Ambiente

AMBIENTE

Zero turismo, l'oceano in Kenya si ripopola di specie rare

Le stelle marine sopravvivono, senza la moda stupida dei selfie

05-03-2021 di Leni Frau

Con tutti i problemi che la mancanza di turismo nell’ultimo anno in Kenya, per le ben note cause di forza maggiore, c’è qualche piccolo sollievo che riguarda la Natura ed il mondo degli animali.
In particolare parliamo delle spiagge costiere del Paese dove finalmente tornano a vedersi specie di pesci e di invertebrati che da tempo si nascondevano o giravano alla larga per via della presenza umana, o che ne subivano le più stupide abitudini.
Innanzitutto le stelle marine.
Dopo la moria a cui sono state sottoposte da anni a questa parte per la moda imbecille di farsi i selfie con loro tirandole fuori dall’acqua, con la mancanza di turisti poco acculturati sull’argomento e spinti da ragazzi di spiaggia e guide improvvisate ancora meno informati e poco attenti anche a loro stesso discapito, sulle spiagge coralline e vicino alla barriera sono tornate a centinaia, nelle loro colorazioni che dal rosso vivo variano fino al violetto e al blu.
Accanto a questa meraviglia dei mari caldi equatoriali e tropicali, che se viene tirata fuori dall’acqua può morire di stress dopo pochi minuti, ci sono altre specie di pesci, come il pagliaccio, il pesce angelo e il pesce imperatore. Tornano felicemente a deporre le uova le tartarughe marine e nella barriera di Watamu splende la bellezza dei coloratissimi nudibranchi.
Bisogna però fare anche attenzione alla “libera uscita” delle murene e all’approdo in superficie del pericolosissimo pesce pietra, l’esemplare ittico più velenoso che esista. Uno shock anafilattico del suo potente veleno può anche causare l’infarto cardiocircolatorio.
Quando la Natura si riprende il mare, insomma, torna ad essere di quella selvaggia bellezza che solo il carburante, l’inquinamento, le creme solari e altre invenzioni umane possono distruggere.
Bisognerebbe approfittare di questo momento per far sì che il ripopolamento del Kenya da parte dei turisti non debba una volta di più coincidere con il deterioramento dell’ambiente. Ma il condizionale è più che mai d’obbligo.

TAGS: oceano kenyaambiente kenyabarriera kenyapesci kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un gruppo di donne sta riportando in vita la barriera corallina intorno all’isola di Wasini, a sud di...

LEGGI L'ARTICOLO

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Festeggiare la domenica di Pasqua in riva all'Oceano Indiano, nella pace di Mayungu di fronte agli...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà probabilmente colpa del riscaldamento globale, di correnti nuove influenzate dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e...

LEGGI L'ARTICOLO

In anticipo rispetto all’arrivo dell’alta stagione e in coincidenza con la Settimana...

LEGGI L'ARTICOLO

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Come ogni anno, e per il tredicesimo consecutivo, la spiaggia organizzata più famosa di Malindi riapre i battenti.
Da domenica 15 luglio tornano i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una speciale carta d’identità per distinguere i pescatori kenioti autentici e in possesso di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Per la dodicesima volta consecutiva ogni mese, più altre iniziative estemporanee, il movimento Malindi Green...

LEGGI L'ARTICOLO

Circa a 3 ore di macchina dall' aeroporto di Mombasa, nei pressi di Malindi (città famosa, ahimé, soprattutto per il lussuoso resort di Briatore), c'e la località di Watamu; lì si vive “pole pole” ovvero “piano piano”, non ci sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Watamu in strada per difendere la sua bellezza e la salute pubblica, prima del ...

LEGGI L'ARTICOLO

I residenti di lungo corso di Malindi piangono oggi un altro dei loro storici fratelli. 
Uno dei simboli di un Kenya che non c'è più, ma che nei ricordi è quanto di più evocativo, romantico e letterario possa essere collegato...

LEGGI TUTTO

Un pranzo di Natale luculliano ma in riva all'Oceano Indiano?
Non solo è possibile, ma avviene proprio davanti agli atolli di sabbia della barriera corallina di Mayungu, nel ristorantino sulla spiaggia del Malaika Beach Villas, con lettini ed annessi servizi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una giornata speciale come quella di Ferragosto può essere vissuta nella fantastica cornice della baia di Mayungu, di fronte agli atolli di sabbia sulla barriera corallina che sono meta preferita di tutti i turisti che amano l'oceano indiano e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO