Editoriali

EDITORIALE

Il Kenya tutto scavi e buche prima delle piogge

Ogni anno scatta la corsa ad evitare allagamenti

19-03-2022 di Freddie del Curatolo

Chi conosce il Kenya e lo ha girato un po’, soffermandosi sui particolari della ciclicità di certe predisposizioni umane e sociali, sa bene che prima di ogni stagione delle grandi piogge, ai bordi delle strade di ogni cittadina ed in molti dossi e ponticelli delle vie anche sterrate, c’è un fermento di vanghe e carriole, se non di escavatori e trapani.
E’ la corsa contro il tempo ostile, che porterà allagamenti e inondazioni, che depositerà ettolitri d’acqua ai lati delle strade a schiena d’asino e trasformerà in piccoli Natron e Magadi quasi tutte le rotonde del paese. Nel mondo alla rovescia dei baobab e dei poveri con lo smartphone ultimo modello, questa è la tempesta prima della quiete. La pioggia è vista da molti come una salvezza, a tal punto che si accettano anche le strade allagate. La quiete prevede anche molta meno gente in giro, molte meno automobili e soprattutto motociclette, che in Kenya sono ormai più delle zanzare.
Tutto nella norma, solo non si riesce a capire perché molti dei lavori vengono rifatti ogni santa stagione, tra marzo ed aprile. Al di là dei tanti appalti affidati alla fantomatica "Ditta Penelope" che al mattino costruisce e nottetempo disfa, per poi ricominciare da capo, ci sono anche dislocamenti di operai specializzati che indossano perfino il caschetto e sembrano compenetrati nella loro missione.
Sono essi progetti complementari?
Sono miglioramenti di lavori fatti in precedenza?
Accorgimenti di qualcosa che ci si era dimenticati?
Oppure, semplicemente, c’è qualche fondo rimasto o stanziato in emergenza da utilizzare e prosciugare...più dell'acqua che arriverà?
A giudicare dall’ardimento e dalla perizia con cui molti di questi scavi e canalizzazioni vengono compiuti e seguiti, propenderemmo per l’ultima ipotesi.
Se regolarmente una buona parte di Nairobi viene chiusa in questo periodo, salvo aspettarsi sempre immagini di interi quartieri con auto galleggianti e baracche come vasche da bagno, vi sono anche riparazioni di buche, non sempre eseguite a regola d’arte ma a volte provvidenziali affinché non si formino innaturali piscine dove un tuk-tuk potrebbe tranquillamente affondare.
Anche Malindi in questi giorni è in subbuglio, con il “roundabout” trasformato per l’ennesima volta in un cantiere a cielo aperto, un polpo scavato da cui si diramano tentacoli di canali che dovrebbero portare al mare. A volte invece è l’oceano a risalire come un salmone. Chissà, con un po’ di culo, a sbagliare i progetti, potremmo avere un’autentica Venezia africana, altro che Lamu...o al limite una bella Malindi con la zona dei Navigli. A questo punto avrebbe senso per i nairobini chiamarla, come in effetti fanno da anni, “Little Milano”.

TAGS: kenya lavorikenya stradestagione piogge

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La stagione delle piogge è iniziata con una certa veemenza in Kenya, soprattutto per quel che riguarda le regioni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cosiddette "piccole piogge" di quest'anno assomigliano molto alle sorelle maggiori di maggio e giugno.
Le precipitazioni abbondanti e continuate di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La costa keniana ha vissuto un giorno e mezzo di straordinaria emergenza per piogge eccezionali sul ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo un mese di interruzione del traffico e deviazioni anche "selvagge" nel centro di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La disdicevole situazione della strada del lungomare di Malindi potrebbe risolversi nelle...

LEGGI L'ARTICOLO

Lo chiamavano il "Lago di Timboni", parafrasando quello leggendario di Tiberiade dove qualcuno...

LEGGI L'ARTICOLO

Da due giorni la costa keniana sta assistendo al cambio di vento, con raffiche anche forti che hanno ridotto l'attività di pesca e messo in allarme il Kenya Wildlife Service. Niente di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo keniano è salito a 4 miliardi e 200 milioni di scellini di finanziamenti per le strade della costa del Kenya.
Annunciando i...

LEGGI L'ARTICOLO

Il cambio climatico globale in Kenya sembra aver operato uno “scambio” di ruoli tra stagione delle...

LEGGI L'ARTICOLO

I lavori di riqualificazione delle strade di Malindi che abbisognavano urgentemente di riparazione...

LEGGI L'ARTICOLO

Passata la Pasqua, il Kenya attende la stagione delle piogge, di cui il Nord del Paese ha avuto un assaggio nelle scorse settimane e che in savana hanno già rinfrescato, ma lungo i fiumi Tana e Galana hanno causato anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo quasi tre mesi di stop per via del lockdown delle contee e dell’emergenza pandemia, riprendono ...

LEGGI L'ARTICOLO

Procedono e neanche tanto "pole pole" i lavori di asfaltatura della strada per lo Tsavo che parte da Malindi e arriva al Sala Gate, ovvero l'ingresso più a sud del grande Parco Nazionale dello Tsavo Est, meta di migliaia di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il progetto per asfaltare le strade interne di Malindi, o meglio pavimentarle con il collaudato sistema dei blocchetti di cemento, meno soggetti a deterioramento e a buche, prosegue anche durante la stagione delle piogge con

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non solo strade: a Malindi ieri è stato inaugurato anche l'edificio che ospita il nuovo "mercato vecchio" nel ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

A Malindi e sulla costa keniana le piogge sono attese come una manna dal cielo. La siccità ha fatto danni estremi, alla terra e agli allevamenti.
Sono già morti capi di bestiame e molte piante si sono ridotte a rami...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO