Ultime notizie

LUTTO

Il ricordo di Mama Sue, anima della Happy House di Watamu

Ci ha lasciato una donna davvero fantastica

30-07-2021 di Freddie del Curatolo

La scorsa settimana, per un attacco di cuore all’ospedale di Mombasa, dove era ricoverata da qualche giorno, è mancata all’improvviso una delle donne più energiche, coraggiose e dedite al prossimo che ho conosciuto nella mia storia keniana.
Incontrai per la prima volta Sue Hayward nel 2011, poco dopo l’apertura del suo sogno, la Happy House, un orfanotrofio a Watamu dove avrebbe potuto dedicarsi ai bambini senza genitori della zona e a quelli delle famiglie disagiate.
Mama Sue, come la chiamavano già tutti, non si era limitata ad acquistare un pezzo di terreno per costruire un luogo di attenzione e di crescita di tanti orfani locali, ma aveva aperto un asilo con le prime classi della scuola primaria ed in poco tempo la stava trasformando in un modello di educazione.
Tornavamo spesso a trovarla e le dedicammo anche un articolo che potete rileggere qui, ed ogni volta oltre ad una bella novità (dai computer, unica scuola di Watamu ad averli ed insegnarne l'uso ai bambini della primary school, al campo di calcio con una squadra ed un allenatore che noi stessi avevamo fatto istruire dalla nostra accademia sportiva) ma soprattutto delle storie incredibili di umanità e di grande sacrificio.
Ormai era conosciutissima non solo nella cittadina turistica e tutti sapevano che i neonati sarebbero cresciuti in un ambiente speciale, così gli stessi servizi sociali portavano a lei i casi disperati, come la piccola che tenemmo a battesimo, pochi giorni dopo che la portarono alla Happy House, che era stata raccolta in mezzo alle sterpaglie fuori da un villaggio, mentre i topi cercavano di rosicchiarla.
Questa era Sue, che non solo non sapeva dire di no, ma cercava di educare i bambini a diventare ragazzi responsabili e un giorno adulti che non avrebbero mai dovuto abbandonare un figlio in quelle condizioni.
La sua forza era anche Dave, il marito quasi sempre presente, quando non era in Inghilterra a raccogliere le donazioni. La coppia, lei di Blackpool e lui di Leeds, in patria aveva gestito per anni un hotel ed era molto conosciuta anche per le sue iniziative sociali, tanto da aver ricevuto anche diversi premi. Nel 2010 decisero di mollare tutto e trasferirsi in Kenya per dar vita a quello che per Sue era il naturale prolungamento della sua vita e della sua essenza.
Così la Happy House da un orfanotrofio modello in pochi anni è diventata una scuola fantastica, dove molte famiglie straniere, anche italiane, di Watamu iscrivevano i figli non solo perché l’educazione era pari se non superiore a quella delle migliori scuole private della zona, ma perché l’armonia multietnica e di inclusione sociale della “scuola felice” era davvero unica. La coppia, aiutata spesso da molti volontari, pagava insegnanti che fossero davvero preparati e Sue è sempre stata molto intransigente sui suoi collaboratori.
Complice una malattia che era riuscita a sconfiggere qualche anno fa, Sue è riuscita a creare una macchina di solidarietà ed istruzione quasi perfetta che oggi riuscirà ad andare avanti e speriamo a mantenere i suoi alti standard grazie allo staff, con la supervisione di Dave che ha voluto ricordare con un toccante video la figura della moglie.
“Il grande amore della mia vita – ha esordito – una donna fantastica, che è riuscita a fare quello che si era proposta e anche di più. Dal 2000, anno della prima vacanza a Watamu, visitando una scuola decrepita e vedendo bambini che contavano con le pietre e scrivevano con bastoncini sulla terra rossa, prese la decisione di aiutare i ragazzini più vulnerabili della zona e iniziò a raccogliere fondi e visitare ogni anno il Kenya. Ci innamorammo di questo posto e della sua gente, così quando decidemmo di andare in pensione, dieci anni fa, ci trasferimmo ed iniziammo a costruire la Happy House che grazie a Sue oggi è una delle migliori scuole di tutta la contea e ha delle eccellenze, come il laboratorio, un computer per ogni alunno e una biblioteca di 7000 volumi, che non hanno paragoni con altre strutture simili. Questo solo grazie a lei, alla sua forza e al suo amore per gli ultimi di Watamu, che è stato sempre ricambiato. Questo, nel dolore che provo, è l’unica certezza. Mama Sue sarà ricordata e vivrà in questi bambini e in quelli che l’hanno conosciuta”.
E vivrà anche nel nostro ricordo. Ha avuto la nostra stima, collaborazione e affetto e ce l’ha sempre restituita con gli interessi dei valori che ha profuso, di ciò che ha creato e del senso altissimo che ha voluto e saputo dare alla sua vita. Grazie Mama Sue. Un abbraccio a te, grande Dave. “Roccia”, “Rock” come ti chiamava lei.

