e locali dove gustare ottimo pesce alla griglia.

ITALIANI: Un tempo la comunità italiana era concentrata soprattutto nella vicina Malindi. Dalla fine degli anni Novanta molte attività di connazionali hanno scommesso sulle spiagge e sul mare di Watamu, tanto che oggi in tanti vivono e lavorano a Watamu. La differenza con Malindi è che molti connazionali sono ben inseriti nella verve internazionale della località turistica. Per questo, a parte certe dinamiche da “paesino” tipiche del provincialismo di molti italiani, a Watamu non mancano le nostre eccellenze: dalla pizza al gelato, ad una certa attenzione per il servizio e l’ospitalità.

LOVE ISLANDS: Nella baia del locale Paparemo Beach, Watamu regala uno dei suoi incantevoli scenari, quello delle cosiddette “isole dell’amore” che con la bassa marea si possono visitare a piedi e circumnavigandole trovarsi al cospetto della barriera corallina, mentre con l’alta marea ci si può recare in barca e godere di un’assoluta pace e primordiale intimità.

MIDA CREEK: Una delle particolarità di Watamu e quella di avere, all’estremo sud della località, un’insenatura immersa in una vegetazione di mangrovie che è rimasta ancora in larga parte incontaminata. Si può visitare il Mida Creek in barca, meglio se con i tradizionali dhow, le imbarcazioni swahili. Ma lo si può anche esplorare addentrandosi via terra tra le mangrovie, lungo passerelle di legno, approdando in radure di mare che sono oasi naturali ricche di benefici per l’anima.

NIGHTLIFE: Se Watamu di giorno è da vivere tra spiaggia e mare, la sera non è meno accogliente, con i tanti localini di streetfood e bancarelle di artigianato nella via centrale, i punti d’incontro dal tramonto in poi e i discopub per ballare e divertirsi (tranne quelli un po’ troppo rumorosi che non rendono un buon servizio alla destinazione). In stagione l’appuntamento da non mancare è il beach party di Paparemo.

OCEAN SPORTS: Uno dei locali iconici di Watamu, storico ritrovo dei pescatori di origine inglese, luogo di incontro di giovani e meno giovani che hanno voglia di divertirsi o anche solo di consumare un drink nell’atmosfera di una terrazza affacciata sull’oceano, davanti ai classici isolotti di roccia della Hemingway Bay.

PRAWNS LAKE: La laguna di Watamu è un luogo particolare, dove natura verde e acqua salata s’incontrano e all’ora del tramonto dipingono i panorami di romanticismo. Ma è anche un serbatoio di gamberi freschi che vengono preparati in tante maniere.

QUALITA’: Negli anni il settore turistico di Watamu è cresciuto di livello nei servizi e nella qualità delle strutture. Oggi sono molti i resort che hanno saputo rinnovare la loro offerta di hospitality e altri cercano di adeguarsi. Allo stesso tempo anche i bed & breakfast e le ville private in affitto abbinano alla bellezza delle location una migliore attenzione a quei particolari che fanno la differenza. Oggi una vacanza a Watamu può essere confrontata con quelle di località di mare in altre popolari destinazioni internazionali.

ROVINE DI GEDE: Una delle escursioni classiche di Watamu, per chi vuole conoscere la storia della costa swahili. Gede è stata una cittadella araba fino al 1400 circa quando venne distrutta. Entrando nel museo si può tornare indietro all’età dei fiorenti commerci via mare e della schiavitù, aggirandosi tra quel resta delle strutture architettoniche di allora, tra enormi baobab, ficus africani e scimmie abituate ad interagire con l’uomo.

SHORT BEACH: La spiaggia più remota di Watamu, all’imbocco del Mida Creek e di fronte alla penisola di Matsangoni. Una piccolissima insenatura sabbiosa tra le rocce, spesso riparata dal vento, dove godersi la pace che durante l’alta stagione è più difficile trovare in altre spiagge più affollate.

