Reportage

REPORTAGE

Vacanze a Diani, spiaggia fantastica e non solo

Tra turismo che cambia e che diserta, è ancora bellezza

25-08-2021 di Freddie del Curatolo

Nell’agosto in cui al Kenya sono venuti a mancare moltissimi turisti internazionali, in cui le scuole nazionali sono rimaste aperte e hanno frustrato i sogni vacanzieri di migliaia di famiglie e in cui la crisi economica ha bloccato molti altri residenti, la spiaggia più amata dai keniani è riuscita comunque a tenere botta e regalare alle sue attività turistiche un sospiro di sollievo in attesa di tempi migliori.
Certo, l’atmosfera non è paragonabile a quella degli scorsi anni, fino a quel disgraziato marzo 2020, né l’afflusso di turisti è simile a quello delle scorse ferie di Natale e Capodanno, ma passeggiando per la spiaggia e assaporando temperature non proprio estive, si possono comunque apprezzare momenti di relax, divertimento e tanto sport da parte di una varia umanità che comprende keniani, indiani, tanti ospiti dell’est europa e qualche europeo della comunità, soprattutto francesi e spagnoli. Sulla bianca distesa davanti all’oceano che più azzurro di così sarebbe finto, gli adepti del kitesurf si prendono la scena e si può notare come nel corso degli anni siano aumentati gli istruttori locali di questo sport appassionante per chi lo pratica e piacevole da vedere, ancorché totalmente ecologico. Purtroppo accanto alle volute virtuose dei “kiters” sfilano a distanze dalla riva che sarebbero vietate le moto ad acqua che inquinano e soprattutto costituiscono una seria minaccia per specie rare di pesci e per le tartarughe marine.
E’ una pratica che piace molto ai keniani e la lunga striscia di mare calmo tra la riva e la barriera corallina di Diani è una pista ideale per i motoristi che vivono così il mondo acquatico. Non c’è controllo da parte delle autorità e i noleggi di skyjet si sono moltiplicati e prosperano felici.
Lungo i chilometri e chilometri di spiaggia ci sono anche tante diverse situazioni per il piacere del cibo e per bere un drink. Si va dallo storico Nomad, con i suoi divanetti vista mare tra le fantasie ondulari create da quel geniaccio italiano di Mario Scianna e una cucina internazionale che privilegia il pescato fresco e un’invidiabile cantina di vini, alla cooperativa dei pescatori e il loro ristorante Mwaepe, dove il polpo che viene pescato a chilometro zero e sbattuto sulla spiaggia davanti agli occhi degli avventori, finisce sulla griglia insieme al frutto del lavoro di membri delle stesse famiglie che te lo cucinano e te lo servono in tavola, accompagnato da riso al cocco e kachumbari, la tipica insalata keniana. Vi sono anche altre proposte ma come anche a Watamu e Nyali, impera un nuovo tipo di turismo, accentuato dalla pandemia, quello delle case private con piscina dove gruppi di amici, famiglie e comitive di giovani trascorrono gran parte della loro vacanza, in completa privacy e libertà, senza coprifuoco e distanze sociali, etilometri e cani antidroga, al riparo da chi detta le regole e da chi può dire qualcosa. Cosa succeda in quelle alcove 2.0 si può facilmente intuire dai video che spopolano su social come TicToc e Instagram. Musica “bumbum”, alcool a fiumi e voglia di evadere.
L’unico modo per farlo, paradossalmente, sembra quello di rinchiudersi in una prigione dorata.
Peccato perché ci sarebbero tante cose da fare a Diani e dintorni: dalle nuotate con i delfini al largo di Shimoni, alle passeggiate nei giardini di corallo assaggiando i granchi più buoni del mondo nell’isola di Wasini, dalle pagaiate sulle canoe tradizionali dell’isola di Funzi tra le incantate foreste marine delle salvifiche mangrovie all’immersione nel paradiso naturale delle Shimba Hills, tra cascate, punti panoramici e animali selvaggi, dalla visita al centro che salvaguarda gli splendidi colobi alla foresta sacra della tribù Digo, Kaya Kinondo, tra piante curative e leggende locali.
La speranza è che quando si tornerà a viaggiare con meno restrizioni possibili, molte di queste attrazioni siano ancora a disposizione e che ci sia sempre una buona parte di viaggiatori che le vogliano cercare e le sappiano apprezzare.

TAGS: diani kenyavacanze kenyaspiaggia kenyareportage kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Diani è stato il primo luogo di villeggiatura degli inglesi all’inizio del Novecento. Marittimi e avventurieri, coloni e commercianti, scoprivano la natura e il mare a soli 25 chilometri da Mombasa, dove lavoravano e progettavano il loro East Africa, unendo...

LEGGI TUTTO

Un deciso stop alla costruzione di Palm Exotjca, l’ambizioso grattacielo di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le mini-vacanze di Pasqua in Kenya hanno espresso un verdetto inoppugnabile: il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno il Maasai Mara è la migliore riserva di tutto il Continente africano, e Diani Beach la migliore spiaggia.
Questo è emerso dalle premiazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Suggestivo, di supporto al turismo e salvifico per il traffico di Mombasa, ancorché difficile da realizzare.
Il progetto di una ferrovia che unisca le cittadine turistiche di Diani e Malindi esiste e fa parte del primo manifesto elettorale, nella sezione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Prefetto della Contea di Kwale (Ukunda, Diani), ha reso noto che in vista delle prossime festività, il Governo del Kenya ha deciso di vietare ai bambini, minori di 14 anni, di passeggiare sulla spiaggia dopo le sei di sera.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla faccia della Tanzania e di Zanzibar che hanno organizzato l'edizione 2016 degli World Tourism Awards per l'Africa. Il Kenya anche quest'anno si aggiudica il maggior numero di "oscar" del turismo, ben cinque, superando Sud Africa, Malawi e gli stessi...

LEGGI TUTTO

L'occasione per ritrovarsi e farsi i primi auguri di Natale a Malindi è data venerdì 23 dicembre dalla Festa della Luna della Voile Rouge, il ritrovo sulla spiaggia nel centro di Malindi creato da Armando e Lucia Cerato con Giulio...

LEGGI TUTTO

Feste di Natale 2019 da tutto esaurito sulla costa keniana, il comparto turistico sorride almeno per quanto riguarda ...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna a sorridere il mercato vacanziero sulla costa keniana, soprattutto per quanto riguarda inglesi e tedeschi, e la Condor aggiunge un charter in più da Monaco di Baviera, dopo quello da Francoforte e Dusseldorf.
Tolti i veti, ricevute assicurazioni dalle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Già qualche settimana fa avevamo segnalato la questione del dragaggio delle rive dell'oceano a Tiwi e Diani, trenta...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna la pubblicità positiva per il Kenya e il giornalismo che racconta e non cerca il dramma o il sensazionalismo per farsi cliccare a tutti i costi.
L'insediamento del Ministro del Turismo Najib Balala, la rinnovata politica degli incentive e...

LEGGI TUTTO

Molti hotel della costa sono pronti a riaprire le loro attività, in vista delle vacanze dei keniani che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel panorama delle strutture che a Watamu si sono rilanciate e sono di nuovo attraenti, c'è da segnalare Il Sun Palm Beach Resort.
La nuova gestione VRclub che dalla scorsa stagione ha rilevato il resort, ha aperto le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo sapevate che la tartaruga, come l’uomo, si riconosce perché ha un volto che...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO