Ultime notizie

NEWS

Assistenza sanitaria per residenti italiani all'estero, rivoluzione in vista

Proposta di legge presentata in parlamento: cosa prevede

25-03-2024 di redazione

Potrebbe esserci presto una rivoluzione nel diritto all’assistenza sanitaria statale per quanto riguarda i residenti italiani all’estero, quindi anche in Africa e in Kenya.
Una proposta di legge promossa dal partito di governo Fratelli d’Italia, già depositata presso la commissione Sanità e Affari sociali della Camera, potrebbe concedere il diritto alla copertura annuale, e non più quella temporanea, da parte del servizio sanitario nazionale, versando un contributo obbligatorio di 1500 euro all’anno.


Com’è noto, fino ad ora, nel momento in cui un cittadino italiano si registra all’Anagrafe dei connazionali residenti all’estero (AIRE), perde il diritto all’assistenza sanitaria nel paese d’origine secondo i criteri del SSN che garantisce l’estensione delle prestazioni sanitarie a tutta la popolazione, ma può essere curato, con l’iscrizione temporanea, per soli 90 giorni all'anno.
La proposta di legge presentata in parlamento darebbe la possibilità agli italiani residenti all’estero (ricordiamo che dal 1 gennaio 2024 per loro è obbligatoria l’iscrizione all’AIRE, pena una sanzione di 1000 euro all’anno) di mantenere diritto all’assistenza sanitaria esattamente come se vivessero ancora in Italia, con la differenza che verrebbe loro chiesto il contributo annuale, calcolato in base ai dati forniti dall’Istat riguardo alla metà del costo medio annuale per il trattamento di un paziente italiano, che si attesta appunto intorno ai tremila euro.


Questa proposta, se adottata, comporterebbe sicuramente un costo inferiore rispetto a quello richiesto agli stranieri in Italia per periodi superiori a tre mesi che, in base all’ultima legge di bilancio varata dal governo Meloni, è aumentata da 387 a 2 mila euro annui.
L’iniziativa, promossa dall’onorevole Antonio Di Giuseppe di FdI, è stata valutata con estremo interesse da parte del governo, poiché potrebbe incentivare la registrazione dei cittadini italiani all’estero presso l’Agenzia delle Entrate per ottenere la tessera sanitaria e accedere alle cure senza oneri fiscali aggiuntivi.


Si calcola che se tutti i 6 milioni di italiani residenti all’estero aderissero alla proposta, lo Stato incasserebbe quasi 9 miliardi di euro all’anno, una significativa fonte di entrate per il governo.
L’idea di Di Giuseppe rientra negli sforzi del governo per far registrare all’AIRE tutti i cittadini italiani residenti all’estero. Molti di loro infatti non lo hanno mai fatto per paura di perdere il diritto all’assistenza sanitaria in Italia.

TAGS: assistenzasanitàservizioAIREresidenti

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Per chi vive e lavora in Kenya, viene assunto da dipendente o vi si è stabilito come pensionato, c’è...

LEGGI L'ARTICOLO

Da quest'anno anche chi trascorre buona parte dell'anno in Kenya ma non è residente iscritto all'Associazione Italiana Residenti all'Estero (AIRE) può votare al prossimo Referendum costituzionale italiano dal suo luogo di villeggiatura, purché stia trascorrendo un periodo di soggiorno superiore ai...

LEGGI TUTTO

Di seguito trasmettiamo le informazioni relative all'assistenza sanitaria in Italia per i residenti all'estero iscritti all'AIRE (Associazione Italiana Residenti all'Estero) e le informazioni relative alla mancanza di copertura sanitaria garantita per chi transita o soggiorna in Kenya.
A cura del...

LEGGI LE INFO ALL'INTERO CLICCANDO QUI

E' ufficiale: Malindi ha un nuovo Console Onorario Italiano. 
E' Ivan Del Prete, 43 anni, connazionale residente a Malindi dal 1997 e già da tempo attivo volontariamente nel garantire la sicurezza ai nostri connazionali a Malindi, Watamu e Mambrui. 

LEGGI TUTTO

Aumentano le sanzioni per gli italiani che vivono all’estero, quindi anche in Kenya, e non si iscrivono...

LEGGI L'ARTICOLO

Il prossimo 17 aprile 2016 si terrà il referendum abrogativo della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano "la durata della vita utile del...

Come abbiamo già scritto in precedenza, dal 1 gennaio 2024, per chi vive all’estero (quindi anche...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Ambasciata d'Italia in Kenya invitia i connazionali residenti in Kenya e iscritti all'AIRE che non ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dati incoraggianti quelli di Lunedì 22 giugno,  sono “solo” 59 i positivi su 2.354 test effettuati nelle...

LEGGI L'ARTICOLO

Finalmente, grazie agli italiani e specialmente ai residenti che lavorano nel settore turistico, Watamu...

LEGGI L'ARTICOLO

I residenti italiani in Kenya iscritti all’AIRE hanno ancora una settimana a disposizione per votare...

LEGGI L'ARTICOLO

Psicologia da espatrio: è nato un nuovo servizio online dedicato al benessere degli italiani residenti all'estero, anche per periodi relativamente brevi.
Si chiama...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi decide di trasferirsi in Kenya lo può fare da turista, ma in questo caso deve uscire dal Paese ogni sei mesi (dimenticate i ...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Riconoscimento del vaccino eseguito all’estero e Green Pass per i residenti iscritti all’AIRE ma anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche per il Senato, come per la Camera, gli italiani residenti nel continente africano hanno la possibilità...

LEGGI L'ARTICOLO

Torna la voglia di pensare ad un trasferimento definitivo in Kenya.
Prima la pandemia, poi...

LEGGI L'ARTICOLO