TIMBONI: Da piccolo villaggio alle porte di Watamu, in pochi anni Timboni è diventato la parte commerciale della cittadina, dove si possono trovare articoli meno turistici ma spesso cose utili, oltre che materiale per la casa e il lavoro e botteghe di artigiani, oltre al mercato della frutta e verdura e ristorantini e pub locali.

UNICA: Nessuna meta turistica al mondo può essere paragonata a Watamu: quale località può vantare spiagge bianche e mare cristallino e allo stesso tempo essere a poco più di un’ora dalla savana, in un parco nazionale pieno di animali selvatici?

VACANZA: Molti scelgono Watamu pensando che sia la classica meta di vacanze dove trascorrere una settimana nel villaggio turistico prescelto, godendosi il mare e non spingendosi più in là del proprio naso. Basta invece uscire e farsi trasportare dalla curiosità, per capire quanto le atmosfere africane della costa keniana siano affascinanti e così diverse, nei loro contrasti e paradossi, da quelle di tante altre destinazioni vacanziere.

WATAMU BAY: La spiaggia della cittadina più vicina all’antico villaggio di pescatori, dove ancora alla mattina si esce con i catamarani e si tirano le reti. E’ la più frequentata dalla popolazione locale e sono nati ultimamente anche locali che si affacciano sulla baia.

ZANZARE: A differenza di altre località della costa keniana, a Watamu grazie alla brezza sempre presente e allo iodio, le zanzare sono meno invadenti. Ma si raccomanda sempre di prendere le dovute precauzioni. Zanzariere nel letto e un antizanzare se si esce la sera.

TAGS: vacanzawatamuturismo

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Tra le tante opere e infrastrutture che il Ministero del Turismo ha chiesto al Governo di ultimare, per migliorare la ricettività e i servizi delle località della costa keniota, c'è anche la strada asfaltata costiera che collegherebbe Malindi a Watamu.
In...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ morto questa mattina all’ospedale Tawfiq di Malindi, dopo una breve battaglia contro il Covid-19 e relative...

LEGGI L'ARTICOLO

Le conferme arrivano dal Ministero del Turismo, è caccia ai biglietti dei voli per il Kenya, dal prossimo mese di agosto fino almeno a metà settembre.
Il Kenya "tira" e i motivi sono molteplici: ....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una vetrina speciale per Malindi, Watamu e le attività che si sono promosse tramite il magazine "What's best in Kilifi County".
Durante la settimana delle imprese italiane in Kenya, che si sono messe in mostra al Village Market di Nairobi,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono state tolte nei giorni scorsi le indicazioni di deviazione, il primo tratto (2km) della strada che collega Casuarina al villaggio di pescatori di Mayungu, è definitivamente transitabile 24 ore su 24.
Il progetto, che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il problema dei beach-boys che tampinano i turisti sulle spiagge del Kenya potrebbe finalmente essere risolto in vista della prossima stagione.
E' uno dei punti toccati dal Ministro del Turismo Najib Balala a margine ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo Najib Balala ha annunciato una nuova iniziativa per rilanciare il turismo, particolarmente sulla costa keniana, dove a suo dire molte strutture alberghiere sono ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la pubblicità positiva per il Kenya e il giornalismo che racconta e non cerca il dramma o il sensazionalismo per farsi cliccare a tutti i costi.
L'insediamento del Ministro del Turismo Najib Balala, la rinnovata politica degli incentive e...

LEGGI TUTTO

In tempi di chiusure da parte dell’Europa nei confronti del turismo nelle destinazioni africane ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO

Dati confortanti per il turismo in Kenya, quelli relativi al 2018 trasmessi dal Ministero del Turismo nazionale.
Nell'anno appena trascorso l'afflusso dei viaggiatori stranieri ha fatto segnalare un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Watamu più di un centinaio di persone, guidate dalla Watamu Marine Association insieme con...

LEGGI L'ARTICOLO

"La priorità per i turisti che frequentano il Kenya è la sicurezza, senza ...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi, Watamu e la Contea di Kilifi si promuovono anche quest’anno con il magazine in inglese ''What’s Best in Kilifi County’’.
E’ uscita in questi giorni.....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO