Prodotti del territorio

PRODOTTI

Dragonfruit, frutto salutare e redditizio anche in Kenya

Sempre più richiesto per le sue proprietà e per il gusto

09-11-2021 di Leni Frau

Il Dragon Fruit o Pitaya è un frutto tropicale che  appartiene alla famiglia delle Cactacacee, come il fico d’India. Nonostante  sia originario del Centro e Sud America è oggi particolarmente diffuso in Asia e nei paesi tropicali dove vi è un clima adatto alla sua crescita, tra cui il Kenya. Il frutto colpisce subito per l’aspetto: ha una buccia color fucsia, molto spessa e dotata di grosse squame dalle punte verdi. La polpa è ha una consistenza cremosa ed è caratterizzata da una miriade di piccolissimi semi neri, un po’ come il kiwi e il sapore e molto gradevole, dolce e rinfrescante. Esistono quattro varietà di questo frutto:  tre sono di colore rosa con una polpa di colore diverso all'interno che può essere bianca, viola o rossa. La quarta è una varietà ibrida più piccola e più dolce con la buccia gialla e la polpa bianca ma quest’ultima è molto piu popolare nelle Filippine.
Anche in Kenya, dove c’e sempre maggiore interesse per il mangiare sano, la sua domanda è in aumento ma la produzione è ancora piuttosto limitata, tanto che viene venduto al dettaglio tra Ksh1.000 e Ksh2.000 al chilo
Il suo peso può variare dai 200 ai 600 grammi circa e si puó trovare nei reparti di frutta e verdura di negozi e supermercati anche della costa.
Questo frutto dall’aspetto particolare è un concentrato di vitamine, minerali, e fibre.
Si tratta di un frutto con forti capacità antiossidanti ed anti-age. Infatti, oltre alla vitamina C, è ricchissimo di betalaine, pigmenti naturali che donano colore ai fiori e si frutti, che hanno un notevole potere antiossidante e un’elevata capacità di rimozione dei radicali liberi.
Il frutto del drago fa bene anche al fegato grazie alle phytoalbumine che aiutano nella purificazione e disintossicazione di sangue e fegato perché aumentano l’escrezione di tossine e di metalli pesanti dal corpo; è inoltre, ricco di sali minerali, in particolare calcio e sodio e, in minor parte, di selenio, sinco e sagnesio
Pur essendo un frutto molto zuccherino, può essere mangiato anche da chi soffre di diabete, ovviamente senza esagerare nelle quantità ed evitando di mangiarlo da solo, magari abbinandolo a un po’ di yogurt o di frutta secca, oppure per fare degli ottimi e gustosi succhi e frullati.
Anche le altre parti della pianta possono essere utilizzate, ad esempio le radici e i fiori producono delle meravigliose tisane, mentre il gambo viene usato per fare il sapone da bagno.
La stagione del dragon fruit in Kenya va da novembre a maggio, con i mesi di gennaio, febbraio e marzo di punta.
Non ci resta che aspettare qualche mese per poterlo assaggiare.

TAGS: frutta kenyaprodotti kenyaalimenti kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Ministero del Commercio e dell’Industria del Kenya ha deciso la chiusura di tutti i negozi che vendono ...

LEGGI L'ARTICOLO

E' inutile negarlo, la frutta del Kenya rappresenta uno dei grandi piaceri di questa terra.
Non è facile infatti trovare in natura delizie del palato che siano anche benefiche per il nostro corpo e per l'organismo.
Ovviamente come tutte le...

Da una settimana in Kenya non si fa che parlare dell'aumento del prezzo della benzina deciso dal Governo del Kenya o, meglio, l'aumento a cui sono stati costretti i benzinai dopo la nuova tassa del 16 per cento su ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Viene chiamata semplicemente "mrangi", pittura colorata.
La pianta di...

LEGGI L'ARTICOLO

Sulle rive africane dell’Oceano Indiano da sempre abbinare il pesce alla frutta non è un azzardo, ma un piacevole contrasto.
D’altronde se la fauna ittica si abbina così bene al limone, perché non osare anche con frutto della passione, mango,...

LEGGI LA RICETTA

Il Kenya fa sul serio, pure troppo.
Avevamo anticipato che dal 2 aprile ci sarebbe stata...

LEGGI L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare della Zucca di Lare?
E dell'ortica della foresta di Mau?
Del pollo e del capretto di Molo, del sale rosso del fiume Nzoia, il miele di Ogiek e lo yogurt del West Pokot fatto con la...

LEGGI TUTTO

Come ogni primo sabato del mese (ma per questo mese, complice la Pasqua, si fa un'eccezione), torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
 

LEGGI TUTTO

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il chutney è una tipica salsa agrodolce inglese che viene fatta con la frutta o con i pomodori verdi. E' ottima come salsa per insaporire cibi di carne e di pesce.
I britannici la portarono in Kenya durante il colonialismo e...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Torna anche questo mese il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici...

LEGGI L'ARTICOLO

Se c'è una cosa che è sempre mancata sulla costa keniota dove le specialità italiane hanno creato un marchio inconfondibile, è il pane buono come nel Belpaese. Quello con la crosta croccante e la mollica gustosa e lievitata il giusto.LEGGI TUTTO

Come ogni primo sabato del mese, torna il tradizionale mercatino dell'artigianato e dei prodotti biologici e naturali al Driftwood Club di Malindi.
A marzo l'appuntamento è slittato di una settimana per la concomitanza del festival della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se c’è un nome a Mombasa per definire il Made in Italy e la sua cucina di qualità, questo nome è certamente “Roberto’s”.
Quest’anno il...

LEGGI L'ARTICOLO