Ultime notizie

L'ANGOLO DI FREDDIE

Quando gli italiani inventarono i beach boys in Kenya

Danni collaterali dei nostri connazionali in vacanza

26-11-2022 di Freddie del Curatolo

Li abbiamo creati noi.
Perchè non siamo solo un popolo di eroi, poeti e navigatori (in internet) ma anche di sceneggiatori di cinepanettoni, specie quando sul set ideale della nostra vita appare la vacanza.
Negli anni passati l’italiano ridens ha esportato in Paesi poveri ma bellissimi dove abbronzarsi d’inverno e respirare libertà dimenticate, non solo la sua debole moneta ma anche l’innato umorismo. Ma non solo, quella verve simpatica ma per niente didattica di italianizzare qualsiasi cosa, per renderla più familiare.
Così a Malindi e Watamu i “Beach Boys” li abbiamo creati noi.
Chi altri sarebbe stato in grado di trasformare Mohammed in Massimiliano? Chi di chiamare un ragazzetto superdotato “Toblerone”?
Che poi quei nomi se li cuciono addosso, diventano dei veri e propri “marchi di fabbrica”: così altri Charo diventeranno Carletto e fioriranno soprannomi come nei quartieri periferici di Roma: lì ci sono “Er Patata” e “Er Cicoria”, qui abbiamo “Bancomat” e “Prezzemolo”.
Non molto tempo fa, passeggiando davanti al White Elephant, mi si presenta un rasta piccoletto non più giovanissimo: “Piacere, sono Mestolo, l’ottavo nano”. Sorridendo alla battuta, giusto per non deluderlo, immaginando però il suo disappunto non vedendomi rotolare sulla sabbia dal ridere, gli ho chiesto come mai si chiamasse Mestolo.
La spiegazione (a quanto assicurato dal mzungu che gli ha consigliato di chiamarsi così) dovrebbe incuriosire le ragazze e fare tanta invidia ai maschietti.
Mestolo, comunque, alla fine calza a pennello anche per chi si è intristito nell’ascoltare le motivazioni. 
I nani vanno per la maggiore: oltre al buon Mestolo, che offre indifferentemente safari e conchiglie, ci sono anche Vongolo, che ha iniziato la carriera come venditore di molluschi e crostacei e Bombolo, che è grassottello e potrebbe far da spalla a Thomas Milian meglio dell’originale.
Poi ci sono i musicisti: a Watamu abbiamo Zucchero, Vascorossi e Ramazotti (rigorosamente con una sola Z), se chiedete di loro con i veri nomi, Kalume, Said e Festus, non li conoscono nemmeno più i loro compaesani.
I più fortunati sono quelli che sono stati ribattezzati così da veri geni del calembour, da artisti della battuta, in vacanza in Kenya per puro caso, tra una partecipazione a “La sai l’ultima” e un corso di accensione scorregge col fiammifero a Fregene.
Grazie a loro il buon Kitsao è diventato Schizzao, Kalama si è trasformato in Calamaro, Katana Nzaro viene contratto in Catanzaro.
Infine, siccome siamo un popolo di eroi, navigatori, cabarettisti e commissari tecnici, non potevano mancare i calciatori: a Malindi potete chiedere di Totti e Il Pupone, e vi stupirete che non si tratti della stessa persona, poi abbiamo Drogba (ex spacciatore di serie B?), Etò (ma non voleva essere l’ex campione camerunese dell’Inter, semplicemente un bergamasco lo aveva chiamato da lontano) e Gattuso, che è un barcaiolo che evidentemente non conosce l’originale a cui è ispirato il suo soprannome, altrimenti si sarebbe risentito parecchio con chi lo ha chiamato così la prima volta.
Per terminare la carrellata, non potevano mancare i politici. E anche qui, quando si presentano, tutti a sbellicarsi dalle risate! Fa davvero sganasciare, vedere un africano accoglierti su un isolotto assolato (che tutti chiamano come? “Sardegna 2” ovviamente…), tra l’azzurro cristallino del mare e un cielo blu intenso, nel silenzio impreziosito dalle onde che si infrangono sulla barriera corallina, “piacere, mi chiamo Salvini”. Potete immaginare il livello delle battute che si susseguono, da parte dei nostri connazionali in libera uscita sulla barchetta. “Ah, ecco…se eri Renzi non ti davo neanche cento scellini” oppure “Uè Salvini, ma tu sei nero...cosa fai, ti odi da solo?”. Se lo sapessero i nostri leader, che la cosa fa così ridere gli italiani, potrebbero pensare che funzioni anche all’incontrario, presentandosi in televisione con un “buongiorno italiani, mi chiamo Kazungu”. 
Ma in un Paese che per corruzione è ai livelli dell’Uganda e il cui Pil cresce meno di quello keniota, potrebbe anche essere frainteso.
No, non c’è bisogno di fare i brillanti a tutti i costi, di scervellarsi per trovare la battuta o il doppio senso.
Da un po’ di tempo a questa parte noi italiani siamo talmente bravi a far ridere tutti quando ci prendiamo sul serio, che non ne vale proprio la pena.
Il minimo che potevamo fare in vacanza era far crescere un popolo “da spiaggia”.
E ora, senza più turismo italiano?
Ciliegia tornerà ad essere Kienyeji?
Abramo riprenderà la sua vita da Ibrahim?
Va bene, il nome può essere un optional, quel che conta è la professionalità acquisita. Quindi, come dice la canzone, non chiamateli più “Beach Boys”, ma Beach Operators. Vi ringrazieranno sorridendo insieme a voi, predisponendo il pollicione ai selfie e gridando all’unisono: “ITALIA UNO!!!”.  

 

 

TAGS: turisti kenyabeach boys kenyaitaliani kenyaspiaggia kenyavacanze kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il problema dei beach-boys che tampinano i turisti sulle spiagge del Kenya potrebbe finalmente essere risolto in vista della prossima stagione.
E' uno dei punti toccati dal Ministro del Turismo Najib Balala a margine ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come tanti ragazzi di spiaggia tra Malindi e Watamu, anche Anthony Furaha ha un...

LEGGI L'ARTICOLO

“Malindi, Watamu paradisi terrestri, luoghi d’incontro e amori mai molesti. Forse una volta eravamo assediati, ma...

LEGGI L'ARTICOLO

"Presto prenderemo importanti misure per non permettere più che i beach boys...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il gran finale del cabaret in musica di Freddie e Sbringo questa sera al Baby Marrow è una parata con...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel panorama delle strutture che a Watamu si sono rilanciate e sono di nuovo attraenti, c'è da segnalare Il Sun Palm Beach Resort.
La nuova gestione VRclub che dalla scorsa stagione ha rilevato il resort, ha aperto le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non esiste la bassa stagione per Papa Remo Beach.
Il locale di Watamu non ha mai...

LEGGI TUTTO

Sarà che è un periodo in cui l'idea della schedatura è tornata di moda, ma in questo caso si tratta di trovare una soluzione a un problema che limita il benessere dei turisti in vacanza sulle spiagge di Watamu e Malindi.
I...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Rosada Beach riapre il suo caratteristico buffet per l'alta stagione nei venerdì disco lounge...

LEGGI L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

Osteria Beach è il ristorante con servizio spiaggia e lettini del marchio "Osteria".
Aperto nel

LEGGI TUTTA LA SCHEDA

In Kenya le demolizioni arrivano improvvisamente, ma c'è quasi sempre un perché, ovvero un "via libera" della Corte o degli Enti preposti.
Così sembrerebbe essere stato per lo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il “Festival di Sardegna Due” è arrivato al giro di boa, continuando ad esplorare sorridendo alcuni...

LEGGI L'ARTICOLO

Non solo domenica, ma anche Pasqua 2022. L'Osteria Beach di Malindi festeggia la ricorrenza...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni anno, Rosada Beach saluta la stagione turistica di Malindi.
Oggi lo storico bar ristorante e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La stagione di Rosada Beach è ripartita alla grande nel locale rinnovato e pronto a stupire, riprende la...

LEGGI L'ARTICOLO