Ultime notizie

RICORDO

Il mio Capitano di Lungo Sorso

Non solo un amico che mi ha fatto capire l'Africa

22-05-2021 di Freddie del Curatolo

Ancora non riesco a crederci, mio Capitano.
Da lupi di mare come te, così avvezzi a naufragi e risalite a galla, vele a poppa e ribaltamenti inaspettati, avrei voluto un epilogo da nocchiero di Melville: scomparire tra i flutti sorridendo con il sigaro in bocca, attento a non rovesciare il bicchiere di rum invecchiato.
Lui sì, tu eterno uomo: mai immaturo come i giovincelli, mai con la presunzione dei troppo saggi.
Invece ci siamo salutati dopo il consueto rito stagionale della cenetta prima della tua partenza, litigando su Aristarco e Tolomeo con buon jazz in sottofondo e scherzando come sempre sulle cose buone che avresti gustato in Italia alla faccia nostra.
Fave fresche, pecorino e vino buono.
Ti hanno aggredito a terra, in una terra ormai straniera.
E’ stata un’aggressione vigliacca, impietosa, ingiusta.
Avrebbero dovuto darti il tempo almeno di tornare davanti all’Oceano, mio Capitano.
Oltre che il migliore amico di mio padre (e come non avrebbero potuto, due elementi così, all’apparenza diversissimi tra loro ma così simili nel proteggere dall’esterno i loro fragili, umanissimi sentimenti?) sei stato per me un maestro di vita.
Come i più grandi mentori, lo hai fatto senza mai la pretesa di insegnarmi niente e senza mai mettere la parola “io” davanti alla parola “vita”.
E nella tua vita c’erano il viaggio, l’esperienza, la conoscenza, la curiosità.
C’erano Bukowski e Debussy a braccetto, c’era Dante che leggeva il Vernacoliere, c’era il Capitano Achab sul dorso di Moby Dick che fischiettava “Mood Indigo”.
Quando sono arrivato a Malindi la prima volta, nel 1990, c’eri tu ad attendermi davanti alla prima tusker. Era tutto nuovo e il Capitano di Lungo Sorso fu la sorpresa italiana più appassionante.
Era una Malindi di pirati, pionieri, sognatori, avventurieri, artisti, cortigiane, ricercati, falliti, donne coraggiose e innamorate, contrabbandieri e amanti dell’Africa.
Per un giovane che sognava di fare lo scrittore, la sola “colonia” di espatriati proponeva decine di romanzi...e poi c’era tutto il resto, c’era il Kenya!
Sei stata tu la mia prima guida, il metronomo oscillante tra la voglia folle di godersi ogni stilla di libertà e la più rilassante ed introspettiva maniera di far scorrere le cose sopra di sé, come le nuvole nell’immenso cielo basso dell’equatore. Un metronomo che tornava sempre al centro, smussando i miei estremismi giovanili, le ideologie e i luoghi comuni e falsi miti sull’Africa.
Questa era la filosofia, fatta di discussioni etiliche fino all’alba e momenti interminabili di silenzio davanti ad un tramonto, andando a cercare tutti i posti dove il sole scomparisse più vicino possibile all’oceano.
Sarà il motivo per cui sei presente in ogni libro che ho scritto su questo posto?
In ogni mio racconto, in ogni discorso su Malindi, su quanto siamo stati così criminalmente vicini alla libertà, alla bellezza e alla felicità assoluta che solo nei sogni puoi vivere, ci sei tu.
Te ne vai in giorni come questi in cui gran parte della gente si sta abituando a pensare che libertà, bellezza e felicità vogliano dire non dover avere paura.
Ce lo saremmo detti nella prossima cena africana, tra un risotto, un amarone e un Charlie Parker, che non c’è più grossa bischerata di questa.
Nei sogni c’è eccome la paura, insieme alla meraviglia. Ci sono addirittura gli incubi.
La paura fa parte della vita, ma se non sei schiavo di nulla, sai che ti sei guadagnato tu anche quella, insieme alle delusioni e alle sconfitte.
E puoi sempre raccontarla, smitizzarla, sbeffeggiarla.
Bevendoci sopra e bevendo piano, come hai sempre cercato di insegnarmi a fare.
Dovesse mai prevalere la tristezza, bischero, puoi sempre tornare tra le onde.
Capitano, Mio Capitano di Lungo Sorso, Beppino, Beppao, Musett’appunta...ti lascio con le parole a te care di Herman Melville, all’inizio di Moby Dick.   
“Ogni qual volta mi accorgo di mettere il muso. Ogni qual volta giunge sull’anima mia un umido e piovoso novembre. Ogni qual volta mi sorprendo fermo, senza volerlo, dinanzi alle agenzie di pompe funebri o pronto a far da coda a ogni funerale che incontro e specialmente ogni qual volta l’umore nero mi invade a tal punto che soltanto un saldo principio morale può trattenermi dall’andare per le vie col deliberato e metodico proposito di togliere il cappello di testa alla gente, allora reputo sia giunto per me il momento di prendere al più presto il mare”.
 
