Ultime notizie

EDITORIALE

Quella stampa che (in ritardo) non si capacita della Malindi italiana

Riflessioni dopo l'ultimo articolo della BBC su "Little Italy"

10-03-2021 di Freddie del Curatolo

Periodicamente sui media non solo keniani, vengono pubblicati reportage, diari o servizi di giornalisti, blogger o influencer che “scoprono” la Malindi italiana. Avviene ormai da 40 anni ed io, ogni volta, li leggo, li archivio e spesso li commento. Quando ne ho la possibilità contatto anche l'autore e la testata per confrontarmi e capire da dove nascano certe considerazioni a volte affrettate, spesso superficiali e qualche volta anche campate in aria.
L’ultimo della serie (ormai in palese ritardo) è un articolo della BBC che racconta, come se lo si dovesse mettere a nudo per la prima volta, la “colonizzazione turistica” della cittadina appoggiata alle rive dell’Oceano Indiano del Kenya. 
Anche in questo caso, come è avvenuto per altri articoli, alla sorpresa e al piacere del buon cibo (perché agli occhi degli stranieri fare la pappa buona è sempre il nostro maggior pregio) si affianca un tono negativo: dapprima maliziosamente ci si chiede come mai da così tanto tempo gli italiani frequentino Malindi, tanto che ormai generazioni di keniani da quelle parti parlino fluentemente la lingua di Dante Alighieri, le attività abbiano nomi italiani e si trovino prodotti e abitudini della nostra Terra, poi si menziona il fatto che gli italiani qui godano di una sorta di immunità (seh, una volta magari...) e il cronista africano vive tutto questo come una sorta di razzismo turistico, tanto che ne suo articolo si sente quasi minacciato da una folla di italiani anziani che gli si parano davanti in un ristorante, proteggendo i loro posti prenotati.
Ho provato ad immaginare la scena di terribili vecchietti che digrignano le dentiere e sollevano le forchette, tanto che il malcapitato giovanotto di colore è costretto a scappare e cercare rifugio in una friggitoria locale.
Non è tanto che chi vive qui non sia abituato a queste discese nei bassifondi dei luoghi comuni, quanto che dopo 50 anni di “Malinditaly” se c’è proprio un periodo in cui non si può dire che la stiamo lottizzando e lobbyzzando è proprio questo. Nello scorso numero del prestigioso periodico "Africa Rivista", ho appunto scritto della lenta scomparsa della Malindi nostrana, a vantaggio di una cittadina in cui l'integrazione la fa da padrona ed in cui mi auguro che la nostra annosa presenza possa diventare sinonimo di valore aggiunto, di un'eccellenza in più che il Kenya può vantare.
Basta fare un giro nei migliori ristoranti e hotel per vedere come anche l’hospitality all’italiana si sia adeguata alla nuova offerta turistica e al turismo locale, e di come l’integrazione con gli italiani sia da sempre molto più possibile ed evidente piuttosto che con tutte le altre nazionalità europee. E questo è un dato di fatto. Basterebbe quest’ultimo assunto per spiegare come mai sulle spiagge del Kenya esiste “Little Italy”, senza arrampicarsi sugli specchi dell’estradizione che ormai è possibile da anni grazie ad accordi bilaterali, del fatto che non è essere italiani che dà benefici in questo Paese, come in tutto il mondo, ma avere tanti soldi, ma soprattutto che in 50 anni grazie agli italiani a Malindi migliaia di ragazzi e ragazze di più generazioni hanno potuto studiare, lavorare, mantenere figli e famiglie, creare il loro mestiere e portare avanti la loro attività. Vi sono case in muratura, con tetti in cui non piove dentro, cittadini motorizzati e responsabilizzati anche grazie agli italiani.
Il razzismo, cari i miei bloggari vittimisti, è tutta un’altra cosa.

Per chi vuole leggere l'articolo della BBC, qui il link: https://www.bbc.com/news/world-africa-56284827?fbclid=IwAR3rzN8PWDjDkDmPh1QdEVtT3n1j8NbEp1tpwA5QJBrpjq-mJJIFX8eFPkg

TAGS: malindi italiamalindi turismoarticoli malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dopo la nota di 24 ore fa che dimezzava di fatto i collegamenti tra Turchia e Italia, il Governo di Ankara, per ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nessun cambiamento sostanziale negli spostamenti tra Italia e Kenya e viceversa nel nuovo DPCM...

LEGGI L'ARTICOLO

Jambojet, la compagnia low cost di Kenya Airways, ha preso in leasing un nuovo velivolo, un Bombardier da 78 posti, per poter servire all'occorrenza da Nairobi gli aeroporti di Malindi e Ukunda (Diani) senza creare disservizi come avvenuto durante le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ampliamento dell'aeroporto internazionale di Malindi segna un altro significativo passo in avanti verso il suo completo adeguamento.
Ieri Mohammed Swazuri, direttore della National Land Commission, l'Ente catastale del Kenya, ha dichiarato di aver compensato i proprietari di 25 acri di terreno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Giovedì prossimo, 15 ottobre, il Governo italiano confermerà gli effetti del nuovo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Della "tassa" annuale sulla casa di proprietà per non residenti in Kenya abbiamo già avuto modo di parlare ampiamente in questi spazi.
Abbiamo già spiegato perché secondo noi conviene pagarla e, a una settimana dalla scadenza del termine...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La multinazionale francese di articoli sportivi Decathlon è pronta a sbarcare in Kenya.
Aprirà il prossimo anno il suo primo retail shop a Nairobi, contando sullo sviluppo della capitale e della possibilità di raggiungere tutto il Paese tramite il negozio online (già...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO