Ambiente

ECOSISTEMI

Il Kenya vuole salvare le sue foreste

Governo all'attacco contro invasioni e disboscamento

21-10-2023 di Leni Frau

Il governo keniota ha detto basta, o almeno questa è l’intenzione: le foreste del paese non possono più essere invase e saccheggiate, con disboscamento illegale e creando recinzioni, se non addirittura costruzioni abusive di cemento.

Dopo un’indicazione del presidente William Ruto che riguardava l’urbanizzazione della foresta di Mau nella Rift Valley, la più grande foresta montana indigena dell'Africa orientale e che ordinava l’immediato sgombero di chi vi si era insediato, la ministra dell’Ambiente, Soipan Tuya ha annunciato un’operazione di sicurezza non solo nella Mau Forest, ma in tutte gli altri ecosistemi forestali nazionali che sono a serio rischio di attività umane illecite. Per questo motivo, recentemente 23 dipendenti del Kenya Forest Service sono stati sollevati dal loro incarico.

Le più importanti foreste del Kenya, oltre alla già citata Mau, sono: la foresta di Kakamega, recentemente alle prese con saccheggi perché vi sono stati trovati giacimenti d’oro, la Arabuko-Sokoke nell’entroterra di Malindi e Watamu, ambita per legno e terre rare (con tentativi da parte di cinesi ed altri paesi orientali di “lottizzarla”), la foresta delle Cheranganyi Hills, quella di Loita nel Maasai Mara, la Ngong Forest fuori Nairobi, decimata dagli insediamenti umani, le Kayas, foreste sacre dell’etnia Mijikenda nella contea di Kilifi, che sarebbero patrimonio mondiale dell’Unesco ma di fatto sono invase da tempo da abitazioni e miniere, la foresta lavica di Otutu, sul lago Elmenteita, quella del cratere Menengai, la foresta di Ngangao sulle colline di Taita ed un’altra decina almeno minori.

Le foreste sono una delle grandi risorse dell'economia del Kenya, non solo polmoni verdi e “torri d’acqua”, ma anche un bene per l’agricoltura e, non ultimo, per il turismo. Eppure in meno di trent’anni si sono ridotte dal 25% per cento all’attuale 7,2 per cento del territorio del paese, ovvero 3 milioni circa di ettari.

Se la raccolta del legname fosse regolamentata, potrebbero anche restare fondamentali per fornire aiuto a chi vive nelle sue vicinanze, così come medicine naturali, piante edibili ed a mantenere un’elevata biodiversità animale. Senza contare le attività ecosostenibili che impiegano direttamente oltre 750 mila persone e indirettamente danno da vivere a 4 milioni di keniani.
Le foreste, oltretutto, com’è noto contribuiscono inoltre a mitigare i cambiamenti climatici nel Paese.

Le cinque foreste montane del Kenya (Complesso forestale di Mau, Monte Kenya, Aberdares, Monte Elgon e Cherangani), chiamate "torri d'acqua" per la loro capacità di immagazzinare acqua durante la stagione delle piogge e di rilasciarla lentamente durante i periodi di siccità, forniscono il 75% delle riserve di acqua dolce del Paese.

Il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) ha stimato che tra il 2000 e il 2010 oltre 28.000 ettari di foresta sono andati persi da queste torri d'acqua, con una conseguente riduzione della disponibilità idrica di circa 62 milioni di metri cubi all'anno, che significa non solo sopravvivenza ma anche mancanza di energia idroelettrica. I costi che ne sono derivati per l'economia del Kenya hanno superato di gran lunga i guadagni finanziari derivanti dalla silvicoltura e dal disboscamento nello stesso periodo.

Si calcola in almeno 68 milioni di dollari il danno economico ricevuto.
Tra i problemi delle foreste, c’è da segnalare anche quello degli ecosistemi di mangrovie sulla costa: si stima che tra il 1985 e il 2009 sia andato perso il 20% della copertura di mangrovie, soprattutto a causa dell'espansione incontrollata di strutture turistiche e speculazione sui terreni, dovuta alla mancanza di progetti che lo obblighino ad essere sostenibile.

TAGS: forestedisboscamentoecosistemimangrovielegna

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Una speciale carta d’identità per distinguere i pescatori kenioti autentici e in possesso di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Mida Creek è una delle particolarità che rendono una destinazione turistica rinomata in tutta l’Africa...

LEGGI E GUARDA IL VIDEO

Domenica 20 Settembre, Karibuni Onlus e tre Rotaract Club (Malindi, Watamu e Mombasa) hanno partecipato alla riforestazione della foresta di mangrovie di Mida Creek (Kenya). Il progetto è stato finanziato dal Rotaract Club di Cantù, grazie alla super attiva presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

Come annunciato in precedenza, oggi il Kenya si ferma per un'iniziativa che viene attuata...

LEGGI L'ARTICOLO

Liberare i laghi da una pianta infestante che limita la riproduzione dei pesci e allo stesso tempo creare...

LEGGI L'ARTICOLO

Il prossimo lunedì, 13 novembre, in Kenya per la prima volta sarà festa...

LEGGI L'ARTICOLO

Una domenica "fuori porta" da Malindi e Watamu, per esplorare in maniera unica, comoda e...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Olimpia Club di Malindi anche in tempi di restrizioni e di poco turismo non...

LEGGI L'ARTICOLO

I mercoledì del Tangeri Lounge proseguono tra aperitivi, cene speciali e dj set per...

LEGGI L'ARTICOLO

La costa del Kenya è piena di paradisi naturali. Si tratta specialmente di ecosistemi legati alle...

LEGGI L'ARTICOLO

Piantare le mangrovie, curarle e proteggerle tradizionalmente è un...

LEGGI L'ARTICOLO

Non c’è emergenza Covid-19 che tenga (per fortuna), la battaglia per la tutela dell’ambiente del Kenya va...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli animalisti del Monte Kenya chiamano tutti i residenti e le associazioni ambientaliste a difesa del rarissimo...

LEGGI L'ARTICOLO

Profumo di resina che brucia insieme alla legna.
E capanne rotonde, interamente coperte di foglie.
E poi bambini.
Bambini dappertutto che giocano intorno alle capanne,
e ridono e piangono e cantano battendo le mani.