Il tuo scrivano di bordo, Alfredo.

TAGS: beppe malindicapitano malindiricordo malindi

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A Malindi ci sarà sempre e solo un Capitano.
Il Capitano di Lungo Sorso...

LEGGI L'ARTICOLO

E' andata "on air" la terza puntata della radio dal vivo "Good Night Malindi" ideata da Freddie per allietare i giovedì del Baby Marrow Art & Food della cittadina keniana ad alto tasso di connazionali.
Durante la serata, tra canzoni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà officiata da Padre Orazio alla S.Anthony Cathedral di Malindi, oggi 24 febbraio 2017 alle 16, la messa in ricordo di Marco Vancini, l'imprenditore italiano ed ex console onorario di Malindi scomparso due anni fa in un tragico incidente stradale...

Parla con il singhiozzo, il giovane Jordan Gaetano, figlio di Ennio Grasso scomparso...

LEGGI L'ARTICOLO

“L’Africa è stata il respiro e la vita della mia infanzia. Essa è ancora...

LEGGI LA CITAZIONE

Dopo un anno di "purgatorio" per notizie assolutamente inventate come il virus ebola, o indebitamente gonfiate come il terrorismo, che nella Contea di Kilifi non ha mai fatto un graffio a nessuno, oltre al turismo africano e a una timida...

LEGGI TUTTO

Il 2017 a Malindi e Watamu incomincia nel segno dei personaggi che scelgono il Kenya per riposarsi e prendere un po' di caldo.
C'è chi ha deciso di far passare le feste (o aveva il classico impegno inderogabile del concerto...

LEGGI TUTTO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si svolgeranno domani, venerdì 20 aprile, le esequie di Giancarlo Cecchetti, il settantaduenne romano residente a Malindi che ci ha lasciato ieri mattina...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la voglia di vivere Malindi e torna il piacere delle feste degli italiani nelle tante splendide ville di Casuarina e dintorni.
Un sintomo felice della ritrovata serenità e sicurezza della località turistica che spesso viene data per morente o...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Questa mattina, venerdì 25 agosto, alle 11 alla S.Anthony Church di Malindi dietro Lamu Road a Malindi, verrà dato l'ultimo saluto al "Colonnello" di Malindi Tiziano Traldi, scomparso la scorsa settimana a ottantacinque anni. (LEGGI QUI IL RICORDO...

Una giornata davvero particolare quella vissuta sabato dai membri del Malindi Golf and...

LEGGI L'ARTICOLO

L'edizione 2017 dell'East Africa Classic Safari Rally si è aperta in maniera funesta: durante la tappa di ieri, secondo giorno della competizione, un incidente ha coinvolto il direttore e patron del Rally

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio mal d'Africa risale a tanto tempo fa.
Dicembre 1971,avevo 17 anni e ricordo perfettamente (perchè la rivivo ogni volta che torno)la sensazione di essere arrivata,di essere a casa.
 

LEGGI TUTTO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO