Ultime notizie

NEWS

Nuove regole per proteggere la vita marina in Kenya

Multe e prigione, stop a pesca a strascico, conchiglie e coralli

09-03-2020 di redazione

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e della Pesca del Kenya e verranno fatte rispettare dalle autorità marittime della costa.
Tutto questo per salvaguardare la vita marina e la sopravvivenza di coralli e di specie che rischiano di scomparire.
Chiunque verrà sorpreso a raccogliere conchiglie e coralli, anche morti, sulle rive dell’Oceano Indiano e lungo la barriera, sarà passibile di una contravvenzione che potrà variare da un minimo di Kes. 50.000 (circa 500 euro) a Kes. 1.000.000 (circa 10 mila euro) e fino ad un anno di reclusione.
Chiaramente le nuove regole non sono state emesse ad hoc per i turisti, ma soprattutto per la popolazione locale: infatti i punti principali riguardano la pesca (due anni di prigione o 2 milioni di multa a chi userà reti da strascico), le imbarcazioni (dovranno essere registrate perfino le canoe) e le modalità di pesca dei crostacei. Le nuove norme prevedono anche il divieto di utilizzare mezzi meccanici per estrarre le ostriche dai loro ambienti naturali, che sono quasi sempre le foreste acquatiche di mangrovie.
La politica del Ministero dell'Agricoltura intende affrontare le sfide nel sotto-settore della pesca, come i bassi investimenti nella pesca d'altura, la manodopera inadeguata e le competenze nel sotto-settore, la pesca inadeguata, il monitoraggio, il controllo e la sorveglianza.
“Nessuno può utilizzare un peschereccio nelle acque marine del Kenya o l'operatore di un peschereccio che opera al di fuori di tali acque, utilizzare reti da posta derivanti di grandi dimensioni” cita in parte il progetto.
Le nuove norme tengono conto anche degli acquari: chiunque ne possegga uno, dovrà denunciare fin dall’inizio cosa è contenuto dentro e dovrà tenere un registro di eventuali aggiunte di specie, modifiche e delle cause di morte dei pesci contenuti dentro.

TAGS: coralli kenyaconchiglie kenyapesca kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Gentile redazione di Malindikenya.net.
Vorrei fare riferimento ad un vostro articolo, pubblicato qualche settimana fa, nel quale si ricordava ai nostri connazionali l’esistenza di leggi ben precise relative a trofei , coralli, conchiglie e quant’altro.
Mi corre l’obbligo, quale Honorary...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Conchiglie nelle abitazioni keniote: basta una ricevuta del negoziante, o della bancarella (con timbro o dati certi del venditore) e non ci saranno problemi.
Un altro passo avanti per la corretta detenzione di conchiglie nelle case di Malindi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nell'ambito della campagna contro il bracconaggio e il traffico illegale di ogni feticcio animale in Kenya, oltre alla tutela dell'ecosistema, vale la pena ricordare che da un po' di tempo la legge keniana è molto più severa e intransigente con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un gruppo di donne sta riportando in vita la barriera corallina intorno all’isola di Wasini, a sud di...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche Malindi ha festeggiato la giornata mondiale dei rangers e lo ha fatto confermando lo spirito di collaborazione tra il Kenya Wildlife Service e la comunità straniera della cittadina.
Alla presenza del Senior Warden Jane Gitau, il KWS si è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli esperti e gli appassionati lo chiamano il “Santuario dei Coralli”, uno splendido fazzoletto sottomarino ...

LEGGI L'ARTICOLO

Tra poco più di una settimana, in Kenya ed in particolare sulla costa tra Malindi, Watamu e Mambrui, arriveranno molti turisti italiani, in coincidenza con le festività natalizie e di fine anno.
Alcuni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Venti chilometri prima di Malindi, dopo i villaggi di Chumani e Matsangoni, s'incontra l'insenatura di Mida, caratterizzata da foreste di mangrovie, piante le cui radici sono in acqua salata. 
A Mida si possono osservare specie molto rare e affascinanti di...

LEGGI TUTTO

Nei prossimi giorni, complici le ferie italiane, in Kenya ed in particolare sulla costa tra Malindi, Watamu e Mambrui, arriveranno molti turisti italiani.
Alcuni sono già avvezzi essendo assidui frequentatori del Paese, ma molti saranno alla loro prima esperienza in...

LEGGI QUI I CONSIGLI

Sarà probabilmente colpa del riscaldamento globale, di correnti nuove influenzate dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sabato 4 gennaio per la prima volta a Malindi tutti gli appassionati di diving, snorkeling e gli amanti ...

LEGGI L'ARTICOLO

Cartelli dappertutto per educare turisti e residenti a salvaguardare l'ambiente marino, e bidoni per raccogliere i rifiuti.
La campagna di sensibilizzazione per il rispetto e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Kenya e Somalia sono da anni ai ferri corti per la questione dei confini marittimi sull’Oceano Indiano.
Dopo anni di...

LEGGI L'ARTICOLO

Una speciale carta d’identità per distinguere i pescatori kenioti autentici e in possesso di ...

LEGGI L'ARTICOLO

A Malindi si torna a pescare per sport e si festeggia un anniversario importante.
I sette...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Grazie anche alla consulenza di Malindikenya.net, il progetto di fortificazione per salvare le rocce del ...

LEGGI L'ARTICOLO