Ultime notizie

LUTTO

Addio Ernesto, sereno "questore" di Malindi

Un saluto ad un connazionale che ci ha lasciato

05-04-2019 di Freddie del Curatolo

A Malindi siamo soliti darci dei soprannomi, come avviene ancora nei piccoli Paesi italiani senza tempo, quelli dove tutti si conoscono e dove ognuno, suo malgrado, diventa un personaggio magari a sua insaputa, solo perché frequenta i bar e si intrattiene qualche minuto in più del consentito a chiacchierare con tutti.
Abbiamo avuto un "Comandante", c'è un "Capitano", abbiamo "L'avvocaticchio" e "Il ragioniere", c'è "L'artista" e "Il filosofo", e tanti altri appellativi a volte scherzosi, a volte più autentici di un nome di battesimo. Non attingono solamente dalla professione del passato, da un'aspirazione o un modo di vivere: c'era anche il "Coca Cola" ed altri molto più coloriti. 
Ernesto Bramante era per chi lo conosceva, "Il questore". 
Niente di strano, dato che per una vita aveva servito il Paese nella Polizia di Stato, fino ad arrivare a una delle più alte cariche.
Ma a Malindi Ernesto era soprattutto Ernesto.
Una persona affabile, di poche e sensate parole, un uomo colto, misurato e soprattutto simpatico.
I napoletani solitamente sono personaggi solari, straripanti, a volte invadenti.
Ernesto in questo era meno napoletano di altri, la sua passione vesuviana la ritrovavi nel tifo per gli azzurri, di cui se possibile non si perdeva una partita, in un bar come al Casinò.
Con Ernesto si parlava di politica, di calcio, di Africa e di cose di tutti i giorni.
Ogni tanto raccontava della carriera che l'aveva portato a cambiare città come paia di scarpe, tra Roma, Torino, Imperia, Teramo e altre destinazioni.
Poi la scelta di una quasi stanzialità che lo ripagasse di tanto vagare.
Senza spocchia, con una tranquillità che abbinava le sue origini ai ritmi lenti del Kenya, Ernesto ti faceva capire che amava passare gran parte della sua vita a Malindi. Se c'era una festa, pur senza eccessi, lo trovavi nel mezzo del divertimento, come nella foto inviataci dal suo caro amico Aldo, durante una festa maasai. Le passeggiate in spiaggia, una cena da amici, i settantanni ormai superati portati con eleganza.
Se n'è andato due giorni fa, improvvisamente per un malore nella sua casa malindina.
Qualche giorno fa lo avevamo incontrato come sempre davanti a un caffè. Un sorriso, un saluto, l'aria serena di chi stava proprio bene.
Addio Questore, ti sia lieve la terra d'Africa.
Alla figlia Laura un abbraccio da malindikenya.net. 
Papà era forte.
 

TAGS: ernesto bramantelutto malindiitaliani kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

LIBRI KENYA

Sognavo L'Africa - Kuki Gallman

Mondadori

di Leni Frau

Kuki Gallmann aveva “una storia da raccontare”.
Questo romanzo è la sua storia.
Italiana, di Treviso, si trasferisce nel 1972 in Kenya con il secondo marito Paolo e il figlio Emanuele.
In un grandissimo ranch a Laikipia costruirà la sua nuova...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

E' il Kenya la nazione più colpita dal lutto internazionale dopo lo schianto al suolo del Boeing 737 MAX della...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro triste lutto coinvolge un connazionale che ha vissuto a Malindi.
La...

LEGGI L'ARTICOLO

Un grave lutto avvolge la comunità italiana di Malindi, ci ha lasciato uno dei decani della "colonia" italiana.
Il costruttore bresciano Renato Marini. Logorato da una lunga malattia, si è spento nella sua casa dietro il Galana Center, una delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche quest’anno volge al termine per gli italiani in Kenya, come per il resto del genere umano. Si è...

LEGGI L'ARTICOLO

Come quando abbandoni l’Africa, magari dolorosamente solo perché la vita ti porta altrove, l’Africa...

LEGGI L'ARTICOLO

Malindi è un'isola per ora felice, benché ormai nessuno può dirsi tranquillo in quasi nessun angolo di mondo, grazie a coloro che fomentano guerre di interessi mascherandole da dispute ideologiche o religiose.
Il Festival Multiculturale che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

Prosegue l'iniziativa degli italiani di Malindi e dintorni "Amatriciana solidale per i terremotati", i residenti e i villeggianti italiani in Kenya aiutano i connazionali colpiti dalla sciagura che ha toccato Lazio, Umbria e Marche.

LEGGI TUTTO

All’indomani della chiusura dello storico Driftwood Beach Club, hotel  e ritrovo non solo di residenti e turisti...

LEGGI L'EDITORIALE

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Un pranzo con musica per incontrarsi tra italiani in Kenya, organizzato da Comites, il Comitato degli Italiani all'Estero (organo consultativo dell'Ambasciata d'Italia in Kenya).

LEGGI TUTTO

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La sezione keniana del Comitato degli Italiani all'Estero (Co.Mi.Tes Kenya) si apre ancor più ai connazionali e per...

LEGGI L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO