Reportage

REPORTAGE

Cultiva, nella Nairobi che non accetta i nonluoghi

Primo dei nostri servizi nei locali creativi e sostenibili

29-09-2021 di Freddie del Curatolo

Nella Nairobi che cresce, che non si affligge né deprime nelle tante discrepanze e aberrazioni di una metropoli africana nell’era moderna, sono tanti gli esempi della voglia di dare un senso di sostenibilità al proprio talento e alla creatività con approccio professionale.
Sostenibilità, parola spesso abusata, nelle varie anime della capitale del Kenya è un concetto tangibile che può fare bella mostra di sé ed avere successo anche di fianco ai colossi dell’investimento sicuro, del cemento a perdita d’occhio, dei “nonluoghi” come li chiama l’antropologo Marc Augé, con investimenti anche minimi.
Nonluogo poco sostenibile è il dispendioso centro commerciale, che si pone come unica deriva per la classe emergente e galleggiante dei keniani di città, nonluogo del tutto insostenibile è lo slum, che rappresenta il polo opposto ma che allo stesso tempo è la più facile, comoda deriva per gli sconfitti, la microcriminalità e le mafie che ci lucrano sopra e poi si ritrovano a goderne nel centro commerciale.
C’è una Nairobi che resiste come naturale, vitale forma di reazione: è quella che convive con la fortuna di avere ancora spazi immensi di verde, terreni fertili da coltivare anche nelle aree urbane, tanti giovani da coinvolgere ed un potenziale pubblico multietnico da trasformare in clientela.
A noi del portale degli italiani in Kenya piace scoprire posti, situazioni e personaggi che vanno in questa direzione positiva, propositiva e speriamo futuribile.
Oggi parliamo di Cultiva, una “greenhouse” nell’oasi verde di Karen, una delle zone di Nairobi più legate alla creatività e al concetto di farm.
In un terreno che fino a pochi anni fa ospitava unicamente serre e capannoni, un gruppo di giovani capitanati da un giovane e promettente chef dell’Equador, Ariel Moscardi e supportati da Peter Sylvester, keniano di origini britanniche che ha messo a disposizione gli spazi, è nato qualcosa di più di un ristorante e di molto simile ad una filosofia di vita.
Dagli orti arrivano in tavola verdure, odori e persino fiori edibili e tra cucina e laboratori a vista vengono prodotti artigianalmente quasi tutti i cibi del menu, con l’aggiunta di pesce fresco per la famosa “ceviche” sudamericana e mozzarelle di bufala d’importazione.
Grande attenzione alla presentazione dei piatti, a cocktail anche analcolici fantasiosi, al vino organico e tanti altri piaceri in un ambiente che già di per sé ti fa stare bene.
Tutto quel che potremmo raccontare d’altro, è ben descritto qui sotto nel nostro videoservizio.
 

 

FOTO GALLERY
TAGS: cultiva kenyaristoranti nairobisostenibilità kenyakaren nairobi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Essere donna italiana in Kenya, settant’anni dopo “La mia Africa” di Karen Blixen.
L’edizione italiana della rivista Elle di marzo, ha scelto tre donne che vivono l’Africa con la personalità e lo stile che contraddistingueva la scrittrice danese.
Per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana dopo la riapertura con la nuova gestione by Fermento, lo storico ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

LIBRI KENYA

La mia Africa - Karen Blixen

Feltrinelli

di redazione

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Alla fine del secolo scorso, ovvero negli anni Ottanta e Novanta che avevano lanciato il Kenya come...

LEGGI L'ARTICOLO

Ogni giovedì c'è un aperitivo settimanale molto speciale al Karen Blixen Bar...

LEGGI L'ARTICOLO

Uno dei simboli della Malindi turistica e dell'incontro quotidiano è pronto a riaprire i battenti ...

LEGGI L'ARTICOLO

L'outlet sportivo della multinazionale francese Decathlon ha aperto i battenti, come annunciato in esclusiva alcuni mesi fa da malindikenya.net, lo scorso sabato a Nairobi.
La prima...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni cittadina, ogni comunità ha i suoi ritrovi storici, simboli del piacere di frequentarsi ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ha scelto la festa del  primo maggio per riaprire Nairobi e le altre quattro contee attigue che erano in...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna quest’anno, dopo la cancellazione forzata dell’edizione 2020, il Magical...

LEGGI L'ARTICOLO

La filosofia come collante per un interscambio culturale tra Italia e Kenya. Questo l’interessante...

LEGGI L'ARTICOLO

Coprifuoco allungato di due ore non significa che i ristoranti possono chiudere due o più...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ stata una dieci giorni ricca di eventi ed incontri, quella a contorno delle celebrazioni per il settantasettesimo...

LEGGI L'ARTICOLO

La multinazionale francese di articoli sportivi Decathlon è pronta a sbarcare in Kenya.
Aprirà il prossimo anno il suo primo retail shop a Nairobi, contando sullo sviluppo della capitale e della possibilità di raggiungere tutto il Paese tramite il negozio online (già...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I bar del Kenya dovranno chiudere alle 19, mentre i ristoranti possono proseguire il loro lavoro fino alle 21...

LEGGI L'ARTICOLO

Il weekend alla Malindina è un’occasione per conoscere la cucina di classe di uno degli chef...

LEGGI L'ARTICOLO