Ultime notizie

EDITORIALE

Avvertenze agli italiani "autocertificati" in Kenya

Riuscire ad arrivare non significa diventare immuni

21-12-2020 di Freddie del Curatolo

La “trovata” dell’autocertificazione di variazione temporanea del domicilio sta funzionando.
Questa regola non scritta ma accettata, ha spinto verso il Kenya molti italiani letteralmente in fuga dal loro Paese in cui ogni giorno cambiano le regole e che per Natale non promette grandi concessioni.
Le gabbie aeroportuali sono state aperte ed effettivamente sembra che nessuno, tra le istituzioni, abbia l’interesse a trattenere chi prima di oggi ha voluto mollare la nave prima che affondasse.
Ma si riuscirà a partire anche nei prossimi giorni, con qualche lasciapassare in più per recarsi all’aeroporto. D’altronde un cambio di domicilio internazionale mica è un trasferimento da comune a comune o da regione a regione, no?
Autocertificati con indirizzi nuovi, ma più o meno con le stesse idee (poche ma in compenso fisse, come diceva il Poeta) di sempre.
Ma anche le avvertenze di chi è riuscito a venire in Kenya pur non essendo residente sono ancora le stesse che vi avevamo lanciato qualche settimana fa: anche se la situazione qui non è tragica, se i keniani non muoiono come in Europa (l’età media conta, ricordatelo) non significa che non ci sia il Covid-19 e che voi non possiate essere i prescelti, specie perché arrivate da un altro clima e altro stress.
Quindi gioite del fatto che siete in Kenya in piena estate, ma rispettate comunque le buone usanze di contenimento del contagio, tanto più che qui sono anche passibili di multe salate e di inconvenienti (di lingua, di abitudini, di maniere) con le forze dell’ordine.
I keniani sono pe la stragrande maggioranza asintomatici, ma ogni qual volta siano stati fatti tamponi a caso, almeno il 40% è risultato positivo.
Ricordate anche che la sanità pubblica non ha grandi possibilità di curarvi e quella privata è molto cara. Un giorno in terapia intensiva con supporto d’ossigeno può arrivare a costare 500 euro.
In più le cliniche convenzionate con le assicurazioni sono poche e anche per questo potrebbero non avere posto nei reparti Covid-19.
Insomma, prendete pure l’aereo, fate la vostra bella autocertificazione semiseria, ma non prendete niente altro alla leggera.
Abbiamo notato a Malindi (è la mia cittadina d’adozione, lo sapete, ma anche la meta classica dell’italiano leggerino...) alcuni connazionali appena arrivati e tanto felici di vedere che la popolazione locale non rispetta quasi per nulla le regole Covid-19 e altrettanto serenamente spiega che qui non c’è mai stato un caso, che è tutta un’invenzione del Governo per ottenere fondi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e via dicendo.
Due presidi di altrettante scuole a Malindi e Kilifi, un beach boy di Watamu, due poliziotti di Contea, un infermiera, la sorella e il genero di un medico di Malindi non la pensavano così, ma non hanno potuto spiegare agli altri cosa succede a prendere il virus in forma grave. Perché ora non ci sono più.
Nessuno di loro aveva patologie pregresse.
Vi potrete godere le vacanze, il mare, la savana, le spiaggie, i villaggi e la loro umanità, anche stando in sicurezza e facendo capire ai locali che il vostro atteggiamento è una forma di rispetto e che se dall’altra parte non c’è lo stesso approccio, che ci sia almeno la distanza.
E buone vacanze, italiani autocertificati!

TAGS: autocertificazione kenyaturisti kenyaitaliani kenyanatale kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Canto di oggi, Natale 2020, non è un canto ma una poesia, magari filastroccata sottovoce

NATALE NELLO SLUM - Leggi la striscia del nostro Direttore

Il pagamento della cosiddetta "licenza turistica" per i non residenti in Kenya che sono possessori di una casa e ospitano altre persone, specie senza la loro presenza, andava...

LEGGI ARTICOLO E GUARDA QUI IL DOCUMENTO

Mezza Nairobi si è trasferita sulla costa keniana per le vacanze di Natale e di fine anno, unitamente a qualche migliaio di turisti europei, soprattutto italiani ed inglesi. Per questo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il giorno di Natale sulla costa del Kenya è sempre un po' speciale.
Il sogno delle feste al caldo attira migliaia di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora un po’ di pazienza per i turisti italiani che pensavano di poter rientrare in Italia dal Kenya con...

LEGGI L'ARTICOLO

Vigilia di Natale e Natale da vivere insieme con il cenone e un dopocena in riva al mare e a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche Malindi da qualche anno ha il suo mercatino di Natale.
Un appuntamento sempre pieno di sorprese, quello del Driftwood Club, che il penultimo sabato prima di Natale organizza il Christmas Craft Fair, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa si può desiderare di meglio che godersi le vacanze di Natale al caldo guardando l’Oceano Indiano?  
Il Natale del Kilili Baharini Resort, sulla spiaggia di Silversand a Malindi, quest’anno è davvero speciale e particolarmente dedicato ad accogliere...

LEGGI TUTTO

Chi crede che Santa Claus non frequenti l’Africa, magari per il caldo o per paura che le ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tutti alla Voile Rouge a festeggiare il Natale italiano, lunedì 23 dicembre, portando in dono manicaretti e qualcosa per ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Canto del Kenya per la vigilia di Natale è dedicato all’albero.
Uno...

L'ALBERO DEL NATALE DI SEMPRE - Leggi la striscia quotidiana del Direttore

Queste feste quasi terminate a cavallo tra un anno tremendo ed uno nuovo che speriamo porti novità ...

LEGGI L'ARTICOLO

Prosegue l'iniziativa degli italiani di Malindi e dintorni "Amatriciana solidale per i terremotati", i residenti e i villeggianti italiani in Kenya aiutano i connazionali colpiti dalla sciagura che ha toccato Lazio, Umbria e Marche.

LEGGI TUTTO

Nella splendida cornice del Sandies Tropical Village di Malindi, in riva all'Oceano Indiano sulla spiaggia di Silversand, si accendono le luci del Natale.
Sabato 1 dicembre, a partire dalle 19...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le vacanze degli italiani in Kenya durante le feste sono principalmente sinonimo di relax, di avventura e scoperta delle tante meraviglie del Paese africano. 
Chi si reca sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un cenone di Natale di classe e di cucina raffinatissima, quello in scena martedì 24 dicembre al Kilili Baharini...

LEGGI L'ARTICOLO