TAGS: happy house watamusolidarietà watamu

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Si chiama Happy House, casa felice ed è la salvezza di tanti bambini di Watamu e dintorni senza...

LEGGI L'ARTICOLO

LISTA ATTIVITA' DI KILIFI, WATAMU E MALINDI CHE SI PROMUOVONO SU INTERNET (sui siti Booking.com, Airbnb o altri, o ancora con siti propri o pagine social)...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Entra nel vivo la stagione del Paparemo Beach di Watamu.
Lo splendido locale sull'Oceano Indiano nella baia delle sette isole (detta anche baia dell'amore) abbina alle giornate di mare con i lettini sulla spiaggia, l'elegante ristorante e il chiringuito bar,...

LEGGI TUTTO

Una domenica sera in "trasferta" a Watamu per Freddie e Sbringo, che propongono il peggio del loro...

LEGGI L'ARTICOLO

Tornano da questa settimana i giovedì sera del People Bar & Restaurant di Malindi. Nel locale del "cammello" in Lamu Road, dal mitico Eugenio, il giovedì sera ha sempre rappresentato la serata per ritrovarsi davanti a un buon bicchiere, stuzzicando...

LEGGI TUTTO

L'estate sta finendo (un anno se ne va, avrebbero cantato i Righeira...) ma a Malindi e Watamu ci sono ancora serate da passare insieme e in allegria, tra buffet, aperitivi, grigliate e musica. Ecco cosa succede in questo fine settimana.

Un San Valentino nel segno della classe e della bellezza femminile, quello che andrà...

LEGGI L'ARTICOLO

Watamu si promuove a Nairobi come destinazione turistica autonoma, con le sue particolarità e le sue strutture e attività.
Tutto questo avverrà da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre al 7th August Memorial Park di Nairobi, nel centro della capitale...

Malindi, Watamu e la Contea di Kilifi si promuovono anche quest’anno con il magazine in inglese ''What’s Best in Kilifi County’’.
E’ uscita in questi giorni.....

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Diamond Dream of Africa ha pensato a tutti i residenti di Malindi e dintorni.
Lo ha...

LEGGI L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

Metti un barman professionista nell'oasi più esclusiva di Watamu, due bicchieri su un tavolino che si affaccia nella baia sull'oceano dai colori mozzafiato.
Se poi sta per arrivare il tramonto, dopo una giornata di mare, sole ed allegria, il cocktail...

LEGGI TUTTO

"Là dove giace il mio cuore". Questo significa Bwaga Moyo in lingua kiswahili.
Ed è facile lasciare il cuore in questo curatissimo residence di recente costruzione a cinque minuti dalle bianche spiagge di Watamu, nella meravigliosa zona di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se a Watamu le notti tra musica e divertimento hanno la loro sede naturale al Come Back Club lo si deve soprattutto a un professionista italiano che quel locale lo ha voluto, lo ha visto ricostruire completamente e diventare il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tempo di programmare la propria vacanza o un soggiorno anche prolungato...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Se il Ministero del Turismo del Kenya vuole differenziare il marketing e la promozione di Malindi e Watamu, rendendole mete autonome e distinte, ci sarà un motivo. 

LEGGI TUTTO