Ultime notizie

STORIE

Celina e le keniane che muoiono in Arabia

Tornato a Malindi il corpo di un'altra ragazza uccisa

16-06-2022 di Freddie del Curatolo

Sono specialmente ragazze, vengono allettate da guadagni ben superiori a quelli offerti sulla costa del Kenya, specialmente negli ultimi anni in cui, giocoforza, il turismo non riesce più a dare da vivere come una volta. Spesso sono reclutate da persone di origine araba che vivono in Kenya o lo frequentano per vie di parentele. Mombasa, Malindi, Kwale le destinazioni di partenza, quella finale è l’Arabia Saudita.
Per alcune si tratta davvero, terribilmente, di “destinazione finale”.
Come nel caso di Celina Kazungu, la ragazza originaria di Kakoneni, alle porte di Malindi sulla strada dello Tsavo, che è stata assunta come collaboratrice domestica in Arabia Saudita e che non è più tornata a casa, se non nei giorni scorsi in una bara, per avere almeno degna sepoltura da parte dei parenti che non sapranno mai come e perché sia morta improvvisamente e prematuramente, a soli 22 anni.
La storia di Celina, raccontata dal quotidiano The Star, è quella di tante ragazze (ma anche giovani uomini) che finiscono gli studi superiori e non trovano lavoro o, come nel caso della collaboratrice domestica scomparsa, non riescono a completarli per mancanza di soldi. Il costo della vita in continuo aumento e le tentazioni della società moderna, che hanno raggiunto anche le aree rurali, fanno il resto. I keniani magari non guardano all’Europa come altri cittadini africani e non hanno motivi legati a guerre o conflitti sociali e religiosi per emigrare altrove, ma quando la proposta di lavoro sembra buona, a sole 5 ore di aereo dal Kenya, la tentazione è forte.
Così si arrabattano con lavori occasionali e con l’aiuto delle collette (harambee) dei parenti al villaggio, racimolano i soldi per fare il passaporto e partono.

Ma spesso le condizioni di lavoro sono tremende e la paga non è quella prospettata, il passaporto viene ritirato e le ragazze particolarmente subiscono violenze se non molestie pesanti da parte dei datori di lavoro. In pratica, schiave senza possibilità di cambiare il proprio destino, come 200 anni fa.
Chi si ribella, il destino ce lo ha segnato.
Forse è stato il caso di Celina, che sembrerebbe, da testimonianze raccolte dal Governo del Kenya, essere stata accoltellata, mentre in un primo tempo la famiglia che l’aveva alle dipendenze aveva parlato di incidente domestico.
La ragazza sarebbe morta in ospedale, ma nessuno è riuscito né a parlare con i dottori né ad avere un referto.
La verità non si saprà mai, né i poveri genitori a Kakoneni avranno mai il denaro sufficiente a iniziare un’investigazione e intentare una causa.
Tutto ciò che hanno chiesto è di poterle dare una degna sepoltura.ù
Ci sono voluti ben 3 mesi perché il corpo di Celina Kazungu tornasse a casa.
Ad aprile, poco dopo di lei, un’altra ragazza del nord, Miriam Kemunto, era stata trovata morta nella casa in cui lavorava, con segni di torture inflitte sul suo corpo. Stessa sorte toccata a maggio Beatrice Wanjiru, tornata a casa con il collo spezzato e ferite sulle gambe.
Dal 2019 al 2021 sono stati 89 i lavoratori keniani morti in Arabia Saudita, anche se non tutti uccisi, alcuni sono letteralmente morti di fatica o di attacchi cardiaci, anche per le condizioni climatiche stremanti, con temperature fino a 50 gradi. L’assemblea nazionale del Kenya e il parlamentare ed ex sindacalista Wilson Sossion hanno fatto appello al Ministero del Lavoro per fare luce su queste vicende e rivolgersi ai tribunali dei diritti dell’uomo. Voci che fino ad ora sembrano inascoltate. Nel 2013 le violenze a due domestiche keniane in Libano, documentate da un testimone in un video, avevano portato a grandi proteste con una manifestazione a Nairobi e in altre città africane che mettevano i riflettori sul moderno schiavismo dei paesi di matrice islamica sulla manovalanza africana.
Tempo fa una collega giornalista mi ha raccontato di aver viaggiato, ad Addis Abeba, con una ragazza etiope che stava recandosi in Arabia Saudita per lavoro. Sapeva di non avere altra scelta per mantenere la famiglia, ma piangeva disperata perché alcune amiche le avevano raccontato dei soprusi che avrebbe dovuto subire e del rischio di non tornare mai più in patria. C’è da sperare almeno che storie tragiche come quella di Celina anche in Kenya possano far dire di no a tanti giovani tentati da guadagni dignitosi in Paesi che non lo sono affatto, specie con gli africani.

TAGS: arabiamorti kenyaemigranti

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un ordigno piazzato sulla strada ha provocato questa mattina l’esplosione di un autobus di linea nei...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono ufficialmente iniziati i lavori di rifacimento dei terminal 1B e 1C dell’aeroporto internazionale Jomo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Se n'è andata, alla venerabile età di 88 anni, la "scenografa d'Africa" Eva Monley.
Il suo...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in Kenya: i dati del Kenya Wildlife Service che riguardano l'anno che si sta per chiudere sono confortanti per quanto riguarda il bracconaggio.
I casi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya, attraverso le direttive del Ministero della Salute, ha deciso di bandire l'utilizzo della shisha, ovvero il fumo attraverso il caratteristico narghilè.
La shisha è diventata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora due giorni di attesa nell'infinita telenovela elettorale del Kenya che da tre mesi e mezzo ha portato tensioni, incertezze economiche e sociali, confusione e morti in tutto il Paese.
Lunedì prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’aviazione civile di Dubai ha temporaneamente sospeso tutti i servizi di trasporto aereo, in entrata...

LEGGI L'ARTICOLO

Un terribile incidente occorso ad un bus sulla tratta Nairobi-Kisumu, all'altezza di Fort Ternan nel distretto di Kericho, fa salire i morti per incidenti stradali in Kenya, dall'inizio dell'anno a 2350. 
Solo questa...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Miglior cucina francese di tutta l'Africa, Ristorante più romantico dell'Africa, Miglior presentazione dei piatti a livello continentale, miglior ristorante africano a conduzione familiare, Miglior ristorante a tema dell'Africa, Primo premio per l'ambiente più lussuoso, Miglior "food styling" dell'Est Africa, Miglior...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha sempre suonato strano usare la parola “emigrante” per definire un italiano in Kenya.
Eppure...

LEGGI IL RICORDO

In Italia l’età del consenso è una delle più basse d'Europa e del mondo, infatti è fissata a ...

LEGGI L'ARTICOLO

Molti più guariti che nuovi positivi e solo 2 morti. Così il Kenya guarda la sua curva ...

LEGGI L'ARTICOLO

Un’altra strage della strada in Kenya, con 12 morti e almeno altrettanti feriti, per via dei trasporti notturni e di ...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ di 30 morti al giorno la media dell’ultima settimana in Kenya per quanto riguarda i casi...

LEGGI L'ARTICOLO

Un altro spaventoso incidente prima dell'alba sulle strade del Kenya, e ancora una volta per via di un...

LEGGI L'ARTICOLO