Ultime notizie

FAUNA MARINA

Kenya ottava meraviglia del mondo per vedere i Nudibranchi.

Colori e forme fantastiche delle "farfalle di mare"

10-09-2009 di Angelo De Faveri

Il mare del Kenya è una delle otto meraviglie del mondo dove poter ammirare i nudibranchi.
Si potrebbe pensare a strane specie che se vanno in giro in branco e tutti nudi, in realtà i nudibranchi sono una specie di lumache di mare, coloratissimi al punto di essere chiamati, in Indonesia, “farfalle di mare”. Si possono incontrare in tutto il mondo a tutte le profondità, anche se la maggior parte delle specie vive in acque calde e poco profonde, sebbene siano state trovate specie anche nei mari dell'Antartide.Basta effettuare una ricerca su internet per rendersi conto che i Nudibranchi sono estremamente popolari nell’ambiente subacqueo, soprattutto dal momento che la subacquea, per i veri amanti di questa attività, non è fatta più solo di squali e tartarughe ma regala anche questi piccoli gioielli che in Kenya sono così presenti da rendere un’immersione un vero viaggio alla scoperta delle molteplici specie differenti di questi incredibili e affascinanti invertebrati, soprattutto quando si è accompagnati da guide che sanno dove trovarli e come riconoscerli.  Dotati di corpo morbido e flessibile presentano forme e colori che possono variare enormemente al punto che tra i nudibranchi si possono trovare le creature più colorate sulla terra. Sono animali tipicamente bentonici, che vivono sul reef corallino (anche se alcuni, come la ballerina spagnola, possono nuotare tramite i movimenti del corpo ed altri possono vivere in alto mare addirittura galleggiando) , molti di loro sono caratterizzati da un simpatico ciuffetto colorato, usato per respirare, e da cornini, dal nome di rinofori, usati come organi sensoriali. I colori e la presenza dei cornini danno al nudibranco un aspetto simpatico da cucciolo anche se in realtà l’animalino in questione è cieco e non interagisce con il subacqueo, in ogni caso la sua vita è interessante e non monotona come potrebbe sembrare, infatti sono animali carnivori (alcuni si nutrono di spugne e altri organismi marini, altri sono addirittura cannibali) e sono pure ermafroditi, anche se devono accoppiarsi fra loro (interessanti le foto della galleria di Blue Fin Diving al riguardo).   La colorazione così vistosa e varia viene utilizzata dal nudibranco come sistema di protezione o per raggiungere il giusto grado di camuffamento o per segnalare la propria velenosità o non commestibilità. Questa enorme varietà di forme e colori, sia a scopo mimetico che difensivo ha determinato una varietà tale da non trovare simili in alcun altro genere animale. La loro bellezza e la facilità con la quale si possono osservare, soprattutto in Kenya, insieme all’accessibilità ai sistemi digitali ha certamente contribuito a spingere sempre più persone verso la fotografia subacquea. Perfino gli stessi istruttori e guide della Blue Fin Diving che si immergono quotidianamente , spesso trovano specie che non erano ancora state osservate e classificate in Kenya. Questo rende i reefs  del Kenya una destinazione d’elezione per tutti quei subacquei appassionati non solo alla macrofotografia ma anche alla semplice osservazione di queste interessantissime e coloratissime specie marine. Da poco il Kenya “subacqueo” comincia ad essere conosciuto per la sua notevole quantità  di specie differenti ed enorme biodiversità ( e non solo per i nudibranchi) , e così subacquei che erano soliti girare il mondo fino alle località più lontane e costose stanno cominciando a recarsi in Kenya per scattare foto a specie che fin’ora erano riusciti a trovare solo in Papua Nuova Guinea! Tutte le specie del Kenya osservate sono state inviate al grande database di nudipixel , sito che raccoglie foto e dati di nudibranchi da ogni parte del mondo,e che ha posto la località Kenya all’ottavo posto fra tutte le località del mondo per numero di specie, subito dopo mete ben più note e famose per la subacquea come Indonesia, Australia e Malesia. Ad oggi ben 126 differenti specie registrate in Kenya! (ammirale suwww.nudipixel.net )  sicuramente destinate ad aumentare, i piccoli gioielli del mare ti aspettano sui reef di Malindi e Watamu!

TAGS: nudibranchi kenyapesci kenyabarriera kenyareef kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Con tutti i problemi che la mancanza di turismo nell’ultimo anno in Kenya, per le ben note...

LEGGI L'ARTICOLO

Un gruppo di donne sta riportando in vita la barriera corallina intorno all’isola di Wasini, a sud di...

LEGGI L'ARTICOLO

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono già 17 gli hotel e resort della costa keniana ad aver messo al bando le bottiglie di plastica e le cannucce per le bibite.
La decisione è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà probabilmente colpa del riscaldamento globale, di correnti nuove influenzate dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e...

LEGGI L'ARTICOLO

I residenti di lungo corso di Malindi piangono oggi un altro dei loro storici fratelli. 
Uno dei simboli di un Kenya che non c'è più, ma che nei ricordi è quanto di più evocativo, romantico e letterario possa essere collegato...

LEGGI TUTTO

Gli operatori del settore turistico sono quantomai sul piede di guerra per la questione delle navi che dragano da tempo la...

LEGGI L'ARTICOLO

Festeggiare la domenica di Pasqua in riva all'Oceano Indiano, nella pace di Mayungu di fronte agli...

LEGGI L'ARTICOLO

In anticipo rispetto all’arrivo dell’alta stagione e in coincidenza con la Settimana...

LEGGI L'ARTICOLO

E' una delle location più richieste del litorale tra Malindi e Watamu e non solo per...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni anno, e per il tredicesimo consecutivo, la spiaggia organizzata più famosa di Malindi riapre i battenti.
Da domenica 15 luglio tornano i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il pomeriggio era ventilato e portava nuvole grandi che in tutta la mia vita non avevo mai visto così basse.
Sembrava le potessi toccare e modellare con un dito. Questo cielo "touch-screen" mi aveva contagiato fin dal primo giorno della...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Il pomeriggio era ventilato e portava nuvole grandi che in tutta la mia vita non avevo mai visto così basse.
Sembrava...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Nell'ambito degli weekend dedicati all'arte e al talento locale, anche questa sera al Baby Marrow durante la cena, il pittore tanzaniano Feruzi espone le sue opere e presenta in diretta l'arte africana del "tinga tinga" di cui lui è uno dei...

LEGGI TUTTO

Il Kachumbari è la classica insalata keniana di accompagnamento ai piatti, non solo alle...

LEGGI LA RICETTA